Le storture della democrazia

Le storture della democrazia

 

4 ottobre 2011

Comizio d’Amore – Lagaccio
(di Enrico Testino)

La confusione è alta sotto i cieli del rapporto tra cittadini e politica e, in questo caso, la…confusione genera mostriciattoli fastidiosi per i meccanismi della democrazia e della partecipazione di tutti.
Tra le tante sbandate della logica mi è capitato di notare un volantino che da alcuni giorni è apparso nelle strade tra via Ponza, salita Oregina, via del Lagaccio, quartiere dove abito.
Recita, tra le altre frasi, il volantino, targato senza possibilità di errore PD – Partito Democratico Lagaccio: 

“Due anni fa ci siamo presi degli impegni con i residenti del quartiere. – Nel dare rappresentatività politica al Lagaccio – Nel dare risposte ai tanti bisogni da tempo attesi. (…) ma i risultati sono visibili a tutti: (…); Sono stati finanziati e realizzati interventi per oltre un milione di Euro, grazie al contributo di regione e Comune tra cui:1) primo lotto di allargamento di via del Lagaccio; 2) interventi…(…)”

In poche parole si dice, o si lascia intendere chiaramente, che il circolo PD Lagaccio non ha svolto solo il compito di promuovere i propri valori e partecipazione politica o, al limite, di attivare percorsi di dialogo tra cittadini e istituzioni ma ha fatto si, con il proprio impegno, che arrivassero finanziamenti e ha scelto quali progetti realizzare.
Affermazione questa piuttosto grave.
Infatti il compito di scelta dei progetti e stanziamento fondi non spetta certo a un partito (che può rappresentare solo i propri simpatizzanti) ma a una Istituzione.

Il volantino mi è sembrata una specie di ammissione pubblica e inconsapevole di colpa.
Il testo continua e, tra altre frasi a mio avviso infelici, convoca, giusto per certificare la confusione tra partito politico e istituzione, una Assemblea PUBBLICA con gli Assessori Margini e Ottonello, oggi, mercoledì 5 ottobre…al Circolo Pd del Lagaccio.
Ovviamente un circolo di partito non è luogo per una assemblea pubblica che discuta dei progetti del quartiere e che favorisca la partecipazione di tutti.
Al limite poteva convocare un incontro del circolo con gli assessori.

O sono loro che hanno le idee confuse…
o siamo di fronte a una antipatica stortura della democrazia. Conosco diversi degli attivisti del circolo PD in questione, hanno una altruistica passione per la politica e il quartiere e sono pieni di entusiasmo. Forse quindi questa visione della politica e del loro partito, che diventa il luogo dove decidere che progetti fare, è solo un giovanile  eccesso di entusiasmo da regolare.
Giovanile…per modo di dire, essendo i loro riferimenti (che potevano meglio consigliare) i decani della politica cittadina.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.