Io, mia moglie, e… le coccole…

Io, mia moglie, e… le coccole…

10 agosto 2016

IO, MIA MOGLIE E … LE COCCOLE…

Mia moglie sarà operata stamane (slap2 e legamento sovraspinato spalla destra) e siamo entrambi consapevoli che questo comporterà alcuni disagi ed alcune modifiche nel nostro ormai ampiamente collaudato ménage familiare…

La riabilitazione durerà almeno 4 mesi (quindi fino a Natale…) e, soprattutto, nei primi 20 giorni il braccio destro dovrà restare immobilizzato e nei venti giorni successivi solo soggetto a “ginnastica passiva”…
insomma, è chiaro che per almeno 40 giorni, se non di più, Susanna non potrà fare alcunché in casa, in cui da 28 anni è l’assoluta regina…
E per contro io non so affatto né cucinare (al massimo spaghetti n^ 5 che cuociono rapidamente) né tantomeno stirare

E non ho alcuna intenzione di “imparare” ora, sarebbe un clamoroso autogol
già me la immagino, fra sei mesi…. “Stira tu che io non ho tempo, lo facevi quando ero infortunata puoi farlo anche ora no?”

Un mio principio assoluto è sempre stato: “Non imparare a fare cose nuove, prima o poi ti chiederebbero di farle, anche se non ne hai voglia…”…
e non voglio venir meno ai miei principi proprio ora che ho girato la boa dei 62 anni…

Susanna in queste settimane si è “allenata” a mangiare, usare lo smartphone, scribacchiare ecc. con la sinistra… e fin qui va bene…. finché non si arriva a sfiorare i limiti della paranoia…
Sfiorare ???? ampiamente superati!!!

Oggi ho aperto il frigorifero: ci sono derrate alimentari che neanche nei bunker durante la 2^ guerra mondiale…CasaBesana_whirlpool

il logo Whirlpool ha le due “o” che mi guardano come due occhi supplicanti, non ce la fanno più, non sono abituati…

d’altro canto siamo in due, il tran tran è sempre stato quello…

ora invece potremmo ospitare per un mese un battaglione di soldati appena usciti da un campo di prigionia e sfamarli senza necessità di passare dal super mercato…
per non dire del box di Susanna, che oltre alla sua auto ospita anche un piccolo spazio utilizzato come dispensa, in aggiunta alla già stracolma dispensa accanto alla cucina …

rotoli di carta igienica pari alla deforestazione di una grossa porzione di foresta amazzonica, barattoli di pomodori pelati che manco la pizzeria di Fuorigrotta, un bancale di tonno già oggetto d’inchiesta per aver causato la drastica diminuzione della specie, decine di flaconi di ammorbidente con i quali potremmo rendere morbido anche un guscio di tartaruga…

e qui forse ero stato io a non capire…
credevo avesse chiesto tante coccole (e stavo facendo un po’ di training per farmi trovare pronto) ed invece voleva tanti Coccolino….

Sipario.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.