Io, mia moglie, ed i “dolci inganni”…

Io, mia moglie, ed i “dolci inganni”…

4 aprile 2015

IO, MIA MOGLIE ED I “DOLCI INGANNI”…

 

Già in passato mi è capitato di descrivere le qualità culinarie di mia moglie, che si informa continuamente su ricette particolarmente articolate ed “improbabili” salvo poi farmi trovare, quasi sempre, sulla tavola, la “solita minestra ….

Con alcuni punti di “eccellenza”, come quello raggiunto l’altra sera, quando il menu prevedeva:

CasaBesana_toast
1) “Dischetti tondi di melanzane cotte a forno in teglia, adagiate su letto di pomodoro e formaggio parmigiano, riportate ex post rapidamente a temperatura”, cioè in buona sostanza melanzane alla parmigiana del giorno prima riscaldate un paio di minuti nel microonde…

2) “Cooke ham e tagli di edamer in fette di grano rosolato a secco, due porzioni”, cioè in pratica due toast…

Ho cercato di dare dignità a questa “cena” utilizzando, anche per il “piatto numero 2”, coltello e forchetta, con la stessa attenzione che viene dedicata agli stessi strumenti quando ci si dedica alla vorace “spolpatura” (senza utilizzo diretto delle mani) di un prelibato cosciotto di agnello alle olive con fagioli corallo e pomodorini…

Procedo con molta rassegnazione, affrontando anche l’ultima “tappa”, l’arancia “che ti fa bene, c’è tanta vitamina C”, quando incrocio il suo sguardo, e sembra che lei abbia colto la mia nobile ma triste rassegnazione …

mi guarda con occhi furbetti e mi dice:
Dai, non penserai che è tutto qui? Sorpresa!!!

ed io, come un allocco (ed ingannato dal fatto che l’avevo vista rientrare a casa con un bel po’ di uova) faccio esplodere il mio illusorio desiderio: Tiramisù???

e lei Bravissimo, mi hai letto nel pensiero !!! e mi tende le braccia quasi a chiedere un bacio od un abbraccio in premio….

Io, ormai inebetito dall’acquolina in bocca, mi alzo, vado verso di lei, prendo le sue mani e lei, irrigidendo le braccia: “Ecco, bravo, dammi una mano… tirami su!!!”, alzandosi dalla sedia con il mio aiuto, condito dall’aggiunta di una perfida risata…

Qui sarebbe appropriato un sipario nero che si chiude, e me lo meriterei …

ma si rende necessaria un’ulteriore riflessione, che, come fosse un regalo di Pasqua, dono volentieri ai “naviganti maschi” che si dovessero trovare, ahiloro, in analoga situazione…

Una riflessione che parte da un ormai inevitabile, terribile sospetto.

E se si dovesse rivelare così perfida anche in altre situazioni, dalle conseguenze ancor più devastanti??

Sarà capitato anche a voi (no, non è l’incipit della canzone di Sylvie Vartan, è l’inizio di una seria riflessione…) dicevo, sarà capitato anche a voi di prepararvi con granitica certezza ad una serata di felice intimità con vostra moglie e non solo perché non c’è niente in tv, ma proprio perché lei ve l’ha fatto capire, è stata esplicita, ha usato quel termine che qui per pudore non posso trascrivere ma che è inequivocabile…CasaBesana_vihuela

no, dopo lo scherzo del “tiramisù” non c’è più niente di “inequivocabile” con mia moglie… tutto sta diventando un incubo con l’ossessione dello scherzo dietro l’angolo …

già me la immagino la scena …

lei mi ha caricato a pallettoni usando proprio quel termine lì…

io esco dalla doccia, prolungata il giusto per fare in modo che la piccola dose di supporto “chimico” possa avere il tempo di fare effetto ed irrobustire il giusto la mia necessità di far bella figura…

mi avvicino al letto e lei è già lì, con il suo sguardo furbetto … troppo furbetto …
ed infatti all’improvviso tira fuori, da sotto le lenzuola, una lucente ed ottonatissima tromba, mettendosi a suonarla manco fosse il leader di un gruppo di suonatori mariachi…. è proprio un incubo, devo correre ai ripari… trovato!… metterò sotto il letto una vihuela, quella piccola chitarra pure tipica dei gruppi mariachi…

attenderò che lei si avvicini, piena di desiderio (vabbè dai, è un esempio…) ed io, con il mio sguardo furbetto… zac !!! tirerò fuori la vihuela e mi metterò a suonarla…

d’altro canto, giorni fa gliel’avevo detto:
Dopo l’intervento per i calcoli mi sento rinato, rimesso a nuovo… vedrai che anche nell’intimità sarà una musica diversa…” … infatti …

“la cucaracha, la cucaracha, ya no puede caminar….”

 

Sipario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.