…su quella roccia in maggio è nato un fiore…

…su quella roccia in maggio è nato un fiore…

“…e quel sole ce l’hai dentro al cuore,
Sole di primavera…
Su quella roccia in maggio è nato un fiore
…”

sì, lo so…
nella meravigliosa, poetica canzone di Fabio Concato il fiore nasce su uno scoglio, non su una roccia…

ed è una dolcissima metafora usata da Concato per descrivere la sua emozione in occasione della nascita di sua figlia (un “fiore” nato a Viserbella)…

il “mio” fiore invece è reale, e nasce veramente, quasi un miracolo della natura, proprio da una roccia…

ne ho visti parecchi l’altro giorno…

Susanna, sempre come antidoto alla mia pigrizia accentuatasi nel lungo periodo della pandemia, mi ha convinto a seguirla in una passeggiata sull’Alta via dei Monti Liguri, sul percorso che partendo dai Piani di Praglia (raggiungibili da San Carlo di Cese con l’auto o, come noi, con lo scooter) si snoda poi a cavallo dei 1000 metri di altitudine, con diverse possibili mete: il rifugio Bellani, il Monte Pennello, la più lontana Punta Martin…

ci avevamo già provato qualche settimana fa, respinti da una consistente nuvolaglia con fitta nebbia che stavolta invece, pur con una temperatura non proprio primaverile (migliorerà con il passar delle ore) è molto più alta e si alterna di frequente con ampi squarci sereni che lasciano spazio al piacevole tepore dei raggi del sole…

ci incamminiamo verso il rifugio Bellani ed il nostro passo spedito è spesso interrotto da veri e propri spettacoli della natura, che con meccanismo automatico fanno uscire dalla custodia la fotocamera…

le verdi praterie d’alta quota, il silenzio irreale, il profumo del mare unito alle atmosfere d’alta montagna…

per quanto si cerchi di “catturare” in un fotogramma la magia che ci circonda, già sappiamo che non sarà possibile “catturare” tutte le percezioni che contribuiscono a crearla…

le verdi praterie di alta quota che, per essere colte nella loro completa estensione, rendono inutile il consueto, normale “colpo d’occhio”…

è indispensabile ruotare lo sguardo, che spesso deve spaziare fino a percorrere tutti, o quasi, i 360°, catturabili solo con sofisticatissimi obiettivi…

(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)



…il profumo del mare (la costa dista in linea d’aria solo 7 km) che si percepisce anche qui e va a formare un singolare mix con le atmosfere tipiche dell’alta montagna…

…il silenzio, piacevolmente irreale, rotto di tanto in tanto dall’incantevole sottofondo creato dal frenetico cinguettio di piccoli volatili, che mentre si rincorrono talvolta si avvicinano, quasi a voler sfidare l’abilità di Susanna, impegnata a tentare di identificarli con una particolare app…

riesco così ad apprendere che qui, oltre ai fringuelli ed altre specie comuni, sono presenti specie che non avevo manco mai sentito nominare, come lo strillozzo ed il codibugnolo

con un’altra app Susanna mi erudisce anche sulle varietà botaniche che spaziano dalle infinite varietà di orchidee selvatiche alle naturali tavolozze di colori create dal fogliame verde nel quale spiccano il giallo intenso della ginestra di Salzmann (genista salzmanii) e le tenui tonalità delle pervinche, compresa la “pervinca di Voltri”, e della rosa alpina

per arrivare poi all’incredibile complessità ed indicibile bellezza dell’Asfodelo Montano (Asphodelus albus), appartenente alla famiglia delle liliacee…

Asfodelo alpino – foto di Susanna Giorato –
(clicca per ingrandire)

poi, nascosto alla vista da una secca curva del sentiero, ma inconfondibilmente preannunciato dal caratteristico “olezzo”, ecco improvvisamente un foltissimo gregge, che in periodo di pandemia/vaccinazione mi fa immediatamente, ironicamente, all’omonima, preziosa immunità

(clicca per ingrandire)

il gregge che ozia senza noia, gli agnellini, ed il pastore con il bastone che non usa…

lì, di fronte al gregge, cedo vistosamente…

adoro osservare un gregge al pascolo, mi trasferisce una sensazione di quiete, tranquillità…

passerei ore ad osservarle (senza contarle, sennò, a quanto pare, il rischio di addormentarsi è elevato…) invidiando la loro capacità, almeno in apparenza, di stare a lungo senza far nulla e senza manifestare il minimo segno di noia…

(clicca per ingrandire)

le osservo, in silenzio, cercando di non farmi notare…

ma basta un piccolo involontario rumore ed ecco che mentre alcune pecore scattano in direzione opposta, quasi spaventate, altre invece girano lentamente la loro testa verso di me, con espressione di sorpresa curiosità, quasi volessero dire “embè?”… (ovviamente con molte più “e” finali…)…

e mi viene quasi da scusarmi con loro, per averle distratte dal loro ozio non annoiato…

