io e il cerchio di un canestro, da Martina a Martina…

io e il cerchio di un canestro, da Martina a Martina…

“Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano”…

così cantava Antonello Venditti ma non penso che, come me, si riferisse all’amore per il basket…

un amore nato circa 50 anni fa in Brianza, cresciuto a Costamasnaga e continuato poi per molti anni, dopo il trasferimento a Genova, con la “creazione” dell’NBA-Zena

una sorta di grande cerchio che questa volta, idealmente, unisce una “Martina” ad un’altra “Martina”…

ma andiamo con ordine…

Ilaria Bestagno, 2009 (clicca per ingrandire)


Stagione 2013-2014, per l’NBA-Zena è il primo anno in Serie A2 di basket femminile.

Benché “matricole” riusciamo a costruire una squadra molto competitiva, con l’arrivo di nuove giocatrici, tra le quali la “punta di diamante” è Martina Bestagno.

All’NBA-Zena avevamo già avuto modo di apprezzare le qualità di Ilaria, (nella foto a sinistra), sua sorella maggiore, giocatrice con un bagaglio tecnico di prim’ordine e persona squisita.
Era stata la nostra capitana a cavallo tra il secondo anno ad Albissola ed il primo anno a Genova.

Con Martina arriva anche un’altra “perla cestistica” della famiglia Bestagno, la cugina Elena, più giovane di un anno e reduce da importanti esperienze nel massimo campionato a Como, Parma e Priolo. A dicembre Elena non resiste al richiamo della Serie A1, e si trasferisce a San Martino di Lupari.

Ma torniamo a Martina.

Benché ancora giovane (23 anni) Martina ha già alle spalle esperienze importanti, sia in Italia (Spezia, Bologna, Ragusa) che all’estero, dapprima in Repubblica Ceca (Karlovy Vary) poi, prima di approdare a Genova, nella squadra belga del Castors Braine.
Non è semplice convincerla, le proposte, non solo da società italiane, non le mancano, ma alla fine il nostro sogno si concretizza: tesseriamo solo giocatrici italiane, sarà lei la nostra “straniera”.

L’NBA-Zena (sponsor Almo Nature) sorprende tutti ed arriva a sfiorare, da matricola, la grande impresa, eliminata alle soglie della finale da Trieste, poi promossa in Serie A1.

Martina disputa un campionato strepitoso (20 punti media/partita) e nel corso dell’anno si merita la convocazione nella nazionale maggiore, nella quale fa il suo esordio il 17 maggio 2014, contro la Gran Bretagna.

Martina Bestagno, Serie A2 2013-2014 – foto di Giorgio Scarfì –
(clicca per ingrandire)
Martina Bestagno, Serie A2 2013-2014 – foto di Giorgio Scarfì –
(clicca per ingrandire)
Il sogno azzurro di Martina Bestagno (video intervista de “Il Secolo XIX”)
Martina Bestagno, scudetto 2020-2021
(clicca per ingrandire)

Martina merita, comprensibilmente, palcoscenici più prestigiosi, ed il suo primo anno con noi sarà anche l’unico.

Nel 2014 si trasferisce a Vigarano, poi dal 2015 al 2017 gioca con la “corazzata Schio”, con la quale vince il suo primo scudetto, due Supercoppe ed una Coppa Italia.

Nel 2017 accetta la proposta della Reyer Venezia che, pochi giorni fa, battendo in finale proprio Schio, ha conquistato lo scudetto, che a Venezia mancava da 75 anni, dal campionato 1945-1946.

Di questa squadra, espressione di una delle più storiche società di basket, Martina è capitana, e tocca a lei alzare al cielo l’agognato trofeo.

Potrei sbagliarmi, ma credo che “senta” questo scudetto molto più suo rispetto a quello di Schio: salire sulle spalle delle compagne, tagliare la retina, alzare al cielo il trofeo…

credo abbia provato sensazioni particolari, emozioni nuove anche per una giocatrice esperta come lei, che nel frattempo è diventata un punto di forza della nostra nazionale, con la quale lo scorso febbraio ha raggiunto il suo career high, 18 punti contro la Danimarca.

Ed ovviamente Martina è tra le convocate in nazionale che dal prossimo 17 giugno (esordio contro la Serbia) disputeranno, sotto la guida di coach Lino Lardo, i campionati europei.

Martina Bestagno con la maglia azzurra della Nazionale (dal sito fip.it)
Martina Bestagno, Serie A2 2013-2014 – foto di Giorgio Scarfì –
(clicca per ingrandire)

Ad ogni sua convocazione in nazionale, il mio pensiero va, inevitabilmente, a quel giorno di fine ottobre 2013…

l’inizio di campionato, sia della squadra che di Martina, era stato a dir poco spumeggiante, ma nessuno di noi, e forse nemmeno Martina, si sarebbe aspettato la sua immediata convocazione al raduno di Norcia, con la nazionale maggiore…

la sua palpabile emozione era pure la mia: una nostra giocatrice in nazionale, chi l’avrebbe mai potuto sognare anche solo un mese prima?

e, se non ricordo male, fu proprio in questa occasione che, per un problema con i voli, Martina fu costretta a raggiungere Norcia in auto, accompagnata da suo papà “convocato” pure lui in fretta e furia…

mai e poi mai, ovviamente, avrebbe rinunciato a quell’opportunità…

a distanza di anni mi piace ancora pensare che il lungo “corteggiamento” estivo a Martina, per convincerla a far parte della nostra squadra, abbia in qualche misura, ovviamente infinitesima rispetto ai suoi evidenti meriti, contribuito ad aprire la strada che lei ha saputo percorrere raccogliendo i frutti del suo continuo impegno e del suo enorme talento.

