la maglietta Fina…ed altri “cazzeggi” sanremesi…

la maglietta Fina…ed altri “cazzeggi” sanremesi…

 

che bello seguire il Festival di Sanremo con immutata passione e rinnovata voglia di cazzeggio…

anche quest’anno ho seguito il Festival di Sanremo in versione parallela, cioè diretta tv e contemporanei commenti social, un divertimento che ogni anno mi dà l’occasione di interagire con Veronica Mauro e Daria Irene Burla.

Le ho conosciute il 4 agosto 2010, in occasione del concerto dei Subsonica al PalaCep.
Veronica (triestina) e Daria (veronese) non si perdevano un concerto dei Subsonica e quel giorno si diedero appuntamento con altre loro amiche e fans al Pianacci, di primo mattino, molte ore prima del concerto.

Con Veronica, Daria, Paola Soldi (romana), Fabiana Blu ed Anamaria Robu (torinesi), “rinchiuse” tutto il giorno all’interno di uno spazio transennato (che venne chiamato “Subsonic Zoo”), si generò immediatamente una particolare simpatia, ed anche se non abbiamo avuto più occasione di incontrarci il loro ricordo scatta in un nanosecondo non appena sento citare i Subsonica…

Qualche anno fa, grazie a Facebook, ho “scoperto” che anche Veronica e Daria seguono il Festival e lo fanno come piace a me, con enorme affetto condito dalla capacità di prendersi gioco di tutto con spassosissima ironia pungente.

Ed è così che ogni anno, immancabilmente, alla “liturgia” immutabile del Festival si aggiunge l’appuntamento virtuale, irrinunciabile, con Veronica e Daria, cui si aggiungono di volta in volta altri amici Fb.

Qui, di seguito, una “selezione” dei cazzeggi postati nel corso delle 5 serate…

 

 

 

beh, mio papà era benzinaio…
ok, gestiva un distributore Shell, ma c’erano in zona diversi distributori “Fina”…
questa mi è venuta facile…

(clicca per ingrandire)

5 febbraio, sul palco dell’Ariston si esibiscono Nino D’Angelo e Livio Cori
faccio una gran fatica a cogliere le parole, 
a seguire il filo del testo…
poi sul palco sale Nek…

“mi farò trovare pronto
con l’amore in mezzo ai denti…”

qui le parole sono chiare
si riesce a seguire il filo…interdentale…

(clicca per ingrandire)

5 febbraio, è la prima esibizione de “Il Volo”...
belle voci, ma il genere non è proprio il mio preferito…
avrei preferito ascoltare un altro “Volo”, quello che si chiama Fabio…

(clicca per ingrandire)

5 febbraio, Ultimo canta “I tuoi particolari”

“Se solamente Dio inventasse delle nuove parole

potrei dirti che
siamo soltanto bagagli
Viaggiamo in ordini sparsi”

…mi sa che l’ha scritta Ryanair…

(clicca per ingrandire)

5 febbraio, questo è un post di Daria Irene Burla, che ho immediatamente condiviso
Le giacche di Claudio Bisio sono proprio inguardabili e Daria trova una spiegazione…

“hanno in comune lo stilista…”

(clicca per ingrandire)

5 febbraio, Il gioco di parole tra Motta (bravo cantautore) e l’omonima azienda dolciaria
è fin troppo facile…

che sia quello che scritto “Vola Colomba”???…

(clicca per ingrandire)

5 febbraio, mi incuriosisce un passaggio del testo di “Solo una canzone”,
presentata dagli Ex-Otago

“Non è semplice scoprire nuove tenebre
tra le tue cosce dietro le orecchie”…

Le cosce dietro le orecchie???
Dev’essere una bambola gonfiabile difettosa…
poi mi viene in soccorso la “solita” Daria Irene Burla…
trovata la fonte d’ispirazione degli EX-Otago…

ps: è ovvio che ne testo ci sia una virgola dopo “cosce” e prima di “dietro”,
il fatto è che le virgole, quando si canta, mica si sentono…

(clicca per ingrandire) 

6 febbraio, è il secondo ascolto di “Rolls Royce”, di Achille Lauro.
continua a lasciarmi perplesso…
mi pare proprio che stia ammazzando la buona musica…

AKiller Lauro…

(clicca per ingrandire)

7 febbraio, Antonello Venditti scalda l’Ariston con “Sotto il segno dei pesci”,
che sembra sia urlata ancor più del solito…

pure io sono nato sotto il segno dei pesci
ma non lo urlo così…

(clicca per ingrandire)