(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)

osservandole ancor più attentamente, noto che hanno le ciglia folte e bianchissime, curiosamente proprio come quelle della mucca che abbiamo incrociato poco prima…

un agnellino si sta nutrendo con estrema voracità…

un altro è accovacciato nella stessa plastica posa delle statuine da presepe…

un altro ancora si avvicina alla mamma, e si “struscia” sulla sua guancia…


un montone, con modalità assolutamente meno romantiche, si accoppia rapidamente (molto rapidamente…) con una pecora, un altro ci prova inutilmente, nell’assoluto disinteresse del resto del gregge nel quale la femmina con assoluta calma torna a confondersi…

(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)

scambiamo due chiacchiere con il pastore e, memori dei pericoli derivanti dal voler contare le pecore, gli chiediamo immediatamente quante siano…

Sono 700” risponde, “e negli ultimi 15 giorni si sono aggiunti una dozzina di agnelli, due gemellini 4 giorni fa, uno giusto ieri…”…

e si scusa, ma deve andare a recuperarli…

sono ancora troppo piccoli, tra poco libererà il gregge dal vincolo del recinto, per consentire alle pecore di brucare erba più fresca, ed i piccoli potrebbero non riuscire a “stare nel gregge”, potrebbero perdersi e lui sarebbe costretto ad una ricerca lunga, faticosa e magari infruttuosa…

non so se la calma del gregge sia contagiosa, perché anche lui, nonostante la preoccupazione, si muove molto lentamente…

si “arma” di bastone, che non userà, ed in pochi attimi, individua i più piccoli ed amorevolmente li porta al sicuro, in un automezzo ampio, recintato…

è dispiaciuto di doverli separare, sia pure per sole due/tre ore, dalla loro mamma, ma lo fa per il loro bene…

(clicca per ingrandire)

anche il suo cane (lo definisce una specie di maremmano non riuscito benissimo) è bianchissimo e si fa fatica a distinguerlo dalle pecore, che familiarizzano con lui e si fanno docilmente guidare…

(clicca sulla foto per ingrandire)



salutiamo il pastore, segnalandogli una nostra inquietudine: una poiana, dopo aver volteggiato a lungo, sia pure molto in alto, si è fermata in un incredibile “surplace”, tipo quelli del ciclismo su pista dei mitici Maspes e Gaiardoni, e da ferma, lassù, sembrerebbe proprio volgere il suo sguardo interessato sul gregge…

(clicca per ingrandire)



e lui, con immutata calma serafica, ci tranquillizza: Ogni tanto c’è pure un’aquila reale… e non aggiunge altro, apparentemente senza preoccupazione ma probabilmente con il consapevole fatalismo di chi quotidianamente è alle prese con le magie della natura, ed anche con le sue dure leggi…

è ora di tornare…

abbiamo percorso complessivamente sei km (per me tanti, per Susanna una bazzeccola…), non abbiamo raggiunto il rifugio Bellani (siamo arrivati a circa un chilometro dalla meta, ma la sommità era avvolta da nuvole basse, che ci hanno sconsigliato dall’andare oltre), ma ne è valsa la pena…

ci incamminiamo lungo il sentiero che ci riporterà allo scooter, Susanna riesce a “catturare” con la fotocamera una farfalla diversa da quelle che era riuscita a fotografare in altre passeggiate…

è una Vanessa atalanta, ma nonostante il nome non credo sia tipica delle valli bergamasche…

i deliziosi fiorellini viola che spuntano, miracolosamente, dalle fessure delle rocce…

io, come nel tragitto di andata, torno ad essere rapito dalle miriadi di fiorellini che crescono in contesti apparentemente improbabili…

come quei deliziosi fiorellini viola, ora baciati dal sole del tardo pomeriggio, che spuntano, miracolosamente, dalle fessure delle rocce…

Viola di Bertoloni (Viola Bertolonii)
(clicca per ingrandire)

in quel momento sono assolutamente all’oscuro del fatto che quella che sto ammirando in quel momento sia una Viola di Bertoloni (o viola bertolonii), una “specie endemica delle oliofiti del Gruppo di Voltri, presente in Liguria e Piemonte, che cresce solo su substrati ultrafemici, rocce serpentiniche usate in edilizia come “marmo verde”…

francamente, il dettaglio scientifico non toglie e non aggiunge nulla alla mia meraviglia, a quello che mi appare come un vero e proprio miracolo della natura…

proprio come quello metaforico (la nascita di un fiore su uno scoglio) cantato da Fabio Concato…

e comincio a canticchiare le note ed il testo adattato di quella bella canzone che era racchiusa lì, come un gioiello, nello scrigno della mia memoria da quasi quarant’anni…

“…e quel sole ce l’hai dentro al cuore,
Sole di primavera…
Su quella roccia in maggio è nato un fiore
…”

Fabio Concato in “Fiore di Maggio”, 1984
foto di Susanna Giorato
(clicca per ingrandire)
foto di Susanna Giorato
(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.