Io, mia moglie, e… Olimpiadi o Giochi senza frontiere?

Io, mia moglie, e… Olimpiadi o Giochi senza frontiere?

13 agosto 2016

IO, MIA MOGLIE E…. OLIMPIADI O GIOCHI SENZA FRONTIERE?

 

Capita anche alle Olimpiadi: uno si aspetta la medaglia da Enrico, il più “vecchio” dei due Garozzo ed invece, a sorpresa, la medaglia se la piglia Davide, il “più piccolo”, ed è anche del metallo più pregiato…
Uno si aspetta Djokovic sul gradino più alto del podio, ed invece il serbo esce al primo turno… e potrei continuare a lungo…
E’ il bello dello Sport, dove nulla è assolutamente certo…. come nella vita.

Bene, dirà qualcuno…. a che pro questo “pistolotto” in cui si fa fatica a trovare uno spunto di originalità???
Beh, come noto a molti miei amici, dallo scorso mercoledì la mia vita ha intrapreso un percorso assolutamente inesplorato nei primi 62 anni…

no, no… tranquilli… nessuna crisi mistica o roba del genere…

semplicemente (si fa per dire) mia moglie è stata operata alla spalla destra, dovrà portare per alcune settimane un tutore che le tiene bloccato il braccio destro ed i tempi per un recupero funzionale, che la renda di nuovo autonoma, sono abbastanza lunghi

E che c’entra questo con lo Sport e con i Giochi Olimpici???
C’entra, c’entra…

Nel periodo immediatamente precedente l’intervento mia moglie, conoscendo la mia idiosincrasia alle mansioni domestiche (non so cucinare non so stirare e non voglio imparare proprio ora, dopo 62 comodi anni…), si è preoccupata di stipare derrate alimentari ed altra roba tipo bunker atomico.

Così come i pronostici alla vigilia dei Giochi, tutta la preoccupazione (sua e mia) si era quindi incentrata sulle difficoltà più “gettonate”, compresa la cura dei suoi capelli verso i quali (ovviamente) c’è da parte sua maggiore dimestichezza rispetto alle esperienze da me accumulate con le mie impercettibili “chiome” …

un mini corso di formazione su “pettine-spazzola-coda” le ha dimostrato quanto sia in grado (io) di imparare rapidamente.
Stamane l’ho pettinata-spazzolata con tale trasporto da indurmi a commentare in francese, tanto mi ero calato nel ruolo di novello Figaro…
e le ho fatto una coda che neanche a Ferragosto in tangenziale….

E fin qui tutto ok… ma, come nello Sport, anche nella vita entra in gioco l’imponderabile, l’elemento che non avevi preso in considerazione, il “fattore sorpresa”…

CasaBesana_carlo_ali

Mi riferisco alla necessità di applicare un assorbente…  ed alla raffinata tecnica che occorre mettere in campo per applicarlo su un paio di minuscoli slip, che non sono i tuoi.…

eh, sì, non era stata presa in considerazione una delle costanti nella vita femminile dai 15 ai 55 anni circa… e con una mano sola l’impresa è veramente difficile… e se sui capelli avevo comunque qualche ricordo personale, molto datato certo, ma c’era… qui invece il buio totale…

Innanzitutto vorrei dare una notizia a chi si trova nella situazione in cui mi trovavo io fino a 48 ore fa: l’adesivo dell’assorbente va messo a contatto con gli slip sennò, oltre a non svolgere la funzione prevista, si otterrebbe un altrettanto fastidioso “effetto ceretta”…
e questo significherebbe, subito, uscire dalla zona medaglie …

Poi c’è da capire qual è il verso, e qui vengono in aiuto i “segnali” in bassorilievo, ad esempio un “cuore”, che indicano il verso “anteriore”…
ed infine la piegatura delle “ali”, che non devono rimanere aperte come capita ad esempio agli aerei ma ripiegarsi per dare più sicurezza all’applicazione…

Beh, il mio “spirito olimpico” è riuscito ad emergere anche in questo frangente: dopo un paio di tentativi (ma era ancora fase di “riscaldamento”) ho applicato correttamente un Lines Notte con le ali in pochissimi secondi… purtroppo c’era un po’ di corrente in casa ed il record non è stato omologato perché realizzato in favore di  vento…
ma ci saranno altre occasioni, in questa nuova disciplina che mi ha costretto a passare dalla piacevole Red Bull che mette le ali all’enigmatico Lines Notte, che peraltro le ali le ha già…

A pensarci bene, più che ad una disciplina olimpica questa incombenza mi fa pensare a Giochi senza frontiere

ecco, se ci fosse un “fil rouge” in cui occorre svolgere questo compito nel minor tempo possibile…
già mi ci vedo in cima alla classifica, davanti alle squadre di San Colombano al Lambro, Casnate con Bernate, Pessano con Bornago…

Già me li vedo…  Guido Pancaldi e Gennaro Olivieri…  trois, deux, un…

Sipario.

 

 

(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.