Fuga da Alcatel…

Fuga da Alcatel…

16 ottobre 2012

stamane, ore 10.15… devo preparami in fretta, ho un appuntamento in centro alle 11…
c’è il sole, decido di prendere lo scooter…

improvvisamente devo fare i conti con l’agitazione di mia moglie…
mettiti il maglione più pesante… la giacca… la sciarpaaaa…

non capisco se vuole proteggere la mia veneranda età da chissà quali acciacchi potenziali o se il suo è il tentativo, sublime nella forma, di soffocarmi in modo definitivo…..

sono pronto, sto per uscire ed ecco l’immancabile diktat: “C’è da buttare la rumenta“….
possibile che io non possa, mai, muovermi da casa senza avere un po’ di rumenta da buttare ???….
ma quanta rumenta possono produrre due persone???

abbozzo, prendo il sacchetto, esco….
sono già sullo scooter, davanti al contenitore della plastica, quando mi accorgo che il trambusto di Susanna ha minato terribilmente la razionale sequenza che accompagna le mie uscite da casa….

ho dimenticato il cellulare….

potrei anche farcela a rimediare, ci sarebbe il tempo, ma vengo assalito, immediatamente, da un’improvvisa sensazione di benessere…
non potrò rispondere al telefono per almeno due ore…. non potrò chiamare “urgentemente” nessuno per due ore…

ho la vaga percezione di provare la stessa sensazione di felicità che deve provare un carcerato quando riesce ad evadere dal carcere…

mi sento come Clint Eastwood in “Fuga da Alcatraz”….
la mia è una “Fuga da Alcatel”….

(titoli di coda…. mattinata da Oscar…..)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.