Io, mia moglie, e la mia “vita da cani”…

Io, mia moglie, e la mia “vita da cani”…

18 giugno 2015

IO, MIA MOGLIE E LA MIA “VITA DA CANI”….

 

Non ho mai avuto molta dimestichezza con gli animali domestici, pur portando loro tutto il rispetto dovuto.

Negli ultimi due anni, complice anche la sponsorizzazione di Almo Nature alla nostra squadra di basket, ho avuto modo di apprendere molto su questo mondo a me sconosciuto, arrivando ad una conclusione elementare: “vita da cani” non è, in senso assoluto, sinonimo di vita difficile.

In molte famiglie l’amico a quattro zampe è accudito e coccolato come (se non più) uno dei figli: lo si porta immediatamente dal veterinario al primo apparente sintomo sospetto, lo si sottopone ad accurata toelettatura, si scelgono (e si preparano) per lui le migliori leccornie possibili, spesso lo si fa dormire nel “lettone”, lo si accarezza e lo si bacia con tutto l’amore del mondo.

Sì, una “vita da cani” è probabilmente quanto di meglio si possa augurare ad un essere umano!
Ammenocché…..ecco, ammenocché il “padrone” non sia mia moglie, Susanna…

Ecco, ora qualcuno penserà: la solita tiritera contro le mogli, il solito pretesto per parlarne male.
Niente di più sbagliato: non sto parlando delle “mogli”, sto parlando, in modo specifico, di “mia moglie”.
Un esempio? Semplice!

L’altro giorno si è verificato un problema al sistema d’allarme di casa; abbiamo chiamato il servizio di assistenza e due operai, e ieri, di buon’ora, si sono presentati per l’intervento.
A metà mattina, dovendo uscire per un impegno già programmato, ho preso le scarpe dal mobiletto in cui erano riposte e, essendo occupato “il mio spazio abituale”, stavo pensando a dove recarmi per calzarle.

Istintivamente il pensiero è andato alla “zona notte”, non occupata dagli operai, e molto probabilmente in un attimo avrei cambiato parere, orientandomi sulla cucina, più indicata per questa operazione.

Ma non ne ho avuto il tempo: non appena il mio corpo ha accennato un impercettibile movimento verso la “zona notte”, mia moglie in un nanosecondo mi ha fulminato con lo sguardo e da quell’armadio biondo di 185 cm si è alzato, minaccioso, e teso perpendicolarmente, l’intero braccio destro, che terminava con il dito indice puntato verso la cucina, accompagnato (con tono che non ammette repliche) dalla frase asciutta ma imperativa: ”in cucina!!!”
(i tre punti esclamativi non li ha pronunciati, ma c’è stata la netta sensazione che ce ne fossero almeno il doppio).CasaBesana_donna-guinzaglio

Immediatamente ho incrociato lo sguardo, un po’ divertito ed un po’ imbarazzato, dei due operai, ed istintivamente è prevalso in me un affettuoso moto di assoluzione per mia moglie.

Con tono da cazzeggio ho commentato: Fa così perché c’è gente; doveste vedere com’è affettuosa quando mi prepara le crocchette, quando mi spazzola e soprattutto quando mi mette collare e guinzaglio per uscire a passeggio…”.
Risata generale, sdrammatizzazione perfettamente riuscito, esco da casa.

Al rientro dico a Susanna, con tono da finto rimprovero:
Belin, potresti almeno trattarmi con la stessa delicatezza che usa il nostro amico con il suo labrador”.

E lei, di rimando:
Ok, il giorno in cui tornerai a ‘scodinzolare’ come il labrador ne riparliamo…

Sipario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.