Gabrio, il Bounty, ed il primo compleanno nel nuovo giardino…

Gabrio, il Bounty, ed il primo compleanno nel nuovo giardino…

poi, come vedi, qui ci sono un’infinità di alberi, e per il ‘nostro Bounty’ potrai scegliere tutti i tipi di legno che vuoi…tutti tranne quello dell’albero del melo…

Oggi l’amico Gabrio Faralli avrebbe compiuto 71 anni, e di certo avrebbe preferito festeggiarlo con sua moglie Grazia, con le figlie Francesca ed Alessandra e con i suoi più cari amici…
il destino però ha voluto che ci lasciasse qualche settimana fa, ed è così che quest’oggi ha potuto festeggiare il suo primo compleanno in un posto speciale e, ne sono certo, in un modo speciale…

come vedremo più avanti, il mio ricordo di Gabrio è legato indissolubilmente ad una splendida barca a vela, al “Sunshine”, sulla quale, grazie a lui, io e Susanna abbiamo trascorso due vacanze indimenticabili nel 1993 e nel 1995…

1995, il Sunshine (clicca per ingrandire)

negli ultimi anni Gabrio si è però dedicato ad un’altra imbarcazione, il mitico Bounty, il vascello mercantile salito agli onori della ribalta nella seconda metà del ‘700.

Gabrio aveva iniziato, con molta pazienza, a costruirne un modellino (termine riduttivo viste le dimensioni, oltre 80 cm di lunghezza…), arricchendo questo suo impegno con la meticolosa ricerca di materiali particolari, soprattutto diversi tipi di legno pregiato, da ritagliare ed assemblare con cura (le foto ne danno un’ampia testimonianza).

Per completare il lavoro gli mancava ancora poco, in buona sostanza il completamento degli alberi e poco più, ma non ne ha avuto il tempo, nonostante il commovente aiuto, nelle ultime settimane, di sua figlia Francesca…

ed a lei, Alessandra e Grazia è rimasto il rammarico…
Gabrio non ha avuto la soddisfazione di vedere completato il suo paziente lavoro…

però non sanno che…

beh…come si sa, il Padreterno, da lassù, vede tutto, e non gli sono sfuggiti la qualità assoluta, l’accurato ed appassionato lavoro di Gabrio…
qualcosa che manco lassù si è mai vista…

e così stamane, durante la colazione, ad un incredulo Gabrio si è presentato proprio “lui”…
“Non ci siamo ancora presentati, ma tu sai sicuramente chi sono io…e sai anche che io da qui vedo tutto, vi seguo ogni giorno…
e devo farti i complimenti, un modellino così accurato come il tuo Bounty non si è mai visto manco qui…pensavo lo portassi con te…”

Gabrio, sempre più incredulo, cerca di giustificarsi: ”Sa com’è, sono venuto così di fretta, non c’è stato proprio il tempo…poi non credevo di poterlo portare con me, non era manco finito…e a dire il vero credo proprio che Francesca non me l’avrebbe nemmeno consentito, vuole portarlo a termine lei…”

“Lo so, lo so che non era ancora finito – lo tranquillizza il buon Dio – non devi giustificarti, figurati…oggi poi è il tuo primo compleanno qui da noi, e voglio farti un regalo…ti ho fatto preparare un angolo in questo immenso giardino, lì puoi costruire nuovamente, ancora più grande, il tuo meraviglioso Bounty…anzi, il “nostro divino Bounty”…
puoi prenderti tutto il tempo che vuoi, sai che qui non è questo il problema…
avrai tutti gli attrezzi necessari…
poi, come vedi, qui ci sono un’infinità di alberi, e potrai scegliere tutti i tipi di legno che vuoi…tutti tranne quello dell’albero del melo…”

poi, dopo un attimo di riflessione, l’espressione del suo volto si fa più corrucciata, e si corregge: “Anzi no, usa pure anche il legno di quell’albero…l’ultima volta che ho proibito l’uso del melo non è andata molto bene…ci sono state delle espulsioni dolorose…non vorrei che ricapitasse, poi chi me lo completa il “nostro Bounty”?…buon compleanno Gabrio”…

ed allontanandosi, aggiunge, quasi con un ghigno “alla Galliani”: ”E buon lavoro!”…

