La “Notte grigio topo” con Grillo e Travaglio…il Pianacci ed il Cep nella storia…

La “Notte grigio topo” con Grillo e Travaglio…il Pianacci ed il Cep nella storia…

 

14 settembre 2008

La locandina
(clicca per ingrandire)

Qualche settimana fa, grazie all’intermediazione del Dr. Flavio Gaggero, si sono mossi i primi passi per l’organizzazione di un evento che sicuramente entrerà (anzi, è già entrato) nella storia della nostra associazione, del nostro quartiere, ed anche di più…
“La notte grigio topo”, con Beppe Grillo, Marco Travaglio, Ferruccio Sansa
la “contrapposizione” alla Notte Bianca organizzata dal Comune, che tanto per cambiare non ha preso minimamente in considerazione le periferie…
l’annuncio, clamoroso, di Beppe Grillo: la nascita delle Liste a 5 Stelle, notizia immediatamente rilanciata dall’Ansa ieri sera in tempo reale, dalla sala stampa allestita al Pianacci..
nasce il partito di Grillo!.. ed oggi il Cep ed il Pianacci sono al centro dell’attenzione mediatica nazionale…
beh, in qualche modo…siamo entrati nella storia…

 

 

LA STORIA DELL’EVENTO, IN SINTESI…

Beppe Grillo propone un evento pubblico al Cep, al Circolo Pianacci, per evidenziare il degrado delle periferie, sempre più dimenticate dalle amministrazioni pubbliche

Si concorda una data, subito modificata per un impegno imprevisto di Beppe Grillo; si concorda il 13 settembre

E’ la data fissata dal Comune per la “Notte Bianca”… non sarebbe meglio un’altra data? No, dice Grillo, meglio: loro fanno la Notte Bianca? La nostra sarà la “Notte Grigio Topo”…

Facciamo partire la comunicazione, ma notiamo subito un po’ di “resistenza” a livello locale…Enrico Testino, geniale!, trova il modo di far partire il comunicato stampa da un’agenzia di Roma. La notizia non può più essere ignorata… la “Notte grigio topo” diventa la “risposta” delle periferie dimenticate alla “Notte Bianca” organizzata dal Comune

Nando Dalla Chiesa, incaricato dal Comune per la promozione della “Notte Bianca” propone di presentare il nostro evento durante la conferenza stampa del Comune per la “Notte Bianca”… accettiamo… salvo poi “scoprire” che il Comune avrebbe inserito, senza informarci, il nostro evento nel suo programma, manco fosse un evento organizzato da o con il Comune… il comunicato stampa lo facciamo noi: non se ne parla, non andremo alla conferenza stampa del Comune! Anche “il gran rifiuto” fa notizia, ed amplifica l’attenzione sul nostro evento…

Ed arriva il 13 settembre… nonostante la contemporaneità della “Notte Bianca” salgono al Cep più di tremila persone…una lunga processione a piedi, dal casello autostradale fin su al Circolo Pianacci..la strada bloccata dal numero incredibile di automobili che cercano di arrivare al Cep…

Sul palco si parla di periferie, con l’architetto Sasso (bio-architetto), con il giornalista Ferruccio Sansa… si dà spazio ai comitati antigronda (con Paolo Putti e Felice Airoldi), ai comitati di quartiere, che stanno lottando per evitare le nefaste conseguenze di una modifica alla legge regionale sulle case popolari… poi c’è lui, Beppe Grillo... un fiume in piena, divertente e profondo… si scatena un improvviso acquazzone e, prima di far salire sul palco, ormai solo per un saluto, un fradicio Marco Travaglio, l’annuncio che metterà in fibrillazione il mondo politico italiano: ci saranno le Liste a 5 stelle!
La notizia viene battuta poco dopo le 22.30 dall’Ansa, direttamente dalla sala stampa allestita al Pianacci…
inizia una storia tutta da scrivere, ed in quella storia ci siamo anche noi…

 

“MAGIA AL CEP”

Enrico Testino, socio del Consorzio Sportivo Pianacci, ha così “tradotto” quale magia si sia materializzata sabato 13 settembre al Cep

 

Enrico Testino

E’ difficile descrivere e capire il “clima” di una situazione, di un quartiere, di un gruppo di persone, di una squadra di lavoro. Clima inteso come insieme generale, indescrivibile, indettagliabile che segna una situazione come gradevole o sgradevole, propositiva o dannosa, bella o brutta..
E’ difficile, soprattutto nei progetti, nei lavori, nei percorsi che hanno a che fare con le persone, capire come “far andare a buon fine” un’idea, un’aspirazione, un obiettivo, un desiderio.

