La banda dei valori

La banda dei valori

 

28 ottobre 2012

Non c’è nulla da aggiungere…
Don Gallo li definiva “L’Italia Dei Malori”…

Link all’articolo

(Umberto La Rocca, per “Il Secolo XIX”)
LA BANDA DEI VALORI ED IL SILENZIO DEL PD

Una banda.
Ci ho pensato e ripensato ma un altro modo di definire il gruppo dirigente ligure dell’Italia dei Valori, chiedo scusa, non l’ho trovato.

Lo spettacolo offerto negli ultimi mesi da questi traslocati dal sottobosco degli ex democristiani alla corte di Di Pietro, merita di essere rivisto al rallentatore.
Fin da quando la moglie del Capo, la vicepresidente della giunta regionale Marylin Fusco, all’indomani dell’alluvione si batte contro la moratoria ambientale di sei mesi proposta dall’assessore Briano affinché i privati, alcuni privati, possano continuare a costruire, rischi o non rischi.
Per poi staccare e riproporre le immagini dell’ex assessore genovese Stefano Anzalone che, a urne ancora calde, rivendica una poltrona in giunta, quale che sia, per i dipietristi alla faccia della politica disinteressata e rispettosa delle competenze.
E per finire con l’accelerazione di questi giorni: la Fusco indagata per truffa nell’inchiesta sul porto e la pista ciclabile di Ospedaletti, l’ex assessore comunale Francesco Scidone accusato di essere al corrente dell’ignobile falsificazione dei documenti sull’alluvione di Genova, suo fratello, titolare di un’agenzia di viaggi, sospettato di aver fatto la cresta sui biglietti pagati dalla Regione, e ancora la Fusco intercettata e pedinata nei suoi tentativi di dare una mano a un imprenditore rivelandogli le caratteristiche di un bando prima che fosse reso pubblico.

Un crescendo rossiniano. Con risvolti grotteschi, come quello dell’imprenditore in questione che, prevedendo uno stop all’appalto da parte della giunta regionale, corre a casa della Fusco e da lì ordina per telefono a un suo uomo e all’avvocato di minacciare azioni legali contro quella stessa Regione la cui vicepresidente si trova davanti a lui.
E chi gli fa da intermediario con la Fusco? Il fratello carabiniere di Giovanni Paladini, segretario regionale del partito di Di Pietro, marito di Marylin e ispiratore delle mosse della signora.

Ce n’è quanto basta, mi pare, per giustificare la definizione di “banda” che ho usato.
E chi ne vuole sapere di più può leggere gli articoli con i quali Il Secolo XIX sta sollevando il velo su questa ultima vicenda.

Restano tuttavia tre domande ancora senza risposta.
La prima: è credibile che questi signori offrissero i loro servigi in cambio di un semplice grazie, senza ottenerne nessun vantaggio?
La seconda: fino a quando Di Pietro potrà tollerare che l’immagine sua e quella dei tanti militanti ed elettori di Italia dei Valori sia sporcata da quello che ha tutta l’apparenza di un clan affaristico di periferia?
La terza: davvero il Partito democratico e il presidente della giunta regionale Claudio Burlando, sempre cauti e spesso silenti, possono dimenticare che uno dei loro alleati più significativi, in Regione e in tanti comuni a partire da Genova, risponde a logiche che con la politica pulita e il bene pubblico non hanno niente a che fare? Davvero credono di potersela cavare con una scrollata di spalle e continuando come se niente fosse, fingendo di non sapere che portano la responsabilità politica di aver affidato alla Fusco la vicepresidenza in Regione e la delicatissima delega all’Urbanistica, delega riconsegnata nelle mani di un fedelissimo di Paladini dopo le dimissioni della signora?

La risposta sta a loro.
Agli elettori, tra qualche mese, il potere di giudicarla.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.