7 febbraio, Anna Tatangelo sarebbe sexy anche indossando un sacco di juta…
così però è illegale…
e più la guardo e più vedo la parte migliore di lei…
praticamente tutto…

(clicca per ingrandire)

 

7 febbraio, l’ospite è Alessandra Amoroso
e quando sento “Amoroso” mi scatta in automatico
“magari ti chiamerò, trottolino amoroso e du du da da da…”

 

(clicca per ingrandire)

7 febbraio, Claudio Baglioni, con  Alessandra Amoroso, rende omaggio
a Pino Donaggio, autore dell’evergreen “Io che non vivo senza te”…
da qualche parte dovrei avere il vinile e la copertina…
ah, eccola…

(clicca per ingrandire)

come già detto, il gioco di parole è fin troppo semplice….

(clicca per ingrandire)

 

8 febbraio, nel corso del Festival Claudio Baglioni ha duettato con tutti gli ospiti,
ed i suoi duetti sono diventati quasi un’ossessione…
poi, il giovedì, c’è la serata in cui tutti i big cantano in duetto con altri big
e Baglioni, intervistato dal Tg1, rilascia questa preoccupante dichiarazione:
“Questa è la serata dei duetti, quella che, se vogliamo,
più rappresenta la mia idea del Festival…”

vuoi vedere che…???…

(clicca per ingrandire)

 

8 febbraio, l’ospite è Luciano LIgabue, che vuol rendere omaggio a Francesco Guccini.

“Dio è morto” è perfetta per le “corde” di Ligabue
Invece si aggiunge Baglioni (non ce la fa proprio, è più forte di lui…)
ed a morire è una delle più belle canzoni di Guccini…

mi spiace, ma l’ha resa inascoltabile

(clicca per ingrandire)

 

8 febbraio, toh chi si rivede: Giovanni Caccamo.

Il post di Daria Irene Burla è illuminante…
Alberto Angela: “Il Giovanni Caccamo è un essere umano che vive solo 5 giorni all’anno,
e si aggira perlopiù nella zona di Sanremo…”

 

(clicca per ingrandire)
“Il Volo”, come detto, non rappresenta un genere musicale tra i miei preferiti.
Credo che anche Daria Irene Burla (qui in una sintesi) prediliga altri generi…

“Quelli del Volo sono così vecchi che il loro brano sarà trasmesso da Rete4”

“Le canzoni de il Volo mi fanno apprezzare le piccole cose semplici
che troppo spesso diamo per scontate come il tasto “Mute” del telecomando”.

“questi che sembra stiano andando la domenica all’Ikea, Quarta con il violino impazzito,
manco stesse suonando bohemian rhapsody,
ma vi sembra una cosa da trasmettere in mondovisione?”

“Ricordatevi di seguire i cantanti sui loro social:

TATANGELO: Twitter e Instagram
EINAR: Facebook, Twitter e Instagram
ULTIMO: Twitter e Instagram
IRAMA: Twitter e Instagram
SHADE: Facebook e Twitter
Il VOLO: Televideo”

(clicca per ingrandire)

8 febbraio, serata dei “duetti”.
Nek sceglie di esibirsi con Neri Marcorè.
Per Daria Irene Burla un’occasione persa…

“Cioè immaginate se, invece di Marcorè, Nek avesse portato una signora sconosciuta
e poi ad un tratto: ECCOLA È LAURA, È TORNATA!!
apoteosi, pubblico in piedi che piange, primo posto.”

(clicca per ingrandire)

 

8 febbraio, serata dei duetti.
Vincono Motta e Nada
ma per quelli della mia generazione l’unico,
insuperabile Duetto
è quello dell’Alfa Romeo…

(clicca per ingrandire)

9 febbraio, l’ospite è Eros Ramazzotti 
ed immancabilmente “ci becchiamo” il duetto con Baglioni…
che si cimenta in una (per lui) non memorabile “Adesso tu”…

fortunatamente c’è Eros e, come si sa…
un Ramazzotti va sempre bene…

(clicca per ingrandire)

9 febbraio, Mahmood, poi a sorpresa vincitore del Festival 2019
con la canzone “Soldi” 
si presenta sul palco con una camicia diciamo poco festivaliera…
Questo il post di Veronica Mauro

#Mahmood meritevole di vincere solo il premio per la peggior camicia
scovata al mercatino delle pulci.”

la mia risposta: ne aveva scovata una migliore, ma il venditore voleva solo soldi, soldi… 

(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.