Io, mia moglie, ed un “intrigante perizoma”…

Io, mia moglie, ed un “intrigante perizoma”…

23 novembre 2015

IO, MIA MOGLIE, ED UN “INTRIGANTE PERIZOMA”…

 

Quando una coppia trascorre un po’ di tempo insieme sulla spiaggia, i comportamenti sono abbastanza standardizzati: se sono giovani, lui avrà occhi solo per lei, che, fingendo imbarazzo, sarà in realtà al settimo cielo, lo prenderà per la mano, e lo condurrà, trionfante, in un percorso tra lettini ed ombrelloni fino alle onde, che potranno cullare le loro coccole…

Una coppia che ha già raggiunto (e magari superato) i 30 anni di convivenza (come ad esempio il sottoscritto e Susanna), presenta invece dinamiche ben diverse.

Lei cercherà, riuscendoci, di occupare lo spazio migliore, con continue rotazioni del lettino affinché possa sempre essere nella migliore linea “a favore di sole”, che è l’unica attenzione desiderata…
Il tempo di coprirsi accuratamente con le diverse protezioni, una specifica per ogni parte del corpo, ed eccola lì, già distesa, pronta a cogliere ogni possibile raggio…

Il che, tutto sommato, non sarebbe neanche un guaio…
Il bagno solare rende inoffensiva anche la più rompiscatole delle mogli, offrendo a lui l’opportunità di un vero relax: lettura approfondita della Gazzetta, comprese le notizie sul badminton, inserto settimanale da sfogliare con cura, ricerca (con lo sguardo dietro gli occhiali da sole) di qualche bellezza locale, pisolino…

Il problema nasce quando lei decide che il bagno solare necessita di una pausa…

In quel momento il sole non esiste più… Il “sole” ora è lei, e vuole tutta l’attenzione su di sé…
Scatta un perfido istinto pseudo materno, che la porta ad “offrire” a lui tutta la sua necessaria presenza…

Hai messo la protezione 50 sulla fronte, che poi ti bruci???
Hai bevuto? Ricordati che devi bere almeno due litri d’acqua al giorno!
Non stare lì a poltrire, fai un po’ di moto, almeno in vacanza!!
“Ah, se non ci fossi io…”

Tutte domande ed affermazioni a raffica sulle quali occorre essere pronti a dare prova di presenza, pena l’immancabile: “ecco, sono qui con te e mi tratti come se non ci fossi…“.

E’ quello che mi è capitato un paio di giorni fa sulla stupenda spiaggia di Meloneras.
Alle domande-affermazioni a raffica di Susanna ho opposto la “resistenza” più semplice, ho fatto finta di non averle sentite, dando l’impressione di continuare a dormire…

Li è scattata la perfida vendetta della moglie, ormai avvezza a questi fragili espedienti …

Con apparente nonchalance ha sussurrato:”prima, quando sono andata alla toilette, c’era una ragazza con un fisico spettacolare, beata lei che può permettersi un perizoma più sottile di un filo interdentale senza sfigurare… Ah, è proprio quella li nella fila alla nostra destra. ..

CasaBesana_nuvolaperizoma

Ed io, improvvisamente, e senza motivo se non quello stupido, piacevole voyeurismo che accomuna i miei coetanei che non cuccano da una vita, dicevo, io su quella frase sono scattato come una molla, indirizzando il mio sguardo già “arrapato” sulla mia destra.

E mentre scattavo, ma senza i riflessi necessari per rimediare, ho avuto immediatamente la netta sensazione della “trappola” in cui mi aveva portato quella “vecchia lenza” di mia moglie…

Non c’era, ovviamente, nessun “perizoma” da ammirare… voleva solo “snidarmi” …

Girandomi versi di lei, ero già rassegnato ad un sorriso beffardo accompagnato da un dito medio alzato…

E di certo, se non fossimo stati in un luogo pubblico, me l’avrebbe (meritatamente) sventolato sotto il naso…
Non l’ha fatto, ma mi è parso di intravvederne, nei suoi occhi, addirittura due…

Sipario.

(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.