Firenze 2020 – Galleria degli Uffizi

Firenze 2020 – Galleria degli Uffizi

 

 

La Galleria degli Uffizi (Firenze)
galleria fotografica della pagina web
“Dove? a sud di Aosta ed a nord di Ancona…”
dalla quale è tratto il commento che le precede

 

la mattina del 1 marzo ci accoglie con una fredda pioggerellina, che non guasterà più di tanto la nostra giornata.
E’ infatti in programma la visita guidata alla Galleria degli Uffizi, che occuperà tutto il pomeriggio.

Alle 15, puntualissima, ci accoglie la nostra guida, Fiammetta Michelacci.

Il suo compito è quello di guidarci nel viaggio più completo possibile alla scoperta (per noi) del grande patrimonio artistico che colloca la Galleria degli Uffizi ai vertici delle realtà museali più importanti al mondo (nel 2018 oltre due milioni di visitatori!!!)

Giotto, Tiziano, Botticelli, Raffaello, Michelangelo, Caravaggio e potrei continuare ancora, come testimonia la galleria fotografica, comprensibilmente, sia pure cospicua, un semplice “assaggio” delle meraviglie che si possono ammirare…

La nostra guida sa che non abbiamo competenze in materia, non può ovviamente esimersi dai dettagli delle diverse scuole pittoriche, ma, proprio come avremmo voluto, arricchisce il nostro viaggio con un’infinità di aneddoti e curiosità, che rendono ancor più piacevole la visita…

la scarsa affluenza (rispetto allo standard) ci consente di poter ammirare, in tutta tranquillità, opere davanti alle quali di norma “si fa a cazzotti” per riuscire a soffermarsi qualche secondo…

come ci è capitato con la “Annunciazione” di Leonardo o la “Primavera” e la “Nascita di Venere” del Botticelli…

la nostra guida ci fa “gustare” a lungo queste opere, con la dovizia di notizie e “chiavi di lettura” che aumentano l’interesse e lo stupore di chi, come noi, le vive come primo approccio…

così come la forza dei dipinti del Caravaggio, con l’inquietante “Scudo con testa di Medusa”

o di Artemisia Gentileschi, icona del femminismo, donna che si ribellò allo stupro subito (all’età di 18 anni) portando il proprio carnefice in tribunale; un processo che segnò la vita di Artemisia, subì torture e, nonostante fosse una vittima, venne additata come poco di buono.
Trasferitasi a Firenze, fu la prima donna ad essere ammessa all’Accademia delle Arti e del Disegno.

…un’opera di grande violenza, “Giuditta che decapita Oloferne”, da molti interpretato come il desiderio di vendetta della donna contro il suo stupratore.

Al momento della prenotazione era stata concordata una visita guidata da 90 minuti, poi avremmo potuto continuare per conto nostro…
la nostra guida, fantastica, è stata invece al nostro fianco per un’ora in più, arricchendo ulteriormente una visita che avremmo voluto non finisse mai…

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.