La denuncia penale per disturbo della quiete pubblica…

La denuncia penale per disturbo della quiete pubblica…

27 febbraio 2011

Una serata, estiva, di ballo liscio…di sabato…
un minuto (presunto) di ritardo sull’orario autorizzato…
qualche decibel in più (peraltro un limite determinato da un ritardo del Comune sull’adeguamento del piano acustico di zona)…
e vieni indagato…
e ti viene in mente che sì, quella sera. quel tal politico…

Secolo XIX, 27 feb 2011
Link all’articolo

(Graziano Cetara, per “Il Secolo XIX”)
Dopo anni di isolamento e mancanze di iniziative
CEP, LA MUSICA E’ FINITA «DISTURBA LA QUIETE»
Rumori molesti: indagato Besana, organizzatore degli spettacoli estivi

 

DISTURBA Carlo Besana.Il sonno estivo di trenta cittadini.
Ma anche gli affari di chissà quanti spacciatori e trafficanti di droga che vorrebbero riportare indietro la lancetta del Cep di Pra’ ai tempi in cui dalle piazze del rione si alzavano solo il «silenzio delle siringhe» e lo schiocco dei lacci emostatici annodati al braccio.
Può sembrare incredibile, ma i sette spettacoli organizzati dal consorzio Pianacci la scorsa estate al PalaCep, la tensostruttura tirata su a proteggere dal ventaccio praese una pista di pattinaggio adattabile a maxi sala per eventi, sono costati all’ex farmacista del quartiere collinare del ponente genovese una denuncia per disturbo alla quiete pubblica.
Ora Besana è indagato, come dimostra l’avviso di garanzia appena ricevuto dal pm Francesco Cardona Albini. Ma il suo caso, c’è da scommetterci, non si risolverà solo con un processo e magari una multa, la punizione prevista per chi fa baccano in pubblico.

Perché l’uomo sa come dare battaglia, anche in modo non convenzionale.
In molti ricorderanno la canzone da pianobar intonata su internet in polemica con il sindaco Vincenzi accusato di trascurare i cittadini di quella collina così lontana da Palazzo Tursi.

Il caso della denuncia dell’ex farmacista, che alla guida di un gruppo di società sportive (il Pianacci) ha rianimato ormai da anni un quartiere come il Cep a partire da un’area polisportiva senza pari in città, è destinato a far discutere.
Anche a prescindere dal retroscena politico che potrebbe averlo generato (si veda l’articolo nella pagina a fianco, ndr).
Retroscena ambientato nella campagna elettorale delle ultime regionali dove Besana ha incassato 630 preferenze nella lista per Claudio Burlando, tanti ma non abbastanza.

Si tratta dell’ultimo, l’ennesimo capitolo della saga interminabile del rumore molesto in città. Saga che vede schierati su fronti opposti chi in città preferisce dormire sonni tranquilli e non è interessato al divertimento. E chi invece teme la tranquillità, nella quale si pasce il malaffare, e non si lamenta di fronte alla musica, ai balli, alle luci.
Succede regolarmente nel centro storico. Da anni. Quando i locali spingono via droga e brutti ceffi, saltano fuori i residenti con la legittima aspirazione a tenere le finestre aperte senza essere inondati di decibel. Quando le saracinesche si abbassano per sempre lasciando in pace chi abita intorno, allora ci si allarma perché i vicoli diventano ostaggio di minacce silenziose.

Ci vuole equilibrio. A ponente come in centro.

E pensava di averlo trovato al Cep, Carlo Besana, figura storica di ex farmacista di origini brianzole rimasto a fare volontariato dopo aver ceduto il negozio di via Due Dicembre 1944 incassando «soldi a sufficienza per emigrare stabilmente ai Caraibi».
Era il 3 dicembre 2007 quando diede l’addio ai concittadini clienti dal suo banco per ritrovarli come concittadini semplici nell’area Pianacci.

Non era mai stato facile convivere con un quartiere come il Cep, perseguitato dalla sua cattiva fama. Ma Besana che ha visto e combattuto la diffusione della droga tra gli adolescenti, la prepotenza dei piccoli-grandi bulli di periferia e insidiato il territorio delle famiglie dominanti della collina del cemento a prezzi popolari, non era mai passato dalla parte dei cattivi.
«La cosa che fa male – spiega l’ex farmacista – è vedere come vengano ripagati tutti gli sforzi fatti per riqualificare il quartiere. Forse i cittadini che mi hanno denunciato per il rumore molesto al PalaCep preferiscono il silenzio delle siringhe».

Dalla sua “nascita” (8 marzo 1997) a oggi nell’area Pianacci sono stati ambientati 103 eventi di spettacolo con l’esibizione di 127 gruppi per complessivi 924 artisti con oltre 87.000 spettatori presenti complessivamente.
Fino al 2008 compreso, gli spettacoli si sono tenuti all’aperto, sfidando le intemperie.
Dal 5 luglio del 2009, con l’inaugurazione del PalaCep, battezzata dalle canzoni di Gino Paoli, i concerti si svolgono al coperto: «Quella tensostruttura non è una discoteca. I sette concerti a ingresso gratuito dell’estate 2010 hanno avuto tutte le autorizzazioni, anche quelle relative all’inquinamento acustico – spiega Carlo Besana – I permessi arrivavano fino alle ore 24 e sono stati sempre rispettati (un unico sforamento la vigilia di Ferragosto). In sei delle sette serate ci sono stati sopralluoghi da parte della polizia municipale che non ha mai riscontrato irregolarità. Chissà forse è proprio questo il problema».

