Il lavoro (un’interessante riflessione di Enrico Testino)

Il lavoro (un’interessante riflessione di Enrico Testino)

“Fondata sui Diritti”. Avrebbe, probabilmente, lo stesso effetto pratico di “Fondata sul Lavoro” ma darebbe una direzione centrata sul benessere e non sul bisogno.

Ieri, in occasione del 1 maggio, l’amico Enrico Testino ha postato su Fb un’interessante e profonda riflessione sul tema del lavoro e dei diritti, che merita di essere letta…
non saranno tre minuti sprecati…

Da moltissimo penso che, sul tema del Lavoro, sarebbe centrale cambiare quel caspolo di Articolo 1 della Costituzione.
Quel “fondata sul Lavoro”.

Finché il reddito, e il cibo, il caldo, la casa, la sopravvivenza, la dignità rimarranno, di fatto, connessi all’avere un lavoro sarà difficile fare dei grandiosi e evolutivi passi avanti.

Finché il lavoro è lo strumento per sopravvivere, anche per i più deboli, il lavoro ha le caratteristiche del ricatto.

Oggi anche un contratto base e “dignitoso” di 1.200 euro al mese, in una azienda non permette di far vivere bene 2-3 persone, una famiglia.
E in quel contratto, anche regolare, le regole sono stringenti, irrispettose.

Bisogna stare attenti a non avere intemperanze, a non parlare male della tua azienda, a non sindacalizzarsi troppo, talvolta, se no perdi, non il reddito, ma la vita.

L’estetica del lavorare duro è, spesso, l’estetica del disperato.

Solo la libertà, anzi, una minima libertà, può permetterti di lavorare duro per un obiettivo, o la dignità, o migliorare la propria vita e il mondo.
O di lavorare meno sintonizzando la tua vita alle tue scelte, o fortune.

“Fondata sui Diritti”. Quella dovrebbe essere la frase.

Ed è ovvio l’architettura di valori che “Fondata sul Lavoro” voleva rappresentare.
E faceva parte di un passaggio importante.

Nel nostro paese ancora oggi se non hai un lavoro rischi tutto.

Ho visto persone povere e con pochissimi strumenti per gestirsi la burosfera e la propria vita essere cacciati fuori da case popolari perché morosi.
No! Il cibo, la casa, il caldo, la dignità si dà a tutti.
Piuttosto in un carcere ma a tutti.

Almeno, a questo punto del cammino dell’umanità, la tendenza ideale dovrebbe essere questa. Disconnettere il lavoro dalla sopravvivenza e dignità e legarlo al dovere sociale, personale, al miglioramento.

In tal senso il Reddito di Cittadinanza è stata una misura “copernicana” nei suoi cambiamenti culturali.

“Fondata sui Diritti”.
Avrebbe, probabilmente, lo stesso effetto pratico di “Fondata sul Lavoro” ma darebbe una direzione centrata sul benessere e non sul bisogno.


E comprenderebbe anche il fatto che il Lavoro deve essere pieno di Diritti nel suo svolgersi.

Avere un lavoro, per una buona parte del mondo, è accettare condizioni offensive, insalubri, abbruttenti per poter vivere, e sopravvivere.

Come umanità, almeno per una buona sua parte, ci meritiamo di meglio, come orizzonti.


(il disegno di copertina è di Vincent)

Enrico Testino
Enrico Testino
disegno di Vincent
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.