quella volta che, ad un concorso fotografico nazionale, vinsi un premio ma…

quella volta che, ad un concorso fotografico nazionale, vinsi un premio ma…

 

 

“quella foto” aveva vinto il premio come “miglior ritratto”un entusiasmo irrefrenabile, che però si spense quasi subito…

 

agosto 1984, io e Susanna siamo in vacanza sull’isola di Favignana.
E’ la nostra prima vacanza, a poco meno di un anno dall’inizio della nostra storia…

Con me ho ovviamente la mia fedelissima Canon Ftb, stock di obiettivi ed una ricca dotazione di pellicole a colori…

Porto con me anche un filtro “multiple image”, una sorta di caleidoscopio che può replicare per sei volte il soggetto inquadrato, tenendone uno più grande al centro e gli altri riprodotti intorno con un minimo di sovrapposizione
(vedi esempio nella foto).

Filtro “multiple image”
(clicca per ingrandire)
Effetto del filtro
(clicca per ingrandire)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mi incuriosivano le possibilità di effetti particolari, e feci alcune prove su un primo piano di Susanna.
L’effetto non mi convinceva, mi sembrava un po’ “pacchiano”, forse più adatto ad una ripresa video, con la possibilità di far ruotare durante la ripresa i volti attorno a quello centrale, che sarebbe rimasto fermo.

Un giorno però mi venne l’idea di provare a montare il filtro sullo zoom, da tirare fino al limite dei 300mm…
il volto al centro risultava completamente sovrapposto all’incrocio dei vari volti intorno, pure sotto l’effetto della zoomata…

La prova, con la folta, bionda capigliatura di Susanna era particolarmente intrigante: i capelli del volto di destra andavano ad “invadere” il volto centrale, così come quelli degli altri volti…
e si creava anche un pizzico di effetto di diffrazione della luce, che arricchiva ulteriormente l’immagine, anche se non sapevo quanto potesse poi tradursi su stampa…

Il “progetto di foto” era pronto, avevo anche già pensato a come evitare la presenza di ombre sul viso, che fatalmente si sarebbero riprodotte fastidiosamente in più punti: avrei dovuto scattare la foto con il sole molto basso, e quindi luce calda, ad un’altezza in linea con il volto di Susanna.

Per farlo sarebbe stato necessario portarci, in bicicletta, all’altra parte dell’isola…

il nostro diario fotografico di viaggio, perfettamente conservato, ricorda con precisione la data: il 29 agosto, nel tardo pomeriggio,  dopo aver superato l’impegnativa salita del Monte di Santa Caterina, che divide in due l’isola, raggiungemmo il punto che ci sembrava più favorevole, a picco sul mare ed in perfetta linea con il sole che aveva già iniziato il suo lento, caldo percorso verso la linea dell’orizzonte…

in attesa del momento in cui il sole si sarebbe allineato perfettamente con il volto di Susanna, trovammo il tempo per fare alcune prove, col senno di poi assolutamente determinanti…

Susanna infatti aveva indossato un bikini a strisce bianche e nere, e le strisce corrispondenti al reggiseno, tirando lo zoom con il filtro, andavano a sovrapporsi in modo fastidioso, inaccettabile, proprio sulla fronte, poco sopra la frangia

sarebbe stato così con qualunque altro costume, ammenocché non fosse stato disponibile un costume con la stessa tonalità della pelle di Susanna…una chimera…

il sole stava ora scendendo con maggiore velocità, occorreva trovare presto una soluzione…
mi guardai intorno, oltre a noi due non c’era altra presenza umana che potesse vederci…

se Susanna si fosse tolta la parte alta del costume non ci sarebbe stata alcuna “interferenza” di colore…

il colore della sua pelle, benché non appartenente al volto, sopra la frangia e “soffuso”, non avrebbe causato interferenze e sarebbe stato facilmente “confuso” con il resto del volto…

non c’era tempo da perdere, e Susanna acconsentì…

dopo qualche secondo la linea della luce del sole era perfetta ed azionai l’otturatore della mia fotocamera…
in quel preciso momento, proprio mentre stavo scattando la foto, un refolo di vento spostò una piccola ciocca di capelli, portandola all’altezza degli occhi di Susanna…
provai un brivido nella schiena, quello che si può tradurre in “se è vero quello che ho visto, se la ciocca di capelli non ha coperto gli occhi, sta foto è una figata…”

la ciocca di capelli sugli occhi

ma non potevo saperlo, a quei tempi non esisteva ancora la fotografia digitale, non c’era un display sul quale poter fare un controllo…

