Matilde Villa, 16 anni…un 2020 da incorniciare

Matilde Villa, 16 anni…un 2020 da incorniciare

 

 

16 anni compiuti un mese fa, il 9 dicembre, e ritrovarsi già tra le “110 donne del 2020” selezionate dal “Corriere della Sera”…
Impossibile???
No, per Matilde Villa nulla appare impossibile…

 

qualche giorno fa, abbiamo “salutato” il 2020, un anno sicuramente indimenticabile…

sarà non solo indimenticabile, anzi, addirittura un anno da incorniciare, lo può dire a gran voce Matilde Villa, 16 anni compiuti un mese fa, precocissimo talento cestistico che gioca da protagonista in Serie A1, nel Basket Costa, e già molto più di un “prospetto” a livello nazionale…

Il 2019 si era chiuso col “botto”: la vigilia di Natale la Gazzetta dello Sport le aveva dedicato un’intera pagina
(qui l’intero testo dell’articolo)

link all’articolo

 

A 15 anni appena compiuti stava già giocando in Serie A1 con una media di 25 minuti a partita…
incredibile…

ancor più incredibile quello che ha fatto, sul campo, nel 2020…

nel mese di novembre, in una stagione in cui stava già viaggiando a 19 punti di media/partita nel corso della partita contro la Dinamo Sassari, ha realizzato 36 punti in 34 minuti…
un grande exploit, record del basket italiano, perché nessuno, giocatore o giocatrice, prima di lei, era mai riuscito a segnare 36 punti nel massimo campionato a 15 anni…

(qui sotto, nel video di Lega Basket Femminile, la rassegna completa dei 36 punti) 

 

 

 

questa volta il grande spazio non le viene dedicato dal più importante quotidiano sportivo, ma addirittura dallo storico “Corriere della Sera”…
(qui l’intero testo dell’articolo)

 

Corriere della Sera, 1 dicembre 2020
– l’articolo di Roberto De Ponti –
(clicca per ingrandire)

 

la sua fama varca i confini nazionali, con interviste alla stampa specializzata in Spagna ed in Francia…

 

L’articolo di “Gigantes del Basket”
– 28 novembre 2020 –
(clicca per ingrandire)
L’articolo di “Basket Europe”
– 1 dicembre 2020 –
(clicca per ingrandire)

Ed arriva anche il Tg1 RAI, un evento più unico che raro nel panorama cestistico femminile nazionale…

 

 

 

Bicio Ranieri, “deus ex machina” del Basket Costa, società che negli ultimi anni ha collezionato titoli nazionali giovanili, rivela al Tg Lombardia la sua “ricetta vincente”…

 

 

 

 

Il meglio però deve ancora venire…

quindici giorni fa, il 28 dicembre, lo storico quotidiano pubblica uno “speciale”…
“Le 110 donne del 2020 secondo il Corriere – Pioniere, creative, influencer, rivoluzionarie, resilienti, anticonformiste. Ecco le nostre 110 donne del 2020. Un mosaico di vite straordinarie, raccontate per voi dai giornalisti e dalle giornaliste del Corriere”.

E proprio lì, tra Angela Merkel, Barbra Streisand, Chiara Ferragni, Elisabetta II, Franca Valeri, Giovanna Botteri, Ilaria Capua, Ursula Von der Lyden
nel “riquadro” numero 77 c’è anche lei, Matilde Villa…

 

“Le 110 Donne del 2020” – copertina
(clicca per ingrandire)

 

“le 110 Donne del 2020” – Matilde Villa –
(clicca per ingrandire)

 

Matilde Villa
di Gian Maria Canè

Un tempo erano Antonello Riva e Oscar Schmidt, Carlton Myers e Mario Boni.
Essere chiamati «bomber», nella aneddotica del basket italiano, era roba da atleti (maschi) fatti e finiti.

Non è più così.
L’ultimo «bomber» dei canestri ad avere attirato su di sé anche gli occhi dei non appassionati ha il bel sorriso da sedicenne di Matilde Villa.

«Mati», che assieme alla gemella Eleonora gioca nel Limonta Costa Masnaga, piccolo club del Lecchese che sfida le corazzate della serie A, è un fenomeno.

Non solo per l’età, 16 anni compiuti il 9 dicembre.
Non solo perché nella partita contro la Dinamo Sassari, allora gli anni erano quindici, ha messo a segno 36 punti che le sono valsi servizi nei Tg1 e interviste dalla Spagna .
 

Quella di Mati è una bella storia, scritta in provincia, da ragazze, atlete, sorelle, che nell’anno in cui la pandemia ha tolto fiato allo sport, fanno sognare il giorno in cui riapriranno i palazzetti.

Insomma, un 2020 da incorniciare che ha già prodotto effetti sul nuovo anno…

le “imprese” di Matilde Villa (e della gemella Eleonora, pure protagonista nella stessa squadra) non sono sfuggite ad un’importante azienda, l’Acqua San Bernardo, che già sponsorizza nel massimo campionato maschile la storica Pallacanestro Cantù.

L’azienda si è unita agli sponsor che già sostengono il Basket Costa.
Di questi tempi, qualunque sia l’entità del supporto…tanta roba…

 

Credo non occorra aggiungere altro…

Alla prossima, mitica “Mati”…!!!
perché, di certo, questa bella favola non finisce qui…

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.