Con Martina (Bestagno) all’imminente raduno della nazionale maggiore ci sarà un’altra Martina, ed anche questa è una storia che mi trova “sentimentalmente” coinvolto…

Mariella Picco (a sinistra) e Susanna – Serie B 1991-1992

Martina Spinelli, 19 anni non ancora compiuti, ha disputato in questa stagione il suo secondo campionato di Serie A1 con il Basket Costa, società che, come ho spesso ricordato, ho fondato in Brianza alcuni decenni fa, le cui gioie (molte) e dolori (pochi, negli ultimi anni) vengono da me vissute come fossi ancora lì, con immutato trasporto.

Martina è figlia di Mariella Picco, che nel “periodo masnaghese”, prima che ci trasferissimo a Genova, fu compagna di squadra di mia moglie Susanna, sempre nel Basket Costa.

Martina, fino a 5 anni fa, giocava nel Geas di Sesto San Giovanni, accanto a diverse giocatrici a quei tempi considerate, giustamente, dei veri e propri “prospetti”, giocatrici “predestinate”.

Nel 2017, anno della sua prima convocazione nella nazionale Under 16, sente l’esigenza di uno spazio che le possa consentire di esprimersi al meglio, e si trasferisce a Costamasnaga.
Nel 2018 fa parte della nazionale Under 16 che conquista l’oro europeo, bissato l’anno successivo con la nazionale Under 18.

Nella stagione 2018-2019 la promozione in Serie A1 con il Basket Costa.

L’esultanza di Martina Spinelli: il Basket Costa è promosso in A1 – foto di Alessandro Vezzoli –
(clicca per ingrandire)
Martina Spinelli firma “curiosi” autografi – foto di Alessandro Vezzoli –
(clicca per ingrandire)

Nel suo ruolo non è facile, per una giocatrice giovane ed italiana, emergere nel massimo campionato nazionale, ma a Costamasnaga, nel rispetto dell’imprinting dato dalla società magistralmente guidata da Bicio Ranieri, le viene data parecchia fiducia e le consente di crescere ulteriormente, misurandosi con il meglio del panorama nazionale e con molte avversarie straniere.

In questa stagione, coronata dal raggiungimento dei playoff nonostante la bassissima età media delle giocatrici, Martina gioca tutte le partite, circa 23 minuti/partita con una media di 7.8 punti, 5.3 rimbalzi, 1.1 assist, una vera protagonista…

in questi giorni il coronamento di un sogno: il suo nome figura tra le 16 giocatrici convocate al raduno della nazionale maggiore che affronterà, fra un mese, il campionato europeo, unica millennials, scavalcando d’emblée quelle che precedentemente erano considerate “le predestinate”…

E proprio ieri un’altra novità: Martina giocherà il prossimo campionato nella Passalacqua Ragusa, società ambiziosa, da 8 anni consecutivi in Serie A1, con quattro finali playoff e due Coppa Italia.

Un’opportunità che le ha fatto accantonare, per ora, il progetto di un’esperienza negli USA.

Certo, al Basket Costa  si staranno vivendo sensazioni contrapposte.

Da un lato la soddisfazione di vedere una propria giocatrice con la maglia della nazionale maggiore, e so per esperienza personale quale emozione si possa provare…
dall’altro la preoccupazione in vista di un campionato, il terzo consecutivo in Serie A1, senza una delle giocatrici non solo più importanti ma, per giunta, “cresciute in casa”, quelle che nell’equilibrio economico, spesso precario, delle società più piccole, rappresentano tanto ossigeno…

e quando una giocatrice chiede di poter “prendere il volo” verso obiettivi così ambiziosi, è sempre difficile, se non impossibile, essere competitivi e ci si deve rassegnare ad un duplice problema: trovare un’altra giocatrice con lo stesso rendimento (e con la stessa capacità di “stare nel gruppo”) sapendo che i parametri (cioè il beneficio economico) saranno ben poca cosa rispetto a quanto necessario quando “si va sul mercato”…

Un intervento difensivo di Martina Spinelli – foto di Alessandro Vezzoli –
(clicca per ingrandire)

Credo che, alla fine, il Basket Costa farà nuovamente conto sulle “risorse” del suo prestigioso settore giovanile, con l’auspicio di poter ripetere i “miracoli” di questi anni…

e se questo non dovesse produrre vantaggi economici, quanto meno produrrà, ne sono certo, tanta gratitudine, negli anni venire, da parte di chi, come Martina, ha trovato a Costamasnaga l’ambiente giusto e le competenze necessarie per poter spiccare il volo verso il coronamento di un sogno che, per diversi “prospetti” di qualche anno fa, continua per ora ad essere tale…

Martina Spinelli e Martina Bestagno – foto di Alessandro Vezzoli e Giorgio Scarfì –
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.