Luca Borzani e “Il quartiere della Resistenza”

Luca Borzani e “Il quartiere della Resistenza”

 

18 luglio 2015

 

Luca Borzani

Oggi e domani 8 writers impegnati al Pianacci per l’evento “Arte urbana al Cep – Il quartiere della resistenza”.

Luca Borzani, Presidente della Fondazione Cultura Palazzo Ducale, storico, profondo conoscitore della resistenza ci manda queste righe sull’iniziativa di oggi e domani al Cep!

E vorrei che quei nostri pensieri/ quelle nostre speranze di allora/ rivivessero in quel che tu speri/ o ragazza color dell aurora“: se dovessi scegliere l’accompagnamento musicale ai murales che verranno realizzati al Cep non credo avrei dubbi: “oltre il ponte” , canzone scritta da Italo Calvino e musicata da Sergio Liberovici nel 1959 e poi ripresa dai Modena City Ramblers nel 2005.

Non e’ solo un testo che rimanda al passaggio tra le generazione ma anche alla consapevolezza che la memoria si trasmette se è uno strumento per il presente, se contribuisce a costruire una cornice di speranza, di futuro. Altrimenti si svuota e perde valore.

Come forse hanno perso valore e senso i nomi e i luoghi dell’antifascismo consacrati nella toponomastica del Cep.

Proporre un’azione per la memoria che parta dalla creatività giovanile, che copra con il colore il tanto grigio, che coniughi arte e impegno civile e’ tra le iniziative più forti nel 70 anniversario della Resistenza.
E sarebbe un errore rinchiuderla in una dimensione locale, non assumerla come un evento di valenza per l’intera città.

Perché in realtà di questo si tratta: un laboratorio per raccontare con altri linguaggi l’esperienza di ribellione, di responsabilità individuale e collettiva, di rottura culturale da cui nasce la nostra democrazia repubblicana.
E raccontare con altri linguaggi, diversi da quelli logorati delle commemorazioni, serve, appunto, per ridare senso e significato alle parole e alle storie.

E credo che quanto viene realizzato al Cep sarebbe molto piaciuto ad Arrigo Diodati, l’unico sopravvissuto alla carneficina di Cravasco del marzo 1945.
Vera e propria vendetta del nazifascismo sconfitto verso le forze della Liberazione.

Ed è linguaggio nuovo non solo i murales ma anche la dimensione di cittadinanza attiva che ha progettato l iniziativa.
L’idea, anche questa forte, che la memoria trova i suoi spazi nella partecipazione, nel riscatto sociale di un territorio, in un impegno che e’ appunto responsabilità civile nell’oggi “.

Luca Borzani

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.