La solidarietà di Alessandro Repetto e Paolo Gozzi

La solidarietà di Alessandro Repetto e Paolo Gozzi

28 febbraio 2011

Appresa la notizia della denuncia per disturbo della quiete pubblica, il presidente della Provincia di Genova Alessandro Repetto mi ha inviato, in qualità di presidente del Consorzio Pianacci, la sua piena solidarietà per tutto il lavoro già svolto e che si sta svolgendo in questi anni.
 

 

PIENA SOLIDARIETA’ AL CONSORZIO PIANACCI
Alessandro Repetto (Presidente della Provincia di Genova)

 
“L’attività di Carlo Besana, in un quartiere tra i più degradati e problematici di Genova – ha scritto Alessandro Repetto – nasce dalla grande intuizione di creare e rafforzare uno spirito di appartenenza che sia terreno fertile per l’integrazione, il rispetto e il risanamento sociale. Questi alti e non semplici obiettivi si raggiungono anche attraverso i progetti culturali di cui lui è stato organizzatore, eventi di grande successo che hanno contribuito a dare concretezza alle idee. Suona quasi grottesco che, di fronte a ciò che queste iniziative rappresentano, prevalga un egoistico fastidio per il rumore prodotto dalla musica troppo alta. Mi auguro –ha poi concluso Repetto – che i promotori della denuncia trovino la serenità di riflettere sulle implicazioni di una posizione così rigida e che comprendano il valore dell’esemplare lavoro suo e dei suoi collaboratori, scegliendo di riconoscere a questo la priorità.”

 

(dal blog di Paolo Gozzi, consigliere Municipio VII Ponente)
GRAZIE CARLO

Ho aspettato qualche giorno, ma non posso esimermi, a questo punto, dal rompere, nel mio piccolo, il silenzio municipale ed esprimere a mia volta, come tanti altri hanno fatto, la mia piena solidarietà a Carlo Besana: promotore della rinascita del quartiere Pianacci, Carlo ha subito, nei mesi scorsi, una denuncia per disturbo alla quiete pubblica cui i giornali locali hanno dato eco in questi ultimi giorni.

Prima ancora che la solidarietà, le istituzioni locali devono a Carlo un grande ringraziamento per un’attività che, spesso, è andata a sopperire alle carenze della politica in uno dei quartieri più difficili di Genova, che ha vissuto in questi ultimi anni degli assaggi di vero e proprio rinascimento culturale e sociale grazie all’attività del Consorzio Pianacci. Basta questo per capire la pretestuosità e l’ignoranza di una denuncia portata avanti da chi, probabilmente, a un concerto preferisce “il suono delle siringhe”, come Besana ha, giustamente, sottolineato.In questa città, molto spesso, chi si rimbocca le maniche deve fare i conti con le difficoltà di un clima ostile, fine a sè stesso, che finirà per soffocarci se non troviamo la forza e il coraggio di ribellarci a una logica di chiusura e degrado.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.