L’NBAZena resta a Genova

L’NBAZena resta a Genova

 

3 luglio 2014

Abbiamo corso, seriamente, il rischio di dover rinunciare alla Serie A2, diritto che avevamo acquisito mesi fa al termine di una stagione esaltante; abbiamo anche preso in considerazione la possibilità di “emigrare” a Chiavari. Invece resteremo a Genova; In assenza di alternative di sponsorizzazione è stato determinante il buon cuore di PierGiovanni Capellino, titolare dell’azienda Almo Nature, che, pur in assenza di obblighi contrattuali, ha scelto di restare al nostro fianco per un’altra stagione. Molti i cambiamenti nel roster, ancora da completare… sarà difficile ripetere l’esaltante stagione del nostro esordio in Serie A2, ma ci proveremo…

 

Link all’articolo

(Federico Grasso, per “Il Corriere Mercantile”)
LA STORIA
II campo del PalaDonBosco è uno dei pochi agibili per le competizioni nazionali e ha portato fortuna nell’ultima stagione
L’NBA-ZENA ESULTA. RESTA A GENOVA.
«UNA GRANDE GIOIA»

Anche per la prossima stagione il New Basket A-Zena manterrà fede al suo nome, e disputerà il campionato di serie A2 femminile sotto la Lantema.
La voce che dissipa i dubbi sulla possibile destinazione della squadra meglio altolocata nella geografia dei canestri è del presidente Carlo Besana, che scioglie con qualche giorno di anticipo le riserve sul campo di casa.
«Ci sarebbe stato tempo fino al 9 luglio – precisa il numero uno della società rosanero – per comunicare dove saremmo andati a giocare, e abbiamo valutato la possibilità offerta dal palazzetto di Chiavari. Ma abbiamo preferito rimanere a Genova, al PaladonBosco, dove daremo vita a un’altra stagione che ci auguriamo di disputare nel migliore dei modi possibili».
Il campo dei salesiani, pur con qualche limite funzionale (circoscritte finestre temporali di utilizzo, scarsa possibilità di parcheggio se non alla Fiumara, qualche vicissitudine gestionale), è uno dei pochi agibili a Genova per le competizioni nazionali (PalaCus lunica altemativa), ed ha portato fortuna al debutto dell’NBA-Zena in A2.
L’altro imprescindibile compagno di viaggio è stato l’Almo Nature, che ha in mente nuovi programmi per il futuro.
«Devo riconoscere – sottolinea ancora Besana – la signorilità di Pier Giovanni Capellino, il patron dell’Almo Nature: non ci ha voluto lasciare soli e, in attesa di un main sponsor “sostitutivo”, ci sta garantendo la possibilità di allestire una squadra competitiva. Stiamo cercando risorse in ogni direzione, anche all’estero, ma il momento non è dei più facili; purtroppo in altre piazze il territorio sembra rispondere meglio».
Nel campo dello staff tecnico hanno prevalso le conferme, con il tandem Vittorio Vaccaro-Andrea Brovia in panchina, la figura di Manuela Pietronave come preparatrice e il solo innesto di Andrea Grandi come team manager.
Non altrettanto si può dire del roster, che sta vivendo un vero e proprio stravolgimento.
Attualmente soltanto due i volti noti, la neo capitana Sara De Scalzi e l’arrivo di metà stagione Valentina Costa; hanno salutato Genova Martina Bestagno, che ha conquistato l’europeo con la nazionale italiana e si è accasata in A1, Belfiore, Piermattei Algeri, Bindelli e Cerretti.
Nuovi arrivi in riva al Mar Ligure la prima straniera Ana Bozic, ventiseienne croata, Giulia Vanin ed Alessandra Visconti.
Nei prossimi giorni sono attesi altri annunci: di sicuro non contemplano la spezzina Sara Crudo e la genovese Elena Ramò, entrambe accasate in A1 e impegnate a Udine per l’Europeo under 20.
Per Elena Ramò, talento classe 1994 sbocciato alla Sidus Life&Basket Genova, il compito di difendere la medaglia d’argento conquistata la scorsa estate in Turchia. Primo appuntamento oggi alle 20.45 contro l’Olanda.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.