Susanna si rivestì rapidamente, dovevamo affrontare di nuovo la salita, in senso inverso, e con il sole ormai tramontato faceva pure un po’ freschino…

fortunatamente di lì a pochi giorni, il 1 settembre, saremmo tornati a casa, e il dilemma su “quella foto” si sarebbe sciolto…

se avessi potuto, avrei portato i negativi all’agenzia fotografica Fossati di Como direttamente da Linate…

l’agenzia era chiusa il lunedì, per la consegna delle pellicole dovetti attendere fino a martedì 4 settembre, ma fortunatamente da Fossati sviluppo e stampa richiedevano solo due ore di attesa…
ritirate le foto, cercai subito “quella fotografia”…
e provai di nuovo “quel brivido” lungo la schiena…
non mi ero sbagliato…

la ciocca di capelli non solo non aveva coperto gli occhi, ma era stato anche un casuale, prezioso valore aggiunto alla foto che avevo accuratamente studiato…

 

“quella foto”…
(clicca per ingrandire)

 

ingranditore Kaiser60
(clicca per ingrandire)

fino a quell’anno avevo preso parte unicamente alle sezioni “bianco e nero” di alcuni concorsi fotografici nazionali, con foto stampate nella mia “camera oscura”, che in realtà era l’unico servizio igienico di casa mia…
alle 21 chiedevo a mio papà e mia mamma di provvedere ai loro bisogni fisiologici, dopo di che mi chiudevo in quel locale pieno di insidie da oscurare

i riflessi della bianca lavatrice
, quelli delle lucide piastrelle…

dovevo coprire accuratamente il tutto, oscurare la porta che aveva pure vetri zigrinati che un po’ di luce la facevano passare, mettere sulla vasca da bagno alcune assi di legno sulle quali posizionare le bacinelle del liquido di sviluppo, quello di arresto e quello di fissaggio…
posizionare ed accendere la lampade, rossa o gialla in funzione delle situazioni

infine occorreva bloccare sul piano della lavatrice l’ingranditore Kaiser60, selezionare le pellicole e così, dalle 22/22.15 in poi potevo cominciare a stampare foto, o sviluppare pellicole o entrambe le cose…
con i vapori di acido acetico che invadevano il locale, nonostante di tanto in tanto aprissi un lembo della finestra…
e la mattina, verso le 6/6.15 quando si alzava mio papà, non mancavano le sue lamentele per quel picciolo bagno, ancora impregnato dai vapori di acido acetico e con lo stendibiancheria pieno zeppo di foto su carta politenata lasciate tutta notte ad asciugare, dopo un rapido lavaggio con acqua ed un pizzico di detergente neutro…  

stavolta però avevo tra le mani una bella stampa a colori…

e “quella foto”, una volta fatta stampare in formato 30x40cm, mi convinceva sempre di più…

ero proprio tentato…
fare il “grande salto”: partecipare ad un concorso fotografico nazionale nella sezione “foto a colori”…

era vicina la scadenza del Concorso Fotografico Nazionale “Città di Cusano Milanino”, al quale avevo già partecipato in precedenza nella sezione stampe in bianco e nero, giunto alla sua X Edizione…

mi feci coraggio, ed inviai “quella foto”…

qualche tempo più avanti ricevetti una comunicazione inattesa…
avevo vinto il premio come “miglior ritratto” e, se non ricordo male, mi ero classificato al 5^ posto assoluto…

