Io, la “Notte grigio topo”, il MoVimento 5 Stelle…

Io, la “Notte grigio topo”, il MoVimento 5 Stelle…

31 gennaio 2017

Dalla “Notte grigio topo” ad oggi…
l’intervista di Matteo Macor mi ha fatto rivivere per qualche attimo le emozioni di una serata fantastica, quella in cui Beppe Grillo annunciò, dal palco del Pianacci, la nascita delle Liste a 5 Stelle…
c’era anche Travaglio…
poi, fradici per un violento acquazzone che fece finire anzitempo la serata, ci ritrovammo nel salone del Pianacci a mangiare un po’ di torta pasqualina e bere qualcosa in bicchieri di plastica…

io, Travaglio, Susanna, Grillo
(2008)

in quel momento non lo sapevamo, ma eravamo protagonisti e testimoni di qualcosa che avrebbe inciso, e non poco, sulla nostra storia..
nasceva l’impegno politico di un Movimento che avrebbe dettato l’agenda politica del nostro paese…
al Pianacci c’erano Beppe Grillo, il fautore di questo miracolo, e Marco Travaglio, che avrebbe (pure lui) inciso non poco sull’informazione (televisiva e non)…
e noi eravamo lì, con loro…

 

 

 

Link all’articolo

(Matteo Macor, per “Repubblica Genova”)
“UN VOTO IDEOLOGICO, CHE NON RISENTE DEI GUAI INTERNI”
“Non credo si sia perso lo spirito iniziale, ma in un sindaco bisogna potersi riconoscere. Non può farlo una persona qualunque”
Carlo Besana, anima del Cep e tra i primi sostenitori: “Ora però devono trovare candidati competenti”

FUGHE. epurazioni, figuracce internazionali, «eppure Io spirito è rimasto Io stesso degli inizi, e il consenso non cala, anzi: aspettare le prossime tornate elettorali per credere».

A scommettere ancora sul Movimento 5 Stelle, nel pieno delle polemiche di questi ultimi giorni, è più o meno a sorpresa Carlo Besana, 63 anni, il farmacista che alla guida del suo (ex) circolo Pianacci ha accompagnato negli ultimi vent’anni la rinascita di una delle periferie più complesse della città, il Cep.
Un nome noto della società civile genovese, da qualche anno molto vicino al sindaco Marco Doria ma da sempre molto geloso della sua autonomia («e ribadisco di non essere un grillino, almeno nel senso stretto del termine»), che a suo modo ha fatto la storia della creatura di Beppe Grillo.
E infatti al suo fianco, dal palco del suo circolo, che nel settembre 2008 il comico di Sant’Ilario annunciò per la prima volta la nascita delle liste a 5 Stelle.

Ed è ancora la sua voce, a nove anni da quella lontana ‘Notte grigio topo” («era stata chiamata così perché in contemporanea in centro città era in programma la ‘Notte bianca del Comune», ricorda Besana), a offrire in qualche modo una sponda alle giornate difficili del Movimento: «è una realtà che si sta formando, giovane e ancora sana, e i tanti errori sono passaggi inevitabili».

Lo spirito sarà Io stesso, ma davvero non è cambiato nulla da allora?
Dalle proposte politiche di quel palco alla confusione di questi primi anni alle istituzioni?
«lo penso di sì, io frequento con la massima libertà ambienti politici diversi, ma il lavoro dei gruppi di studio a 5 stelle, che partecipano, si informano, approfondiscono e si scambiano informazioni sui temi più svariati ce l’ha solo il Movimento».

Lei che lo conosce bene, anche Grillo è rimasto lo stesso?
«Quello che ha fatto lui penso sia il sogno di qualunque persona orgogliosa delle proprie idee. Ha trasformato spettacoli comici impegnati in proposta politica, e senza tv, né giornali e quasi tutto contro è arrivato a segnare l’agenda politica del Paese.».

I problemi però la macchina grillina ce ha tutti. In cosa si è sbagliato, passando dalla teoria alla pratica?
«Se parliamo di amministrazioni locali, penso vada dato il tempo di maturare la giusta esperienza a chi governa. Si accusa il Movimento di impreparazione, ma non dimentichiamoci che è passato dal nulla al 30 per cento in tre anni, lo spazio di un mattino. E anche a livello politico, i passaggi che possono sembrare a vuoto penso siano inevitabili».

Ad esempio?
«Le accuse di autoritarismo. Dare regole precise è l’unica via per rendere più solido un movimento nato e cresciuto liquido».

Se in una città come Genova si perdono pezzi significativi come Paolo Putti, però, insisto, qualcosa non va.
«Si, anche se dal punto di vista elettorale questa fuga penso finirà per contare pochissimo. Lo zoccolo duro di elettori rimarrà sempre, in questa era post ideologica quello per i 5 Stelle è il voto più ideologico, mi ricorda il Pci di un tempo, e i sondaggi lo confermano. Il problema, semmai, sarà il futuro meno prossimo del Movimento, e i meccanismi che Io decidono e Io decideranno».

E cioè le regole e le dinamiche interne?
«Si. A livello locale come nazionale, ad esempio, dovrebbero superare la regola insensata del limite dei due mandati, o il dogma dell’uno vale uno».

Come dire, che i 5 Stelle non sono cambiati e invece dovrebbero farlo?
«Certe cose potevano funzionare da piccoli, da grandi occorre essere in grado di presentare una classe dirigente con competenze acclarate. In un sindaco bisogna potersi riconoscere, non può farlo una persona come un’altra non dico l’uomo solo al comando, ma l’uomo giusto, competente il giusto».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.