Gabrio, esterrefatto, non crede ai suoi occhi ed alle sue orecchie…
il tempo di riprendersi, e si rende conto di non aver immortalato quel momento incredibile…
si gira, sussurrando: ”Scusi, non abbiamo fatto manco un selfie…”

ma “lui” non c’è già più…
sarà per il prossimo compleanno…o per l’inaugurazione del “Bounty” divino…
e si mette il cuore in pace…
magari, in foto, “lui” non lo si vede nemmeno…

Il primo incontro nel 1992,
ad Oria Valsolda

Come ho detto, per me il ricordo di Gabrio è indissolubilmente legato all’immagine di una barca a vela…
sul “Sunshine”, con lui, abbiamo trascorso due vacanze meravigliose in tempi lontani, nel 1993 e nel 1995…
poi ci siamo visti un sacco di altre volte, nell’affollatissima casa Faralli abbiamo trascorso negli ultimi anni molte, divertentissime, “cene di Natale”, con parenti di Gabrio e Grazia, le figlie Francesca ed Alessandra, i simpaticissimi vicini di casa…

ma il ricordo di quelle vacanze prevale su tutto…

avevamo conosciuto Grazia e Gabrio nell’estate 1992, ad Oria Valsolda (sul lago di Lugano), a casa di Roberto e Graziella Consonni.

Graziella era presidentessa del Basket Costa, società sportiva che avevo fondato anni prima e che aveva trovato in Roberto una sponsorizzazione fondamentale per la sua crescita.

Roberto e Graziella Consonni, Oria Valsolda, 1992 (clicca per ingrandire)

Io e Susanna eravamo in procinto di lasciare la Brianza, di lì a pochi mesi ci saremmo trasferiti a Genova; Roberto e Graziella avevano da tempo stretto amicizia con Grazia e Gabrio, coppia genovese conosciuta in vacanza.
Noi a Genova non conoscevamo nessuno, e così pensarono così di invitarci ed invitarli ad Oria, con le loro due bimbe, Francesca ed Alessandra, in modo che potessimo fare conoscenza.

Grazia (prima in piedi da sin.) e Gabrio (quarto in piede da sin), foto gruppo Oria Valsolda, 1992 (clicca per ingrandire)

Gabrio gestiva, con un gruppo di amici/soci, una stupenda barca a vela, il Sunshine, che da esperto skipper sapeva governare con grande maestria.
Una maestria che mise in mostra già quel giorno ad Oria, con un’imbarcazione minuscola, rispetto al Sunshine, con una “mini lezione” a Susanna all’interno di una giornata interamente vissuta sul lago…

La “lezione di vela” di Gabrio a Susanna – Oria Valsolda, 1922 (clicca per ingrandire)
Francesca Faralli, Oria Valsolda, 1992 (clicca per ingrandire)
Gabrio, Francesca ed Alessandra – Oria Valsolda, 1992 (clicca per ingrandire)
Gabrio e Francesca – Oria Valsolda, 1992 (clicca per ingrandire)
Gabrio e Francesca – Oria Valsolda, 1992 (clicca per ingrandire)
Graziella Consonni con Alessandra – Oria Valsolda, 1992 – (clicca per ingrandire)

Nell’estate 1993, pochi mesi dopo il nostro arrivo a Genova, ci propose di trascorrere una vacanza in barca con lui, il suo amico (e bravo skipper) Lorenzo e Stefano, il giovane figlio di quest’ultimo.

