Ky-Mani Marley al PalaCep!!!

Ky-Mani Marley al PalaCep!!!

 

24 aprile 2012

KiMany Marley al PalaCep!
Un evento eccezionale, con il web costellato da un’infinità di clip video live… il Cep senza confini…

Un evento eccezionale, che ha portato al PalaCep centinaia di spettatori in una delle due sole date italiane del tour di Kimany Marley.
Di nuovo, quindi, il Cep, il Pianacci ed il PalaCep in una dimensione internazionale, con il web costellato da un’infinità di clip video live, il Cep senza confini…

Posto qui l’articolo di Diego Curcio e, più sotto, una sia pur parziale rassegna stampa. 

Link all’articolo

(Diego Curcio, per “Il Corriere Mercantile”, 17 aprile 2012)
Il principe reggae suona al Palacep
KY-MANI MARLEY, BUONE VIBRAZIONI SUL PALCO DEL CEP
La favola dell’ex quartiere ghetto
Un concerto da non perdere, con una star della musica internazionale.
L’incasso andrà in beneficenza

UNA SERATA RICCA DI OSPITI
Il concerto di KyMani Marley al Palacep del 24 marzo si aprirà alle 18 con le esibizioni di Kiaroots, Cuffa Sound, Rino, Matto Haz e Raphael ed Andy Mittoo. Mentre il figlio di Bob salirà sul palco alle 22. Ospite speciale della serata sarà lo scrittore e fondatore di Chinaski edizioni Federico Traversa aka F.T.Sandman. KyMani Marley, nato nel 1976 dall’unione fra il re del regga e l’atleta giamaicana Anita Belnavis, ha avuto una vita meno agiata rispetto a quella dei fratelli, vivendo con la madre a Miami lontano da Kingston. Il titolo dell’autobiografia “Dear dad”, è tratto da un suo brano struggente dedicato al padre.

Marley al Cep.
Detta così fa un certo effetto, ma chiarendo che per evidenti motivi non si tratta del profeta del reggae Bob (morto 31 anni fa per un tumore, ma del figlio KyMani, la notizia resta comunque una di quelle capaci di far saltare sulla sedia qualunque appassionato di musica. L’artista, classe 1976 nato dalla relazione extraconiugale fra l’autore di “Redemption song” e la campionessa giamaicana di ping pong Anita Belnavis, sarà in Italia per due sole date, lunedì prossimo a Milano e martedì 24 proprio sul palco del palazzetto del quartiere collinare genovese. Un evento da non perdere, organizzzato dalla casa editrice Chinaski di Sestri Ponente, che in questi giorni pubblica in esclusiva per il nostro Paese la sua autobiografia “Dear dad”, dall’associazione Pianacci che gestisce il Palacep, dalla Festa del Sole e dalla Comunità di San Benedetto al Porto di don Andrea Gallo, a cui andranno i proventi della serata, al netto delle spese.

(clicca per ingrandire)