 

IL RISCATTO DI UN QUARTIERE POPOLARE
QUANDO LA GENTE AVEVA VERGOGNA A INVITARE GLI AMICI A CASA
II ruolo fondamentale del consorzio Pianacci nell’opera di aggregazione Sociale.

 SONO PASSATI tre anni da quando una mano graffiò con la vernice il cemento di un muraglione di via Cravasco tracciando il marchio di un orgoglio trovato. «Nato al Cep», si leggeva.

E ancora resiste quella scritta, ora un po’ sbiadita, che un anonimo dedicò a Michelino Giarraffa, il postino del quartiere morto a23 anni a Vesima, in un incidente stradale, nell’agosto 2008. Attorno a quella tragedia il quartiere, collina di cemento popolata da undicimila abitanti, si sollevò riscoprendo un’identità comune e sorprendente. Perché era stato Michelino in vita ad alimentarla, forse senza volerlo, nel suo profilo di Facebook, con la sua vita regolare e senza deviazioni, esistenza così diversa da quei coetanei che, in passato, avevano fatto del Cep il famigerato “Centro elementi pericolosi”.
Che cosa è rimasto di quei giorni è impossibile dirlo adesso.
Del Cep non si parla più nelle cronache del crimine cittadino come e quanto si faceva un tempo.

Forse perché il crimine che fa paura ha cambiato nazionalità e ridisegnato la sua geografia e qui è rimasto solo il disagio profondo di migliaia di famiglie afflitte dalla crisi economica.
Sicuramente nel quartiere molto è cambiato. E molto lo si deve proprio al Consorzio Pianacci, l’unione di alcune società sportive agglomerate dalla mente vulcanica dell’ex farmacista Carlo Besana, su un’area diventata il simbolo della rinascita, guardata con interesse dalla politica e da tutti i quartieri popolari della periferia assediati dal degrado e dalla discriminazione.
Una superficie piana, in cima alla collina di cemento del Cep, che non poteva non avere in origine una declinazione spregiativa: un pianaccio di cui per anni il Comune, proprietario, non sapeva che fare. Fino a quando il volontariato del posto non ha messo fuori la testa E se l’è preso.
Ora in quel pianaccio, e in particolare nel PalaCep inaugurato nel luglio del 2009, si allenano giovani sportivi e anche una campionessa mondiale di pattinaggio pluridecorata, Paola Fraschini, per la Asd Sturla, che non ha a Genova altra struttura coperta dove volteggiare a ritmo di musica.
Ci sono spazi aperti a tutti, anche se l’area è riservata ai soci. C’è il campo per il calcetto, dove di mattina ad attività ancora ferme, scorazzano i bambini del quartiere, con genitori e nonni.

E ci sono spazi di ritrovo per gli anziani, che sono diventati all’occasione terreno di incontro tra culture, come nelle feste cattoliche e musulmane organizzate per superare gli steccati proprio in un quartiere vissuto per molto tempo come un ghetto.
«Il problema è riuscire a dire “sono del Cep” con gli angoli della bocca rivolti all’insù, con il sorriso. Io ci ho provato», aveva ricordato Besana, nel giorno in cui cedeva la sua farmacia per dedicarsi a tempo pieno al volontariato.
Un’attività portata avanti con ironia e creatività, giocando sin dall’inizio sull’acronimo del quartiere, il Cep, diventato negli anni Ottanta e Novanta come un marchio di infamia.
E allora Besana puntò tutto sull’orgoglio del quartiere, organizzando il “Cep pride“, iniziativa che culminò con la serata dei “Tre tenori” alla Pianacci: «Ho visto persone scendere in piazza in vestito da sera, con i gioielli di famiglia e l’orgoglio di essere del Cep e poter finalmente avere ospiti in casa. C’è gente che si è vergognata per anni di invitare persino i parenti».
Negli anni sono seguiti eventi che giocavano con la sigla Cep. “Che Estate alla Pianacci”, il primo programma per le serate di agosto; poi “C”E’ Posto per tutti”, invito a usare gli spazi dell’area polisportiva; “Cocomeri E Pattini”. esilarante kermesse di pattinaggio; “Canzoni e Poesie”, musica e recitazione in piazza; “CEPpions league” torneo di calcetto; il “Campionato Estivo di Play», competizione per la generazione dei videogiochi; e il concerto dell’orchestra del Carlo Felice.
Alla Pianacci, con «le “leggere” del quartiere impegnate a fare stare in silenzio i bambini“.

