la t-shirt dei Magic…New York, Orlando, le partite NBA…e l’insospettabile Beppe Romanazzi…

la t-shirt dei Magic…New York, Orlando, le partite NBA…e l’insospettabile Beppe Romanazzi…

 

 

…una t-shirt che, impreziosita dalle “firme” dei Magic di allora, da oltre trent’anni, anno dopo anno, “mette la sua firma” sulle mie calde settimane estive, alimentando il ricordo di un fantastico viaggio negli USA…

 

 

Sono molto affezionato a questa t-shirt che fra poche settimane compirà ben 30 anni, nel corso dei quali l’ho indossata decine di volte, pure quest’anno…
una dimostrazione dell’assoluta qualità del merchandising NBA…

Vesima (Paguro), 4 settembre 2020
(clicca per ingrandire)

l’acquistai infatti il 30 dicembre 1990 ad Orlando, poco prima dell’inizio di una partita NBA (Orlando-Denver), cui sono legati una miriade di ricordi, sportivi e non, che hanno avuto una loro particolare eco anche a molti anni di distanza…

una serata indimenticabile anche, se non soprattutto, per il bolognese Beppe Romanazzi, protagonista di una vicenda “extra sportiva”  che ancor oggi sembrerebbe assolutamente incredibile…

ma andiamo con ordine…

quell’anno l’amico Luca Corsolini lavorava per l’emittente Tele+2, per la quale conduceva la rubrica “Assist”, un appuntamento imperdibile per gli appassionati di basket…

Luca ebbe l’idea di organizzare un viaggio negli USA, a cavallo tra Natale 1990 ed Epifania 1991, incentrato su due città, New York ed Orlando, e tre partite NBA: New York Knicks – Milwaukee Bucks al mitico Madison Square Garden, New Jersey Nets – Houston Rockets alla Meadowlands Arena, ed Orlando Magic – Denver Nuggets all’Orlando Arena.

Una cinquantina i partecipanti, compresi alcuni operatori di Tele+2, tra i quali ricordo Marco Tesei; con me e Susanna venne anche mio nipote Ivano (fu il nostro regalo per i suoi 18 anni), il suo amico e coetaneo Davide,  e Massimo Saccon, mio ex compagno di basket…

 

 

NEW YORK, NEW YORK…

 

 

A New York trovammo un freddo pungente, con colossale nevicata che rese ancor più magica la visita a Central Park…

la nevicata vista dal Carlton Hotel
(clicca per ingrandire)
Central Park
(clicca per ingrandire)
Central Park
(clicca per ingrandire)
Central Park
(clicca per ingrandire)

non meno emozionanti le Torri Gemelle, gli affascinanti murales di Harlem, lo scintillio della Trump Tower, l’iconico negozio Tiffany, un’atmosfera da film rafforzata dall’esterno di vecchi palazzi con scale antincendio (viste decine di volte nei film d’azione) e la nuvola di vapore che ogni tanto usciva, come un geyser improvviso, dall’asfalto in piena City…la pista da pattinaggio su ghiaccio al Rockefeller Center…

insomma, ci sentivamo veramente “immersi” in un set cinematografico…

Rockefeller Center
(clicca per ingrandire)
Rockefeller Center
(clicca per ingrandire)
Rockefeller Center – Prometeo –
(clicca per ingrandire)
murale ad Harlem
(clicca per ingrandire)
Trump Tower – interno –
(clicca per ingrandire)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LE PARTITE NBA…

 

 

New Jersey Nets – Houston Rockets, il biglietto
(clicca per ingrandire)

il 28 dicembre Nets-Houston, 99-101, con Akeem Olajouwon, Otis Thorpe, Vernon Maxwell, Reggie Theus, Sam Bowie…

 

Massimo Saccon con le cheerleaders Nets
(clicca per ingrandire)

il giorno successivo, all’ora di pranzo, il Madison Square Garden

New York Knicks – Milwaukee Bucks, il biglietto
(clicca per ingrandire)

Per la mia generazione il Madison era qualcosa di magicamente astratto, ancor più mitizzato dal grande Aldo Giordani (quando si trattava di magnificare una prestazione monstre non mancava quasi mai la definizione “partita da Madison”).