La barca era ormeggiata in Sardegna, un volo per raggiungere l’isola e 15 giorni per veleggiare tra Sardegna e Corsica e riportare la barca a Genova…

insomma, un’occasione fantastica…
e fantastica, senza dubbio, fu la vacanza…

Lorenzo e Gabrio – Sunshine 1993 (clicca per ingrandire)

Le indimenticabili vacanze sul “Sunshine”

La vacanza 1993

Sunshine 1993, la “squadra” (clicca per ingrandire)
Sunshine 1993, la “squadra” (clicca per ingrandire)

in 5 su una barca da 12 posti…
io e Susanna avevamo la nostra camera matrimoniale a prua, con servizi indipendenti…

giornata dedicata alla navigazione, pranzo preparato da Susanna, ormeggio serale nel porticciolo più vicino e cena rigorosamente al ristorante…
tranne qualche rara occasione di notte trascorsa in rada…

come quella volta all’arcipelago della Maddalena…

alle 7 già sveglio, salgo sul ponte e mi accoglie uno spettacolo pazzesco…
un mare cristallino, piatto, invitante…
non resisto, tuffo immediato in acqua…
non ho fatto i conti con la temperatura, molto bassa, dell’acqua a quell’ora…
mi ritrovo con il respiro mozzato, e fortunatamente riesco ad aggrapparmi alla scaletta del “Sunshine”…sennò non sarei qui a raccontare questi ricordi…

e come dimenticare la “festa” di un branco di delfini, impegnati a volteggiare incrociandosi sotto e di fianco al Sunshine…

Delfini “giocano” con il Sunshine -1993 – (clicca per ingrandire)

ed il passaggio davanti a Bonifacio, con vento parecchio sopra i 30 nodi, la barca così piegata da sfiorare l’acqua con lo scafo dove eravamo stati fortunatamente “legati” in sicurezza…

le manovre di grande destrezza di Gabrio, in grado di ormeggiare il Sunshine in un ristrettissimo spazio di alcuni porticcioli, manco fosse un’utilitaria da sistemare nell’ampio parcheggio di un supermercato…

e l’ultima serata, quella della traversata notturna da Capraia a Genova, con la spaghettata sulla barca, avvolti dalla luce del tramonto…

La “spaghettata” sul Sunshine – 10 agosto 1993 – (clicca per ingrandire)





quella notte…faccio due turni “di guardia” accanto a Gabrio e Lorenzo, che si alternano alla guida della barca…


è la notte di San Lorenzo, e l’attesa non viene delusa…
in mezzo al mare, nel buio assoluto della notte, un’infinità di stelle cadenti ogni volta salutate da un “ooohhhh” di ammirazione…

La “tecnica del gatto”…
ed un riuscitissimo scherzo…

nel corso della vacanza, vissuta costantemente gomito a gomito in uno spazio comunque ristretto, nasce inevitabilmente un sano cameratismo, e nelle conversazioni fioccano, altrettanto inevitabilmente, anche ricordi molto personali…

ed è così che Lorenzo ci racconta quale singolare “strategia di avvicinamento” (che lui aveva battezzato “la tecnica del gatto”) avesse messo in atto, anni prima, su una spiaggia, per catturare l’attenzione di quella che sarebbe poi diventata sua moglie…
in quel momento non lo sapeva, ma stava prendendo corpo un incredibile scherzo, a mia memoria quello meglio riuscito in questi miei primi 67 anni…
e ad esserne vittima fu proprio sua moglie…

sulla via del ritorno, Gabrio e Lorenzo decidono di oltrepassare Genova e raggiungere Arenzano.
Al ristorante ci saremmo visti, per la cena di fine vacanza, con le mogli di Gabrio e Lorenzo e con altre persone.