della premiazione non ricordo nulla, non ricordo nemmeno se riuscii ad andarci oppure no…
in quel periodo nel weekend si incrociavano spesso gli impegni sia di lavoro (lavoravo in farmacia a San Fermo della Battaglia e seguivo il basket femminile a Costamasnaga) e spesso non c’era proprio spazio per altro…
può anche darsi che sia invece riuscito ad andarci ma, francamente, proprio non lo ricordo…

ricordo però nel verbale era preannunciato che l’anno successivo sarebbe stata allestita la mostra del decennale, con tutte le foto premiate nel corso delle prime dieci edizioni…

e ci sarebbe stata anche “quella foto”, quella della mia prima partecipazione con una stampa a colori…

un entusiasmo, giustificato, che però andò a scontrarsi con gli scherzi del destino…

la mostra venne allestita nel periodo in cui si tenevano le elezioni amministrative del 1985…

l’invito alla mostra mi fu inviato con un’affrancatura postale “stampe”, lo stesso tipo di affrancatura con la quale venivano inviate le vagonate di depliants e “santini” elettorali…

insomma, l’invito si perse per un po’ tra i meandri dei sacchi postali, e mi fu recapitato qualche giorno dopo la chiusura della mostra…

quindi non ho mai avuto il piacere di vedere esposta “quella foto”, in mezzo alle foto di altri più prestigiosi fotoamatori…

da allora, a mo’ di parziale consolazione, “quella foto” è sempre stata esposta, in bella mostra, in casa nostra, ingrandita e ben incorniciata… 

in questi giorni, sull’onda di questo ricordo, ho messo a soqquadro gli scatoloni in cui conservo le vecchie fotografie “cartacee”…
ne ho trovate un’infinità che non ricordavo, ma non ho trovato traccia dello scatolone in cui per molti anni ho conservato targhe e medaglie dei vari concorsi fotografici, in cui avevo riposto, con un pizzico di orgoglio e tanto magone, anche quella comunicazione ricevuta in ritardo…

cercherò ancora, da qualche parte ci dev’essere…
oggi ho scritto anche agli organizzatori (il concorso è arrivato alla 44^ edizione…), sono convinto che in archivio qualcosa possano trovare…
mi hanno risposto quasi in tempo reale…

non appena sarà possibile accedere ai locali, al termine di questa lunga quarantena causata dal Covid19, faranno una ricerca, sono certi di avere tutto in archivio e mi invieranno il verbale di quell’edizione…

ed è iniziata una nuova fibrillazione…

quando mi verrà recapitato (via mail, così evitiamo smarrimenti postali…), leggerò quel verbale con la liturgica lentezza ed alta tensione del giocatore di poker quando apre le carte e c’è in gioco un piatto ricco…

chissà…forse scoprirò che mi ricordo male, che in realtà non è vero nulla…
magari non ho mai vinto alcun premio per foto a colori e non c’è mai stata una mia foto esposta ad una mostra…

magari mi sono sognato tutto, ed il racconto di quel sogno, ripetuto più volte, sì è così radicato nella mia mente da infilarsi, ben mascherato, tra i meandri dei ricordi…

beh, se anche fosse così…

è stato bello sognare, vero?   

 

 

p.s.: 31 maggio 2020- oggi, dopo un’accurata ricerca, ho finalmente trovato “lo scatolone” con cataloghi, verbali dei concorsi, medaglie...
manco a farlo apposta, proprio in fondo allo scatolone, c’era anche il verbale del concorso (VerbaleConcorsoCusano_1984_r) cui partecipai con “quella foto”…

ed ho trovato, con un pizzico di comprensione emozione, la conferma ai miei confusi ricordi…

5^ premio assoluto…
miglior ritratto a colori (con medaglia e libro fotografico in premio)
e, tra le righe, l’annuncio sull’allestimento della mostra del decennale…

non ho trovato quel “maledetto” invito giunto in ritardo…
credo abbia fatto, 35 anni fa, la fine che meritava…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.