IL BIGLIETTO
Il biglietto per il concerto del 24, inoltre, costa soltanto 16 euro in prevendita, quasi la metà dei 28 euro della data milanese: un prezzo speciale concordato con Marley, per consentire a tutti di partecipare alla serata. «Non puoi andare al Cep, un quartiere popolare dove vivono molti precari e disoccupati, e chiedere un ingresso di 30 o 40 euro – spiega Federico Traversa, scrittore e fondatore della Chinaski. – Così parlando con KyMani siamo riusciti ad abbassare al minimo il sua cachet e tutto ciò che guadagneremo lo daremo alla comunità di don Gallo».
IL LIBRO
Insomma le buone vibrazioni del reggae e il messaggio positivo della musica resa famosa in tutto il mondo da Bob Marley, continuano idealmente sulle note di questo suo talentuoso figlio di secondo letto, che sembra incarnare alla perfezione la frase di Ernesto Che Guevara, ‘bisogna essere duri senza perdere la gentilezza”. KyMani, infatti, come racconta fra le pagine bollenti della sua autobiografia (30 mila copie vendute negli Usa e un bel polverone mediatico scatenato dalla moglie di Marley, Rita) non è certo quel che si può considerare il classico figlio d’arte viziato e senza talento. Prima di tutto perché l’artista giamaicano ha stoffa da vendere, e poi perché dopo la morte di Bob, come racconta nel suo libro autobiografico, KyMani, come tutti gli altri figli illegittimi del re del reggae, venne allontanato dalla casa di famiglia e lasciato al proprio destino.
LA STORIA
Così il piccolo Marley jr, che all’epoca aveva 5 anni, ha vissuto fino al raggiungimento della maggiore età, in una baraccopoli di Miami, insieme a nove fratelli. Nel corso della sua adolescenza tormentata il figlio di Anita Belnavis ha percorso quasi tutto il cursus honorem dei ragazzi del ghetto, spacciando droga e partecipando a sparatorie e storie di violenza. Compiuti i 18 anni, però, potendo finalmente beneficiare dell’eredità del padre, KyMani ha deciso di mettere la testa a posto e di intraprendere la carriera musicale (da piccolo aveva studiato pianoforte e datarmi, riuscendo persino a riallacciare i rapporti con alcuni dei fratellastri (anche Ziggy, Stephen e Datman sono musicisti). I suoi dischi, pubblicati dal 1996 a oggi, sono in tutto sei, compreso l’ultimo ‘New Heights” inciso l’anno scorso. Oltre alla musica KyMani, ha avuto anche alcune esperienze come attore cinematografico. E presto, dal suo esordio sul grande schermo intitolato “Shottas” e uscito nel 2002, verrà tratta una serie tv in cui lui stesso reciterà il ruolo del protagonista.

LA FAVOLA
Se quella raccontata da KyMani in “Dear dad” è una storia complessa e piena di momenti difficili, quella che ha portato il figlio di Bob Marley al Cep, invece, sembra il coronamento di una favola iniziata quindici anni fa. Grazie all’associazione Pianacci fondata da Carlo Besana, infatti, questo quartiere collinare, famoso negli anni Ottanta per essere una delle sacche di disagio della città, oggi è diventato addirittura uno dei motori propulsivi della cultura genovese. «L’idea di portare KyMani al Cep è nata alcuni mesi fa  – racconta Traversa – L’avevo conosciuto l’estate scorsa a Rimini nel corso di un appuntamento letterario. E nel giro di qualche settimana abbiamo stretto un accordo per pubblicare la sua autobiografia in Italia per la nostra casa editrice. Qualche tempo dopo, mentre stavo andando con don Gallo alla presentazione del libro che abbiamo scritto insieme, mi ha telefonato Nadia Montanari, che ha tradotto per noi “Dear dad”, dicendomi che KyMani stava per intraprendere un tour europeo e aveva due giorni liberi ad aprile. Ne ho parlato subito con don Andrea, che qualche giorno prima era stato al Palacep con Adriano Celentano, e lui non ha avuto alcun dubbio: “Chiama Besana mi ha detto e chiedigli di portarlo alla Pianacci“. E così, nel giro di qualche giorno siamo riusciti a mettere in piedi questa data pazzesca. KyMani era davvero felice di suonare a Genova, soprattutto dopo la tragedia dell’alluvione. Lui ha vissuto per anni in un quartiere difficile e quando gli ho parlato del Cep si è dimostrato entusiasta».

LA MUSICA
Insomma, un altro piccolo grande miracolo, dopo che a dicembre sempre al Cep, Celentano aveva cantato dal vivo due canzoni a quasi vent’anni dal suo ultimo concerto. Un evento eccezionale che vede nuovamente protagonista questo quartiere laboratorio, capace di far parlare di sé in tutta Europa. «Dal punto di vista musicale . conclude Traversa – KyMani è diverso dagli altri suoi fratelli e forse è quello che, come timbrica, assomiglia maggiormente a Boh Marley. Ha avuto una vita difficile e nei suoi pezzi parla di vicende vissute sulla propria pelle. Il suo sound, però, noia si limita al reggae, ma è aperto a contaminazioni con l’hip hop e il r&b. In alcuni casi ci sono persino dei passaggi rock’n’rolL È davvero un artista completo e ha vinto anche tre Grammy Awards».

 

la galleria fotografica

 

 

 

  (un po’ di rassegna stampa)

 

 

Link all’articolo
Link all’articolo
Link all’articolo
Link all’articolo
Link all’articolo
Link all’articolo
Link all’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.