Si può quindi immaginare la commozione quando, proprio al Madison Square Garden, il 29 dicembre, riuscimmo ad assistere all’incontro Knicks-Bucks (100-109)…
io a fatica cercai di nascondere un’inevitabile sequenza di lacrime…

eravamo proprio lì, nel magico impianto dei nostri sogni, ed in campo c’erano Pat Ewing, Kiki Vandeweghe, Jack Sikma, Alvin Robertson, Mark Jackson, Ricky Pierce, Maurice Cheeks…
con il “cubo”, sospeso al centro del Madison, pronto a celebrare ogni schiacciata di Pat Ewing, che faceva scattare 1000 dollari in beneficenza e la scriita “Did you see that?”…

Madison Square Garden – esterno –
(clicca per ingrandire)
Madison Square Garden – Knicks vs Bucks –
(clicca per ingrandire)
una schiacciata di Pat Ewing
(clicca per ingrandire)
il “cubo” del Madison dopo le schiacciate di Pat Ewing
(clicca per ingrandire)
 
 
ORLANDO… IT’S MAGIC…

 

 

il top però sarebbe arrivato qualche giorno più tardi, ad Orlando…

prima del volo fummo informati sull’ondata di caldo improvviso (a fine dicembre!!!) che stava interessando tutta la Florida, Orlando compresa…

ricordo ancora la nostra discesa dalla scaletta dell’aereo, con il pesantissimo “montone” indossato a New York, assolutamente insopportabile con i quasi 30° che ci avevano accolti e che ci avrebbero tenuto compagnia per tutta la durata residua del viaggio…

il tempo di sistemarci allo Sheraton World Resort e tutti in coda nei vari negozietti indiani a fare incetta di magliette, calzoncini ed espadrillas che nessuno aveva messo nel bagaglio…

ad Orlando, un vero e proprio “divertimentificio”, c’era solo l’imbarazzo della scelta…

Epcot, con i padiglioni avveniristici (la nostra prima esperienza di video 3D con gli studi Kodak, videoclip 3D in futuribili sale cinematografiche, altre con gli sconvolgenti effetti “surround” del film “Terremoto”…)…

 

Epcot
(clicca per ingrandire)

 

l’immenso parco marino di Sea World, con la Sky Tower (un maxi “bigo”), una grande laguna e l’affollatissimo “Shamu Stadium”, con lo spettacolo che vede protagoniste le orche marine…

 

Sea World
(clicca per ingrandire)

 

gli Studi Universal, con le controfigure pronte a riproporre, ad orari prestabiliti, scene cult da film famosi…

per noi uno degli “appuntamenti imperdibili” fu quello con “The Blues Brothers”, la scena ambientata nella tavola calda…
come nel film, arrivano “Dan Akroid e James Belushi”, e dal banco esce “Aretha Franklin”, che interpreta “Think”

e chi va a “beccare” tra gli spettatori per un duetto canoro? Proprio il sottoscritto…

avevo due macchine fotografiche al collo, non potevo fotografarmi da solo ma non potevo nemmeno pensare di non riuscire a “fermare” questo momento…
urlai disperato a mio nipote Ivano, che con la sua fotocamera riuscì ad immortalare l’evento…

 

Universal Studios – The Blues Brothers –
(clicca per ingrandire)
Universal Studios – The Blues Brothers –
(clicca per ingrandire)
Universal Studios – la mia “performance” con “Aretha Franklin”
(clicca per ingrandire)

una performance che rischiò di finire anche nel video degli inviati di “TelePiù”, fermati proprio un attimo prima del “duetto”… (con sequestro delle attrezzature fino a fine giornata…).

in quel “divertimentificio” si festeggiava il Capodanno ogni giorno…

e noi eravamo lì, proprio nel giorno del vero Capodanno…
uno spettacolo pirotecnico pazzesco…

il 2 gennaio noleggiammo una vettura, una Pontiac, e raggiungemmo il Golfo del Messico, per un bagno assolutamente fuori stagione…

