Io, mia moglie, le fotografie, i gabbiani…

Io, mia moglie, le fotografie, i gabbiani…

2 novembre 2015

IO, MIA MOGLIE, LE FOTOGRAFIE, I GABBIANI ….

 

(per capire il vero significato della foto qui sotto, occorre leggere il racconto fino alla fine…)

CasaBesana_2novembre2015La grande diffusione degli smartphone, e soprattutto la possibilità di incorporare fotocamere semplici e di prestazioni sempre più simili a quelle delle fotocamere tradizionali, quelle con cui si può solo fotografare, ha facilitato la proliferazione di milioni di fotoamatori e la nuova centralità della fotografia nella comunicazione quotidiana, resa ancor più evidente dalla vera e propria esplosione dei social.

Mia moglie Susanna, che per molti anni (quelli delle “pellicole”) ha “accompagnato” la mia passione per la fotografia, non si sottrae a questa moda, incappando peraltro nelle diverse “fasi” che tutti i fotoamatori conoscono bene, avendole percorse fin dall’era pre-digitale.

La prima fase è quella del “si fotografa qualunque cosa”….
mia moglie ha fotografato con entusiasmo insignificanti guardrail in autostrada (ovviamente in movimento), specchi d’acqua in cui si riflette di tutto, purché sia un riflesso (oooooh, guarda che bello il riflesso capovolto !!!…), le pozzanghere del parcheggio della PAM e così via…
insomma, improvvisamente il fotoamatore “scopre” il mondo che lo circonda, pur non riuscendo a comprendere cosa meriti di essere fotografato.

Poi arriva la fase “intimistica”…
quella in cui si fotografa qualcosa e si cerca, attraverso il titolo, di darle un profondo significato
mia moglie sulla spiaggia ha fotografato un tratto di mare, lontano, sormontato da un ammasso di nuvole, con in primo piano i suoi piedi, che non sono proprio paragonabili a quelli della protagonista di una favola..
Mi mostra la foto, con orgoglio, e commenta: Vedi, a questa foto ho voluto dare il senso tipo… ‘ il mondo ai miei piedi’…
Per quieto vivere, ho cercato di commentare con un ruffianissimo “ooohhhh” di meraviglia, in realtà sarebbe stato più giusto dirle: “Ok, vuoi il mondo ai tuoi piedi? Va bene, ma cominciamo a fare una bella pedicure, dai…“.

ed a proposito di “ricerca di consenso”…
l’altra sera eravamo a cena a casa di Giorgio Scarfì (a proposito: ottima cuoca la moglie Serena) e Susanna, date le note qualità di Giorgio come fotografo, gli mostra orgogliosa un po’ di foto dalla galleria del suo smartphone e gli chiede un parere…
lui, nel rispetto dei doveri di ospitalità, cerca di bofonchiare qualcosa che assomigli ad un complimento, aggiungendo con tono convinto “Perché non ti iscrivi ad un corso di fotografia? “…
lei
, ancora abbagliata dalle aspettative di consenso, lo piglia come un grande (ed atteso…) complimento, squittisce incantata, come se, capitata casualmente davanti a Brad Pitt, costui trascurasse improvvisamente Angiolina Jolie e, dato uno sguardo interessato al suo decolletè, facesse seguire una complice strizzatina d’occhio…

il fotoamatore che mostra le sue “opere” si aspetta solo complimenti…
Susanna non sfugge a questa regola…
non si rende conto che è come se un aspirante scrittore si sottoponesse al giudizio di Camilleri e si sentisse rispondere “Perché non si iscrive ad un corso di italiano?”….

E veniamo alla foto che correda questo post…
Susanna è ora nella fase “panorama”….
aggravata dalla facilità con la quale, grazie a software moderni, è possibile scattare foto con angoli vicini ai 180°, che fatalmente amplificano l’effetto grandangolo, che rende lontanissimi anche soggetti di grandi dimensioni… figuriamoci un volatile…
ora, se si tratta di un condor, magari i suoi tre metri di apertura alare si possono apprezzare anche da lontano … ma un gabbiano… perché un gabbiano?

allora, Susanna ben ricorda il mio antico (ed opinabile) motto “un bel panorama è bene che comunque comprenda anche soggetti ‘vivi’, che diano la dimensione del luogo ‘vissuto’… persone, animali…“…

quindi, visto che la Liguria non è propriamente nota per la presenza del condor, non appena si individua in cielo il volo di un gabbiano…
ecco che le scatta immediatamente un chip che la costringe ad attivare la fotocamera dello smartphone ed inquadrare il panorama che le sta di fronte, qualunque esso sia, purché non manchi l’inconsapevole gabbiano

che riesce a vedere solo lei, perché sul display è un microscopico puntino, e lei te lo mostra con orgoglio “Hai visto, ho ‘preso al volo’ il gabbiano, guarda che bel panorama“….

e non puoi dirle che no, tu non lo vedi il gabbiano, tu vedi solo, ed a fatica, un puntino che potrebbe essere anche un pelucco davanti all’obiettivo…

ma non glielo puoi dire, ci rimarrebbe troppo male, ed allora devi stare al gioco…
aaaahhhh, che bel gabbiano, come rende vivo il tuo panorama…“…

ormai è diventata un’ossessione…
qualunque puntino che si riconduca a lei ormai è anche per me un gabbiano…

l’altro giorno ero davanti al pc e lei mi manda (dalla cucina) un messaggio tramite whatsapp: “A tavola, è pronto già da un po’…
i tre puntini a chiusura della frase non mi sfuggono…

le rispondo “messaggio ricevuto, arrivo subito! p.s.: che belli i tre gabbiani nel tuo messaggio!!!

Prima o poi, lo so che capiterà, l’ossessione per i gabbiani, unita alla moda culinaria altrettanto devastante, la porterà a cercare anche la ricetta per cucinare i gabbiani…. non so se saranno gradevoli…
di certo saranno ben cotti…

anzi, cotti a… puntino!

Sipario.

(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.