E’ ancora più difficile, anzi impossibile, capire come realizzare una “magia”, uno di quei momenti indimenticabili che costituiscono architetture centrali e meravigliose nel territorio dei ricordi di tutti quelli che vi partecipano e suscitano emozioni ineguagliabili mentre li vivi.
Puoi lavorarci duro, sodo, se sei bravo anche bene. Puoi pensare a tutti gli aspetti su cui puoi intervenire, e se ci metti passione, competenza, tempo puoi anche essere ragionevolmente sicuro che la cosa vada a buon fine.
Poi devi fermarti lì. Non puoi pretendere di più, semplicemente non è possibile far scattare in modo controllato e sicuro l’entusiasmo, il momento condiviso, la festa, la comunione di intenti, la gioia, quel qualcosa in più…appunto la “magia”.

Sabato 13 settembre al Cep un intero quartiere, una intera comunità (che si è spostata con le colline del Ponente e proviene da almeno 4 continenti), si è radunata ad assistere a qualcosa di bello, a un evento significativo, a una cosa importante. Anche altre persone sono arrivate a celebrare, a festeggiare, chiamati dalla casualità, da false aspettative, dai segnali del momento e chissà da quant’altro. Una intera comunità si è radunata a guardare qualcosa di bello…e  la cosa splendida, e forse inaspettata, era che quel qualcosa di bello era se stessa.

A posteriori, e forse forzando un poco la legge di causa ed effetto (poco utile peraltro a determinare una magia), possiamo dire che non era solo lo spettacolo di Grillo che aveva chiamato lì la gente del Cep. Anzi, è vero il contrario, era la gente del Cep che aveva chiamato lì Grillo. Non è stata l’emozione più forte quella della gente che guardava Grillo e gli altri ospiti sul palco, ma quella di Grillo e degli altri ospiti che guardavano la gente assiepata lungo viali, strade, spiazzi, giardini come accorsa ad assistere ad un evento naturale particolarmente bello e imperdibile.

Non sono state le battute o i discorsi sul palco il momento centrale e unificante della serata ma è stato il discorso che la gente ha scritto in lunghe file di macchine che intasavano le strade che salgono al Cep, in lunghe file di persone che salivano scalette e si snodavano sulle vie, nello spettacolo della comunità che si manifestava e, manifestandosi, come se questo fosse un “apriti sesamo” corale, apriva porte di fiducia verso gli altri, verso il futuro, verso sé stessa.

Si, sabato scorso al Cep è scattata indubitabilmente una “magia”. E i momenti belli, di magia, entrano con gran festa e senza nessuna difficoltà nel bagaglio del passato diventando non dei punti di arrivo, ma dei nuovi inizi.

E a quel punto poco importa se è stato quel determinato progetto ad avere più merito nell’aver reso il quartiere più a misura di persona, se è stata quella persona ad avere maggiori meriti, se sono state le scuole, le associazioni, le famiglie, i comitati, le istituzioni, e chissà chi altro ad avere avuto il ruolo centrale (ammesso che nel determinare la magia del 13 settembre qualcuno possa poter avere avuto un ruolo o una posizione centrale).
Chissà quanti momenti sono stati necessari ad arrivare alla temperatura giusta della magia, quanti anni di risvegli al Cep pensando alle cose da fare, quante personali difficoltà affrontate, quanti atti di fiducia, quante sconfitte e quante imprecazioni, quanti ringraziamenti e quanti sorrisi semplicemente vissuti nel “proprio” quartiere…chissà?

Una cosa è certa: se saremo giudicati per il prodotto interno lordo di sorrisi e felicità prodotta…tutti quelli che hanno avuto qualche ruolo nella realizzazione di quei momenti …si sono guadagnati un pezzo di paradiso.

E un’altra cosa è certa… dopo aver vissuto questo non resta che una sola possibile soluzione: ringraziarsi tutti insieme. GRAZIE!

 

  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.