 

la “nostra” Pontiac
(clicca per ingrandire)
sulla spiaggia di St Petersburg
(clicca per ingrandire)
sulla spiaggia di St Petersburg
(clicca per ingrandire)

nel percorso verso St Petersburg, attraversando piccoli villaggi, più volte notammo vetture della polizia, posteggiate nei vialetti accanto a bianche costruzioni in legno e pronte ad intervenire…
anche qui ci sembrava di essere in un telefilm poliziesco…

una pattuglia, durante il bagno a St Petersburg, controllò il tagliando del parcheggio della “nostra” Pontiac, scaduto da cinque minuti

dalla spiaggia raggiunsi l’agente mentre stava compilando la multa, cercai di giustificare il leggero ritardo…
“I’m sorry chief”, “mi spiace capo…”, mi rispose sorridendo l’inflessibile poliziotto mentre infilava sotto il tergicristallo la multa da 5 dollari…

Proud Mary, copertina del vinile
(clicca per ingrandire)

 

 

sulla via del ritorno l’emozione di percorrere una highway piena di luci nelle sue infinite corsie fu amplificata da un’incredibile combinazione…

dall’autoradio uscirono le note di “Proud Mary”, uno tra i brani più famosi dei CCR, Creedence Clearwater Revival…

ed eravamo proprio all’altezza della città che aveva il loro stesso nome…Clearwater…

Susanna, che non li conosceva, chiese incautamente: “Chi sono questi?”, rischiando di essere abbandonata lì, immediatamente, sulla corsia di emergenza…

 

 

…e poi…

 

LA PARTITA DEI RECORD

 

no, non mi sono scordato della partita del 30 dicembre 1990 all’Orlando Arena, la partita dei record e dell’incredibile avventura di Beppe Romanazzi…

si affrontavano, come detto, gli Orlando Magic ed i Denver Nuggets, e l’Orlando Arena era stipata in tutti i suoi oltre 15mila posti a sedere…

Orlando Magic – Denver Nuggets, il biglietto
(clicca per ingrandire)

 

l’Orlando Arena
(clicca per ingrandire)
Orlando Arena – Magic vs Nuggets
(clicca per ingrandire)
Le cheerleaders dei Magic
(clicca per ingrandire)
io, Susanna e Luca Corsolini
(clicca per ingrandire)

Io e Susanna avevamo trovato posto in file diverse, ma comunque molto vicine al bordo campo; durante l’intervallo lei fu “catturata” da una delle mascotte (l’alligatore) per uno dei tanti siparietti che caratterizzano le partite NBA, che avrebbe avuto necessità, per funzionare al meglio, di una buona conoscenza della lingua inglese…
in ogni caso, tra 15mila spettatori, un’altra singolare combinazione…

Orlando Arena, Susanna “catturata” dalla mascotte
(clicca per ingrandire)

ad Orlando giocava Jeff Turner, che aveva vinto l’oro olimpico 1984 nella nazionale USA guidata da Bobby Knight, con un roster che poteva contare su Michael Jordan e Pat Ewing…
l’anno prima Jeff aveva giocato a Cantù, ed avevo avuto modo di conoscerlo in occasione di una cena con Pierlo Marzorati, mio testimone di nozze, a quei tempi Ambasciatore Unicef.

Al termine dell’intervallo, al rientro delle squadre in campo, io e Susanna riuscimmo a farci notare da Jeff che, stupito, rispose dal campo al nostro saluto.

La cosa incuriosì non poco due anziani, corpulenti tifosi Magic, seduti accanto a me con cappellino Magic d’ordinanza con la scritta “Beat Denver” e barilotto di Coke immersa in un iceberg di ghiaccio.
Spiegai loro, col mio inglese scolastico, il motivo della conoscenza con Jeff, che fu messo in campo dopo l’intervallo…

primo pallone e subito canestro con un tiro dalla distanza…
i due “vecchietti” si voltarono stupiti verso di me…

uno dei due, dandomi una gran pacca sulla spalla, esclamò divertito “Good Italy”, come se avesse individuato in me un inaspettato portafortuna per Turner…