Nel corso della cena, nel solco della mia propensione al cazzeggio, improvviso, inventandola di sana pianta, un improbabile avventura estiva…

su una spiaggia semideserta avevamo adocchiato un paio di giovani, stupende turiste straniere.
Lorenzo aveva scommesso con noi che sarebbe riuscito ad “agganciarle”, adottando una tecnica a noi sconosciuta ma che Lorenzo assicurava particolarmente efficace, la “tecnica del gatto”, che lui in passato aveva usato molte volte per “cuccare”
…ed aveva ragione…
le due ragazze, divertite ed ammirate, erano state al gioco…

stanno al gioco, a tavola, anche Gabrio e Lorenzo, con un’improvvisazione, ricca di particolari assolutamente inventati, degna dei migliori episodi di “Amici miei”…
il racconto continua inventando una serata trascorsa in compagnia delle due ragazze, di passaggio in Sardegna per raggiungere poi Saint Tropez, dove le avremmo raggiunte, in barca, proprio al termine della cena…

e per dare più credibilità al racconto, chiesto il conto raggiungiamo la barca, alla quale viene tolta l’ancora.

“Vengo anch’io!!!” esclama divertita la cognata di Lorenzo, saltando letteralmente nella barca nella quale aveva lanciato le sue scarpe.
Salvo poi rimanere delusa quando le riveliamo che è uno scherzo…

non la prende bene invece la moglie di Lorenzo che, preda di una crisi di gelosia, si era letteralmente “bevuta” tutto l’improbabile racconto (fuorviata sicuramente dalla “strategia del gatto” che non potevo conoscere se non l’avessi vista in azione…) ed imbufalita era già salita in macchina per tornare a casa.

In questi anni con Gabrio abbiamo spesso ricordato quell’episodio, e mi ha sempre assicurato, e mi sembrava quasi impossibile, che per almeno una settimana fu “crisi” tra Lorenzo e sua moglie…
pure a mente fredda non si era convinta che fosse un racconto di pura fantasia…

abbiamo rivisto Lorenzo e sua moglie al funerale di Gabrio…
in questi 29 anni non c’era stata occasione di rivederci e non ho resistito alla tentazione…
ho sollecitato il ricordo di quello scherzo ed ancora oggi, a 28 anni di distanza, Lorenzo, facendo cenno a quella difficile settimana, ne ha parlato quasi “con terrore”…

senza però dimenticare il giusto omaggio a quella divertentissima performance.
”Siamo stati grandi, vero? Una cosa nata così, improvvisando tutto…irripetibile”…

ed in quel momento, con la coda dell’occhio, ho avuto la netta impressione che Gabrio si fosse materializzato tra noi, con il suo ghigno sotto i baffi…

La vacanza 1995

Sunshine. luglio 1995 (clicca per ingrandire)

Io e Susanna siamo nel nostro periodo più difficile, i mesi tra la chiusura della nostra esperienza nella prima farmacia (marzo 1995) ed ancora “a spasso”, in attesa di un’opportunità, la farmacia al Cep, che si sarebbe materializzata alcuni mesi più tardi.

Gabrio ci propone una nuova vacanza, con partenza da Genova all’inizio di luglio e “consegna” della barca in Sardegna, dopo una quindicina di giorni di navigazione.

Indisponibile Lorenzo, per avere un supporto in caso di emergenza Gabrio coinvolge un suo amico, Luca, giovane skipper.
Io e Susanna coinvolgiamo invece Jolanda (compagna di squadra di Susanna) e Gianni, alla loro prima esperienza in barca a vela.

Sunshine 1995, la “squadra” (clicca per ingrandire)

Dopo i primi due giorni, bloccati a Portovenere dal maltempo, raggiungiamo Capraia e da lì Bonifacio, Palau, Porto Cervo, Porto Rafael ed infine Porto Rotondo…
una vacanza altrettanto meravigliosa, con molti ricordi ancora nitidamente impressi nella mia memoria…

Jolanda e Susanna con Gabrio – Sunshine 1995 – (clicca per ingrandire)

a Bonifacio una puntatina sulla via principale, per convincere Susanna ad una sorta di “sfilata” in mezzo alla “movida” del pomeriggio…

Susanna a Bonifacio – Sunshine 1995 – (clicca per ingrandire)

