La gente dà buoni consigli….

La gente dà buoni consigli….

 

20 ottobre 2014 

 

 

Marco Doria

Premessa: nulla di “politico” o di parte.

Semplicemente, a mio modesto avviso, solo un esercizio di buon senso.

Mi riferisco all’accanimento contro il Sindaco Doria non tanto per le eventuali responsabilità del Comune di Genova sul recente disastro causato dall’alluvione (c’è un’indagine della magistratura, lasciamo che faccia il suo corso) quanto per due episodi che, francamente, esaurito il senso di ridicolo che suscitano (in me) queste accuse, rimane spazio solo all’amarezza che sempre provo di fronte alle più becere manifestazioni di populismo.

I fatti.

(1) La sera in cui è esondato il Bisagno la “grande colpa” del Sindaco Doria sarebbe quella di esser stato a teatro, alla prima del Carlo Felice.

E quale sarebbe la colpa? Non c’era nessuna allerta meteo, e, da sempre, il primo cittadino, anche fosse più appassionato di Al Bano e Romina che non di Mozart o Verdi è lì, al Teatro Carlo Felice, nell’assolvimento dei compiti istituzionali che gli competono.

Ammenoché non si pensi che i calcoli matematici così complicati per prevedere gli eventi alluvionali, sfuggiti all’attenzione degli “esperti” a ciò preposti, non siano patrimonio naturale della mente di Marco Doria, che avrebbe quindi scientemente lasciato la città in balìa di un’errata previsione (a lui invece ben chiara) perché moriva dalla voglia di esibire il nuovo smoking con annesso papillon… ma dai..

(2) L’altra sera Marco Doria è stato male apostrofato da alcune persone mentre si trovava a Courmayeur a cena con moglie e figli.
L’accusa? La città sta soffrendo ed il primo cittadino non può permettersi certi “svaghi”….

Ma stiamo scherzando, vero? Se fosse andato in vacanza (ancorché programmata da tempo) per una settimana avrei pensato anch’io ad una scelta a dir poco inopportuna.
Ma una cena con moglie e figli il sabato sera, sicuramente non a spese del Comune di Genova, potrà permettersela senza doverne rendere conto a nessuno?

Questo becero populismo è a mio modesto avviso il frutto di una spietata escalation di format televisivi che accorpano informazione (o presunta tale), sentimenti, cronaca, politica con un unico punto comune: tutti ad urlare contro tutti, tutti pronti a giudicare (facile farlo verso gli altri), tutti a far diventare protagonista, a tutti i costi, “laggente” (come diceva Funari, che su questo costruì la sua fortuna televisiva).

Come diceva il grande (e compianto) Fabrizio De André, la gente dà buoni consigli quando non può più dare il cattivo esempio….

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.