L’NBAZena, Candido Cannavò, Don Gallo…

L’NBAZena, Candido Cannavò, Don Gallo…

 

19 ottobre 2010

L’NBAZena è stata la prima società a ricordare Candido Cannavò, storico direttore de “La Gazzetta dello Sport”, scegliendo i colori (rosa e nero) che gli erano più cari ed apponendo, sulle divise da gioco, il logo della Fondazione a lui dedicata.
Nella nuova stagione abbiamo deciso di donare, ad ogni giocatrice delle squadre avversarie, il libro “E li chiamano disabili”, scritto da Candido Cannavò nel 2005.
E’ il nostro modo per andare oltre il rettangolo di gioco…

(da “La Gazzetta dello Sport”
Link all’articolo)

Sono storie che gli sarebbero piaciute.

Le ragazze della Nba-Zena, punto di riferimento del basket genovese, che ogni anno partono con la benedizione di Don Gallo, un “pretaccio” dei suoi; la Geas di Sesto San Giovanni, seguita e consigliata come un figlio quand’è venuto a mancare il presidente Natalino Carzaniga; la pallacanestro Cantù, con la sua storica bandiera Marzorati che testardamente si è preso a braccetto la Gazzetta e l’ha portata tra le macerie dell’Aquila; il Centro Aiuti per l’Africa, che entro Natale inaugurerà un pozzo d’acqua potabile in Etiopia.
Sono la vita e altri giochi di squadra (parafrasando l’ultimo libro di Cannavò), tutti dedicati a Candido.

UNA MAGLIA PER CANNAVO’ — Dal 22 febbraio 2010, data in cui è stata presentata ufficialmente la Fondazione Cannavò per lo Sport, sulle maglie dell’NBA A-Zena è comparso il volto del compianto direttore, a testimonianza di un impegno ben preciso della società genovese.
Che poi si è ripetuta, promuovendo il concorso scolastico “Candidamente, fatemi capire… lo Sport”, con la partecipazione di oltre 250 studenti i cui elaborati hanno preso spunto dalla lettura in classe di articoli scritti da Cannavò.
Quest’anno, il presidente Carlo Besana ha deciso di raddoppiare: in occasione degli incontri disputati al PalaDonBosco, le sue giocatrici regaleranno a ciascuna delle avversarie una copia del libro “E li chiamano disabili”, scritto da Cannavò nel 2005.
Un modo concreto per promuovere il rispetto e l’attenzione verso chi, da una posizione differente e svantaggiata, insegna volontà e forza vitale.

 

(clicca per ingrandire)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.