Manifest-Azione Selvaggia…ovvero: quando l’illegalità è …manifesta

Manifest-Azione Selvaggia…ovvero: quando l’illegalità è …manifesta

28 marzo 2010

In questa mia prima esperienza di campagna elettorale, ho “toccato con mano” diversi tipi di arroganza, che affronterò con più tranquillità fra qualche tempo, “a bocce ferme”…

Quello che ho visto stanotte, però, supera ogni limite di decenza.

Tornato dalla trasferta, in terra lombarda, della mia squadra di basket femminile (sconfitta di un punto, con un macroscopico errore arbitrale all’ultimo secondo…) ho fatto un giro di ricognizione per verificare che non si fossero verificate scorrettezze sui tabelloni elettorali.

Ebbene, alle 2 di notte (quindi ben 26 ore dopo il termine ultimo di affissione) in via Maritano, via Linneo e via Vezzano (quindi quartiere Diamante, Valpolcevera) si presentava lo scenario immortalato dalle foto: tutti (ma proprio tutti, oltre 50) gli spazi occupati da altrettanti manifesti di Nicola Abbundo (Pdl), ancora freschi di colla (alcuni messi pure un po’ male, nel senso che si stavano staccando), segno evidente che erano stati affisi da pochi minuti.

I suoi manifesti dicono: “puoi contarci”..ma non occorre contare, son proprio in numero identico agli spazi disponibili…

la colla è ancora fresca, sgocciolante...e sono le 2.30 circa del 28 marzo, 26 ore dopo lo stop alle affissioni elettorali..
la colla è ancora fresca, sgocciolante…e sono le 2.30 circa del 28 marzo, 26 ore dopo lo stop alle affissioni elettorali..

Ho provato ad avvertire Gianni Crivello, presidente del Municipio Valpolcevera, ed un suo collaboratore (il telefono squillava a vuoto, ho quindi inviato loro un messaggio).

Ho chiamato il 112, segnalando il reato (se non erro materia penale) e chiedendo che venisse inviata sul posto una pattuglia per rilevare il fatto che il reato fosse stato commesso da pochi minuti, quindi ben oltre il limite di legge.

Mi è stato risposto che sarebbero intervenuti solo in flagranza di reato, ed a nulla è valsa la mia osservazione che, anche se avessi avuto quel tipo di fortuna, il tempo occorrente alla pattuglia avrebbe di fatto eliminato la flagranza..nulla..avevo litigato poche ore prima con un arbitro, al termine della partita di basket, e non sono sono riuscito a trovare la forza per litigare anche con una voce delle forze dell’ordine…

E così Nicola, degno discepolo di Silvio, può imperversare impunemente..ad Abbundantia…

il “popolo delle libertà”…le loro libertà, quelle di interpretare le leggi a proprio uso e consumo

Un’ultima riflessione: per certi candidati la scorrettezza è certa, anzi … manifesta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.