 

IL SOSPETTO DELL’EX CANDIDATO ALLE REGIONALI AMICO DI BURLANDO
«Minacciato da Paladini è una vendetta politica»
II deputato Idv: «Abbiamo litigato, ma nessuna ritorsione» 
«È UNA VENDETTA», dice a chiare lettere Carlo Besana.

E sono parole destinate a incendiare l’agone politico, non solo a ponente, attorno al tema della musica che dà fastidio al Cep di Pra’, costata all’ex farmacista presidente del consorzio Pianacci una denuncia per disturbo alla quiete pubblica.

Perché le trenta firme che hanno sostenuto l’esposto in Procura contro le sette serate di musica organizzate l’estate scorsa al PalaCep, secondo Besana avrebbero un mandante politico: «Giovanni Paladini me l’aveva giurata a margine di una trasmissione televisiva a Primocanale in piena campagna elettorale per le regionali – racconta – II consiglio direttivo del Pianacci gli aveva negato la tensostruttura per la convention finale dell’Italia dei Valori. Con una motivazione precisa: quelli sono spazi per lo sport e il sociale e non sono a disposizione di questo o quel partito politico, nemmeno se presi in affitto pagando quanto previsto. E allora Paladini durante un fuori onda nello studio televisivo me lo disse chiaro con cadenza romanesca: “Io te massacro, te faccio levare il PalaCep”, “Tranquillo, pure il bar te faccio togliere alla Pianacci”. E poi rivolto al pubblico: “Ma lui che c’entra con il Cep? Lui al Cep non lo vedono mai, ed è di Pegli !».

Archiviate le elezioni, la presunta vendetta sarebbe maturata attraverso alcuni esponenti del Comitato di quartiere Ca’ Nuova, che secondo Besana, sarebbe al centro di un «tentativo di accaparramento da parte dell’onorevole Paladini». Loro, evidentemente confluiti nell’orbita dell’Idv, avrebbero promosso la raccolta di firme sfociata nella denuncia e ora nell’inchiesta penale per disturbo alla quiete pubblica.

Della questione Carlo Besana ha investito tutte le istituzioni locali e nazionali possibili. Il segretario delI’Idv Antonio Di Pietro, anche per intercessione del senatore del Pd Roberta Pinotti. E poi il municipio del Ponente, il sindaco Marta Vincenzi, il governatore Claudio Burlando, e i vertici del Pd: «Non ho ricevuto risposte. Neanche da chi, come nella ex circoscrizione, ha patrocinato e sostenuto economicamente tutte le manifestazioni finite sotto accusa. Nessuno mi ha detto ora che cosa bisogna fare in questa area pubblica».

Giovanni Paladini, contattato dal Secolo XIX, respinge sdegnato ogni insinuazione: «lo non ho mai pronunciato quelle parole e non ho minacciato proprio nessuno. Ci sono dei testimoni, e prima di tutto Lorenzo Basso, segretario regionale del Pd. Sentite anche lui. Io mi sono semplicemente detto amareggiato perché un’area pubblica, pagata con soldi della collettività, non era stata concessa a un partito politico impegnato nella campagna elettorale per la sua convention finale. – spiega il deputato, che si dice all’oscuro della denuncia presentata dai trenta cittadini del Cep infastiditi dalla musica – Tra l’altro il vero fatto, di una gravità enorme, era l’incompatibilità tra Besana candidato alle regionali e il suo ruolo di presidente del consorzio Pianacci. Lui non può usare la cosa pubblica come fosse privata».
A dirla tutta però, alla votazione del consiglio direttivo del consorzio che disse no alla richiesta di affittare il PalaCep presentata dall’Idv, il presidente Carlo Besana non partecipò astenendosi. Evidentemente all’esponente dell’Idv questo non è bastato.

«Sono esterrefatto dalla deriva che la questione sta prendendo – avverte Besana – devo ammettere che la mia candidatura alle ultime regionali è stata un errore. Ora l’ho capito. Pensavo di poter essere utile, ma mi sbagliavo. Fino a quando la politica è rimasta fuori dal quartiere e dall’area Pianacci limitandosi al minimo sindacale, ed è successo per dodici anni, tutto è filato liscio. Poi, con il mio tentativo nella lista per Burlando, è stato un disastro. La politica scema si è fatta largo anche quassù, con persone che puntano solo al proprio tornaconto e si disinteressano totalmente della causa comune».

 

IL GOVERNATORE: «FORZE SPRECATE FACCIANO PACE»

IL PRESIDENTE della giunta Regionale Claudio Burlando commenta la notizia dell’indagine sulle feste al Cep di Pra’ che coinvolgono il suo amico ed ex compagno di lista alle ultime regionali Carlo Besana : «Mi dispiace che una persona così importante per la riqualificazione del quartiere sia finita indagata per una vicenda del genere. Questi appuntamenti sono troppo importanti per quartieri della città di quel tipo».

Sulla lite Besana – Paladini? «Spero che le cose tra i due si ricompongano presto, è inutile disperdere le forze sia di chi ha un impegno sociale sia di chi ne ha uno politico. Certi litigi non hanno ragion d’essere».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.