Io, mia moglie, e l’albero di Natale…

Io, mia moglie, e l’albero di Natale…

 7 dicembre 2016

 IO, MIA MOGLIE, E L’ALBERO DI NATALE…

 

Ieri mia moglie, un po’ in anticipo sui tempi tradizionali, ha realizzato (e non è un eufemismo) il “suo” albero di Natale.

Sarà effetto della fibriCasaBesana_alberoNatale2016llazione da referendum che rende tutti ipercinetici, ma di solito prima dell’8 dicembre non succedeva nulla…

In omaggio alla tradizione veneta della famiglia Giorato, Susanna ha applicato alla lettera il “faso tuto mi” che caratterizza la gente del NordEst…

L’albero è stato realizzato con il recupero di rami secchi trovati sulla spiaggia, messi in sequenza, dall’alto al basso, in ordine di dimensione e “tenuti insieme”, a distanze regolari, da un sottilissimo filo di spago.
Così fatto, l’albero può essere appeso, come ha fatto Susanna, ad una parete, con un effetto molto gradevole, per quanto minimalista.

Ma una vera “fasotutomi” non poteva fermarsi a questo…
Ha voluto realizzare, con le sue mani, anche le palle colorate….

Palloncini bianchi, una volta gonfiati ed immersi in colla Vinavil, sono stati avvolti da filo o di colore ecru o di colore rosso, senza però ricoprire completamente la superficie esterna.
Una volta asciugatasi la colla, il palloncino è stato bucato e sfilato, lasciando così delle singolari palle colorate vuote all’interno.CasaBesana_alberoNatale2016_palla

Bene, perché vi racconto questo?
Perché spero che questo abbia un significato…

Che Susanna, dopo oltre trent’anni, abbia deciso che le palle è meglio costruirsele da sé, anziché continuare a romperle a me…

Anzi, già che ci penso… è la volta buona che potrei rompergliele io…

Sipario.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.