Jeff concluse la partita con uno dei migliori suoi bottini stagionali, ben 13 punti, con il risultato aggiuntivo di una serie di “pacche” che misero a dura prova la solidità delle mie spalle…

un tagliafuori di Jeff Turner
(clicca per ingrandire)
Jeff Turner, una “presenza” anche sotto canestro
(clicca per ingrandire)
Jeff Turner a rimbalzo
(clicca per ingrandire)
Tagliafuori di Jeff Turner su Terry Mills
(clicca per ingrandire)
Jeff Turner, inquadrato dal “cubo” dell’Orlando Arena
(clicca per ingrandire)

quella partita (finita 155 a 116 per i Magic) però passò alla storia non solo per una serie di record “occasionali” (la sconfitta più pesante per Denver, -39, con il massimo di punti subiti a quel momento nella sua storia, 155 e massimo di punti realizzati complessivamente nella partita, 271) ma soprattutto per un clamoroso record individuale, che risulta ancora imbattuto…

a metterlo a segno fu Scott Skiles: ben 30 assist a beneficio dei vari Nick Anderson, Jerry Reynolds, Dennis Scott (e mancava Orlando Woolridge, infortunato…), un record che andava a migliorare quello realizzato negli anni ’70 da Kevin Porter (29 assist in maglia Nets).

Causa la nostra conoscenza della lingua non proprio perfetta…, riuscimmo a “cogliere” solo all’ultimo momento la portata di quello cui stavamo assistendo…

mancavano una ventina di secondi al termine, Skiles aveva già raggiunto il record di Porter…
riuscì a cogliere un taglio di Reynolds, premiandolo con un preciso alley-oop per la schiacciata che fece esplodere l’Orlando Arena…

un attimo ben immortalato nel finale del servizio video mandato in onda qualche tempo dopo da “Assist” .
Qui la breve clip – circa due minuti – relativa all’Orlando Arena, estrapolata dal servizio completo trasmesso da Tele+2 (il link a fondo pagina).

a fine anno Skiles fu premiato come “NBA Most Improved Player”

 

IL “MIO PEZZO” PER PLAYITUSA.COM
Link all’articolo

 

Nel 2006 il sito playitusa.com pubblicò un ricordo di quel record, con un’evidente inesattezza (la data, indicata come 29 dicembre e non 30…).
Inviai alla redazione la “foto” del biglietto, che indicava senza ombra di dubbio la data precisa di quella partita.

 

Mi chiesero di raccontare “la notte del record di Skiles”

e lo feci volentieri, chiudendo il ricordo con un accenno a Beppe Romanazzi…

 

 

 

 

BEPPE ROMANAZZI, L’INSOSPETTABILE BEPPE ROMANAZZI…

 

 

eh sì, era rimasta in sospeso la sua incredibile avventura…

Beppe Romanazzi (a sinistra) al Madison, con la sciarpa “Fortitudo”.
Sulla destra Antonio Mazzanti con la sciarpa di Montecatini
(clicca per ingrandire)

 

Beppe, tifosissimo della Fortitudo Bologna (con tanto di sciarpa biancoblu orgogliosamente indossata al Madison) non conosceva una sola parola di inglese…
in più, con tutto il rispetto, era ben lontano dal prototipo di bellezza dei fascinosi Robert Redford, Richard Gere ecc…

beh, non si sa come, ma riuscì a “cuccare”, allo Sheraton World Resort di Orlando, una stupenda bionda mozzafiato, che gli tenne compagnia quel pomeriggio a bordo piscina…
all’ora convenuta, sul piazzale dello Sheraton era pronto, con motore acceso, il pullman che ci avrebbe accompagnati all’Orlando Arena…

Beppe però non c’era, lo avevamo incrociato sulle scale del resort in mise decisamente più elegante rispetto all’incontro del Madison…

una volta saliti sul pullman, ecco materializzarsi, lì davanti, una fiammante cabriolet rossa…
alla guida la stupenda bionda mozzafiato, al suo fianco il “nostro” Beppe Romanazzi…

per tutto il percorso, precedettero il nostro pullman, all’interno del quale non si contarono né le espressioni di stupore né quelle molto più colorite alimentate da una comprensibile invidia maschile…

per molti anni, e fino alla pubblicazione su playitusa.com, raccontando l’episodio, Romanazzi non venne creduto dagli amici…
il giusto pedaggio per un’esperienza da farci morire d’invidia (ed ammantata di mistero…) ancora oggi, a trent’anni di distanza…

 

(questo il servizio completo – circa 12 minuti – trasmesso da Tele+2 -“Assist”)

 

 

 

 

la t-shirt Orlando Magic
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.