Le idiote equazioni sul terrorismo

Le idiote equazioni sul terrorismo

 

14 novembre 2015

Vorrei scrivere molte cose, ma non ci riesco….
So già per certo che troverebbero facile esca nelle becere polemiche di chi fa equazioni idiote, del tipo “islamici=terroristi”, così come molti anni fa erano altrettanto idiote le equazioni “comunisti=brigatisti” o “siciliani=mafiosi”, poi tradotta, in molte parti del mondo (ed ancora oggi) “italiani=mafiosi”.

Ho letto i post di due cari amici, Udo Janzen ed Enrico Testino.
Li condivido pienamente, esprimono appieno quello che vorrei dire, non occorre aggiungere altro.
E se qualcuno vorrà fare i soliti abominevoli commenti, spero di aver la forza di non replicare.
p.s. : completo il mio post aggiungendo anche il post di Alessandra Rossi

UDO JANZEN 
Chi attacca tutto l’Islam attacca un oltre un miliardo di persone.
Oggi avranno vita facile i denigratori seriali Salviniani e di certa destra becera.
Dovrebbero ricordare che anche in in medio oriente l’Isis compie delitti orrendi.
Chi generalizza ha poco lume, è ignorante o non vede più in la’ del proprio naso.
Vado a bere un caffè da Mehmet.
Come ieri.

ENRICO TESTINO 
La guerra la fanno sempre pochi, a discapito di molti.
Molti in oriente e occidente.
Spero solo, è un pensiero tirato per i capelli, che questi attentati siano frutto della campagna militare della Russia contro l’Isis al quale si è affiancata campagna militare forte Usa. Tutti insieme ad altri eserciti locali.
Campagna di morte ma forse necessaria per una situazione fuori controllo come quella dei territori del califfato.
Spero che questa folle forza dell’Isis sia in difficoltà e in diminuzione e che per questo compia atti eclatanti.
Lo dicevamo tutti, prima della guerra in Iraq, che quella guerra avrebbe provocato una intera regione fuori controllo e nuova patria per criminali estremisti.
In quel contesto son diventati criminali anche altre forze che non lo erano e ora, per arrivare a una pace, se mai si arriverà, dovranno, necessariamente, crepitare i cannoni per decenni. In questo contesto Putin diventa più forte e più capace di massacri liberi, così gli eserciti Usa, così quelli Turchi. Eserciti che, a differenza dei gruppi terroristi, avrebbero altri compiti e finalità.
Che possiamo fare? Continuiamo tutti a coltivare la pace, il dialogo, il riconoscimento, il rispetto dove viviamo in pace con tutte le culture: per me a Genova.
Genova, la città che vivo e conosco e dove vedo quotidianamente diverse culture, etnie, ideologie, vivere pacificamente fianco a fianco con rispetto e vitalità.
Insieme dobbiamo anche essere duri con discorsi estremisti sia di fascisti islamici che di fascisti leghisti. In questo momento il razzismo, religioso o culturale, è un baratro senza uscita.

ALESSANDRA ROSSI 
Beati voi che siete statisti.
Beati voi che avete certezze.
Beati voi che sapete che dietro il besagnino musulmano dietro casa si nasconde un pazzo terrorista.
Beati voi che ieri scrivevate le vostre analisi ancora a strage in corso.
Beati voi, così forti dietro la tastiera.
Beati voi che la soluzione ce l’avete in tasca, tra l’obolo della domenica e il porto d’armi.
Beati voi che non avete bisogno di capire.
Beati voi che dite che è colpa del buonismo.
Beati voi che oggi dichiarereste già guerra, vai a capire contro chi.
Beati voi che sparereste sui gommoni a quelli che scappan perché vivono una, dieci, cento Parigi al giorno.
Beati voi che voterete chi è come voi.
Beati voi che stavate pensando – mentre quei poveretti venivano ammazzati – che è colpa dell’integrazione, poi fatevi magari un giro nelle banlieue e guardatela in faccia l’integrazione.
Beati voi che scrivete in grassetto su Facebook la vostra indignazione.
Beati voi.
E maledetto chi tace, cercando di non aggiungere merda alla merda.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.