“La filastrocca del Bar Paguro”

“La filastrocca del Bar Paguro”

 


“era una spiaggia, per grandi e piccini…ora è completa, bella davvero, col Bar Paguro 2.0”..
.

La spiaggia di Vesima è sempre stata una meta gradita per molti genovesi, una frequentazione facilitata anche dalla presenza, proprio di fronte alla spiaggia, dell’omonima stazione ferroviaria.

la spiaggia prima della mareggiata
(clicca per ingrandire)

Su questo tratto di spiaggia, attrezzata grazie alla presenza dei Bagni Janua, si affacciano diversi locali uno dei quali, il Bar Paguro, ha sempre potuto contare su una clientela affezionata, grazie anche alla cordialità di Fiorella e Michele (le due “colonne”) e dei loro collaboratori.

Michele e Fiorella
(clicca per ingrandire)

Lo scorso 29 ottobre 2018 la violenta mareggiata che ha colpito tutta la Liguria ha di fatto cancellato la spiaggia e gran parte delle strutture, compresi i Bagni Janua ed il Bar Paguro.

la mareggiata del 29 ottobre 2019
(clicca per ingrandire)

La ricostruzione ha dovuto tenere conto sia della forte riduzione della profondità della spiaggia che dei “consueti” intoppi burocratici…

Proprio a causa di diversi intoppi burocratici l’ultima struttura ad essere ricostruita è stata proprio il Bar Paguro, che solo grazie alla tenacia di Fiorella, della sua famiglia, e dei suoi collaboratori ha potuto riaprire solo nel mese di agosto…

il Bar Paguro in ricostruzione
(clicca per ingrandire)

Fino all’ultimo c’è stata incertezza anche sul nome… 
Paguro o Paguro 2.0???

 

il nuovo Bar Paguro
(clicca per ingrandire)
la spiaggia di Vesima vista dal Bar Paguro
(clicca per ingrandire)

A noi, amici ancor prima che clienti, non importa quale sia il nome…

l’importante è che Fiorella, Michele ed i loro collaboratori possano continuare, serenamente e senza altre calamità, continuare ad essere lì, con il loro sorriso e la loro cordialità…

per noi come essere a casa…

e, forse non a caso, “La filastrocca del Bar Paguro” utilizza, come base musicale, proprio il brano “La casa”, (musica di Vinicius De Moraes, testo di Bardotti) portato al successo da Sergio Endrigo.

Il testo de “La filastrocca del Bar Paguro” è mio, le voci (purtroppo non c’era di meglio a disposizione…) sono la mia e quella di Susanna…

beh, conta il pensiero, vero?…😘

 

La filastrocca del Bar Paguro

era una spiaggia
per grandi e piccini
con tanti ombrelloni
e tanti lettini

c’era il Paguro,
bar con gente bella
tipo Michele,
e pure Fiorella…

poi è arrivata
la mareggiata
che tutta quanta
l’ha sconquassata…

l’hanno rifatta,
ma senza un pezzetto
lettini, ombrelloni…
mancava il baretto…

ora è completa,
e bella davvero
col Bar Paguro
2.0

 

 

 

 

l’ingresso del Bar Paguro
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.