Quella volta che, a Minorca, sfidai il vip arabo…e nacque il mito del “castello fatato”…

Quella volta che, a Minorca, sfidai il vip arabo…e nacque il mito del “castello fatato”…

 

 

23 anni fa, a Minorca, una divertente sfida canora con un vip arabo…
ed iniziò, per me e Susanna, il mito del “castello fatato”…

 

Minorca, isola semplicemente stupenda…
estate 1997…

nel corso di una piacevolissima vacanza all’Hotel Pueblo io e Susanna facciamo conoscenza con un gruppo di genovesi, molto simpatici…

“galeotto” un “belin!!!” sentito pronunciare da uno di loro mentre stiamo cercando di chiamare da una cabina telefonica pubblica…

un pleonastico ”wow, siete di Genova???”…

ed ha inizio una delle nostre vacanze (a mia memoria) più divertenti con Fulvia, Betta, Massimo ed Ale

(al ritorno Massimo ed Ale, che abitavano dalle parti di Oregina, non proprio a due passi dal Cep, vennero al Pianacci – del quale avevo iniziato ad occuparmi a marzo 97 – e gratuitamente montarono l’impianto d’allarme che ancora oggi è ben funzionante…)

 

da sinistra: Massimo, Betta, Alessandro, Fulvia, Susanna, io
(clicca per ingrandire)

ero, già allora…, il più vecchio (e di gran lunga) del gruppo, ma mi “guadagnai” sul campo, con mia viva soddisfazione, la qualifica di “allegro farmacista”…

con loro partecipai alla festa più pazza che io mi ricordi, la “fiesta de l’espuma” alla Cova d’en Xoroi, una spettacolare discoteca incastonata in una grotta a strapiombo sul mare di Minorca…

nel corso della serata i cannoni posizionati in più parti della pista lanciarono schiuma ininterrottamente, coprendoci tutti, completamente…
mi divertii un sacco, e fu necessario togliersi un po’ di indumenti, letteralmente fradici…

tornai all’albergo seminudo, coperto da un telo occasionale e mantenendo, per quanto possibile, un certo aplomb, augurai la buona notte al portiere, trattenendo a stento una risata liberatoria…
nello stesso tempo pensai, con un po’ di imbarazzo, a cosa avrebbe pensato mia mamma se mi avesse visto così…

 

Cova d’en Xoroi – foto travel.fanpage.it
(clicca per ingrandire)

verso la fine della vacanza, andammo a cena in un rinomato ristorante, El Pescador, che si trova a nord dell’isola, a Fornells…

ricordo ancora la strepitosa paella, guarnita anche da aragosta

ad un certo punto della serata gli unici clienti presenti eravamo noi ed un gruppo, molto rumoroso e caciarone, a poca distanza dal nostro tavolo, alle mie spalle.

Il cameriere venne a scusarsi per il disturbo dato dai nostri rumorosi vicini…

il gruppo era formato da un ricco arabo, con un mega yacht attraccato a Fornells, che aveva portato a cena il suo staff ed un po’ di ragazze…
una cena in cui abbondavano, fin dall’inizio, alcolici e superalcolici…

rassicurammo il cameriere, d’altro canto siamo italiani ed un po’ di caciara non ci poteva dare fastidio…

ad un certo punto il cliente arabo iniziò a cantare, a voce molto alta, un brano cui sono molto affezionato, che fa parte della mia playlist ideale degli anni ’60…

era “Delilah”, brano che lanciato da Tom Jones vendette milioni di dischi in tutto il mondo, compresa l’Italia
(la versione originale, unitamente alla cover di Jimmy Fontana “La nostra favola”, fu sul podio dei singoli più venduti nel 1968, superata solo da “Azzurro” e “La bambola”…)

dunque, dicevo, il cliente arabo, a dir poco un po’ alticcio, iniziò a cantare a squarciagola “Delilah” ma dopo la prima strofa, prima del ritornello, fu vittima di una leggera, fatale esitazione…

ed è lì che, a sorpresa, decisi di inserirmi…
con tempi perfetti attaccai il ritornello (in lingua originale).

My my my Delilah
Why why why Delilah
So before they come to break down the door
Forgive me Delilah I just couldn’t take any more

 

Lo colsi, terribilmente, di sorpresa, e lui rimase basito…smise di cantare…

dopo qualche secondo d’incertezza partì un applauso, io mi girai e con un cenno di saluto con la testa alzai il bicchiere verso di lui…
e lui, di rimando, partì con “’O sole mio”…

la cantammo tutti insieme, allegramente…
ma, sotto sotto, confortato dall’entusiasmo dei miei amici, sentii proprio di aver vinto la sfida diretta, sul suo terreno…

da quel giorno “Delilah” divenne, per me e Susanna, un brano ancor più mitico…

Susanna, spesso e volentieri, soprattutto quando siamo insieme, spensierati, sullo scooter, mi invoglia a cantarlo insieme, a squarciagola, nella più facile versione italiana…

quella che inizia con
“c’era una volta un bianco castello fatato”

e si chiude con
“tu sarai sempre regina ed io il tuo re”…

ecco spiegato perché, a distanza di molti anni, abbia scelto di festeggiare il nostro anniversario di matrimonio in un castello “fatato”, alle porte di Firenze…
il posto ideale per continuare “la nostra favola”…

con il divertente ricordo di quella volta che, a Minorca…

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.