Gabrio vittima di uno scherzo, organizzato da me e Gianni a Capraia, che lo costringe ad uscire da una doccia sulla terraferma con le sole mani a coprire le sue nudità…

Jolanda e Gianni che, come era capitato a noi nel 1993, vengono sottoposti al “battesimo”: imbragati sul boma, portato verso l’alto ed esternamente all’imbarcazione, e da lì “scaraventati” in acqua…

il “terrificante battesimo” di Gianni – Sunshine 1995 – (clicca per ingrandire)

la prima volta sulle moto d’acqua, con Gabrio alla guida e noi, a rotazione, a provare l’ebbrezza di una nuova esperienza nella meravigliosa cornice delle acque cristalline di Porto Rotondo…

14 luglio 1995, io e Gabrio su moto d’acqua a Porto Rotondo (clicca per ingrandire)
14 luglio 1995, Jolanda e Gabrio su moto d’acqua (clicca per ingrandire)
14 luglio 1995, Gianni e Gabrio su moto d’acqua a Porto Rotondo (clicca per ingrandire)

ed un’infinità di altri ricordi, momenti spensierati di una vacanza straordinaria…

“Vediamo chi corre più veloce…”

come non ricordare la sera del 7 luglio, il primo giorno a Palau…

cena (super) al Ristorante “Il Pirata” (uno dei preferiti da Gabrio, da vero intenditore), annaffiata da buon vino, il Vermentino di Gallura.
Usciamo dal ristorante e, tra un cazzeggio e l’altro, nasce una sfida: ”Vediamo chi corre più veloce”.

Io, Gianni e Gabrio ci posizioniamo come i finalisti dei 100 metri all’Olimpiade, Susanna e Jolanda si posizionano sull’ipotetico punto di arrivo.
“Pronti…via!”

Io e Gianni scattiamo e dopo pochi metri ci accorgiamo che Gabrio non c’è…
Forse “offuscato” dal Vermentino di Gallura, all’uscita “dai blocchi” non è riuscito a fare manco un passo, ed è piombato sull’asfalto “a pelle di leone”, sbucciandosi mani, ginocchia, fianco…
avremmo dovuto essere preoccupati…
chi avrebbe potuto governare la barca se lui non fosse stato in grado di farlo?

ma il cazzeggio è cazzeggio, ed a bordo del Sunshine la medicazione si trasforma in un’occasione di grande divertimento, come documentato dal video, che con Gabrio abbiamo rivisto più volte…

e potrei continuare a lungo, immerso nel ricordo di due vacanze indimenticabili, a bordo di una stupenda barca a vela, con il timone saldamente nelle esperte mani di un caro Amico, che ha salpato l’ancora per il suo ultimo viaggio…
chissà se lassù, tra il montaggio dei vari pezzi del “Bounty divino”, avrà già trovato il tempo di darsi da fare…
magari adottando la “tecnica del gatto”…

Sunshine, 1995 (clicca per ingrandire)

Questo il testo che Grazia ha voluto dedicare a Gabrio, in occasione dell’ultimo saluto

Preghiera

Come ti posso pregare, o Signore, dopo che mi hai portato via la Persona più preziosa che avevo, lasciandomi sola con Francesca ed Alessandra?

Ma poi penso agli anni di felicità che hai regalato a Gabrio e a me, prima noi due e il nostro amore, poi la nostra famiglia che cresceva orgogliosa.

Le bambine, che di questo amore erano il frutto, le bambine che Gabrio amava tenere in braccio, quasi a proteggerle e accompagnarle nella vita…

ll nostro stare assieme per 54 anni, giorno dopo giorno.

Ed è per questo che ti ringrazio, ostinatamente, nonostante il mio grande dolore.

Ti ringrazio per avermelo donato e lasciato accanto a me per tutti questi anni, e piango, pensando al vuoto del mio domani, consolata dalla certezza del paradiso che ci attende, ancora una volta insieme.

Grazia

(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *