Genova: partecipazione o spaccio istituzionale di false virtù…???…

Genova: partecipazione o spaccio istituzionale di false virtù…???…
 
 
10 gennaio 2012
 
 
Hercule Poirot sotto la Lanterna...
Hercule Poirot sotto la Lanterna…

Spesso si sente proclamare, da parte di importanti esponenti della Civica Amministrazione della nostra città, che “ l’Amministrazione di questa città utilizza la partecipazione come strumento di decisione condivisa”…

come dice spesso la pubblicità “diffidate dalle imitazioni”… e, soprattutto, se è giusto combattere lo spaccio di sostanze stupefacenti è altrettanto giusto combattere lo spaccio istituzionale di false virtù…

Qualche esempio ?

1) Gronda: si è tanto sbandierato il “debat publique”; nella sostanza, come si può evincere dai tanti video presenti su youtube, il percorso è stato contrassegnato da una netta opposizione al progetto da parte dei cittadini, però l’Amministrazione della Città ha proseguito imperterrita, sbandierando il tutto come un grande esempio di percorso condiviso.

2) progetto “area ex-Verrina” a Prà-Voltri: l’Amministrazione decide di “riqualificare l’area” concedendo la costruzione di un mega palazzo (di cui nessuno avvertiva la necessità) e vuole “vestire di consenso popolare” la sua decisione, già presa. Si propone alla cittadinanza un questionario, molto singolare: il palazzone lo vuoi in verticale o in orizzontale? (non è una boutade, è proprio così…). Rispondono poco più di 100 cittadini (sui 40.000 residenti tra Prà e Voltri), e solo dopo l’attivazione in extremis delle “truppe cammellate”… il progetto viene presentato in pompa magna al Teatro del Ponente come esempio di scelta condivisa…

3) oggi, sul Secolo XIX, l’accusa, precisa, di Omar Taiebi, responsabile del Centro Culturale Islamico Genova Cep: la scelta inerente la moschea è stata presentata come un esempio, “unico in Europa” (così dissero i “vertici” della città), di percorso condiviso con le diverse associazioni islamiche presenti in città. Peccato che, come sostiene Omar, alle prime avvisaglie di criticità all’interno del mondo islamico in città (che avrebbe richiesto, questo sì, un percorso vero di confronto, e sarebbe stato indiscutibilmente un vero percorso di partecipazione a 360°), l’amministrazione (evidentemente stimolata dalla fretta di chiudere la partita in tempi favorevoli ai fini elettorali) ha di fatto scelto un unico interlocutore (Salah Husein, impropriamente definito l’imam di Genova), che di fatto rappresenta solo una minima parte (e quella più avvezza alle frequentazioni istituzionali) del variegato mondo islamico in città. E, come ribadisce Omar, Sindaco ed Assessore alla Cultura erano pienamente al corrente del dissenso della quasi totalità delle realtà islamiche genovesi. Nessuna riserva sulla serietà di Salah Husein, persona seria ed equilibrata, ma anche in questo caso l’Amministrazione ha “spacciato” come altamente condiviso un percorso che non lo è per niente…

Come diceva Hercule Poirot , una coincidenza è una coincidenza, due coincidenze sono un indizio,  tre coincidenze somigliano a una prova…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.