film stupendi, e qualche capolavoro…

film stupendi, e qualche capolavoro…

 

 

sei film, da consigliare…

 

 

 

E’ da un po’ che non segnalo film che mi sono particolarmente piaciuti…
Oggi faccio un “riassunto”, sei film visti nelle ultime settimane, che (per chi non li avesse ancora visti) mi sento di consigliare…
A mio modesto avviso, tra loro, c’è anche qualche “capolavoro”…

 

(clicca per ingrandire)

Girl (2018)

Lara è una ragazza quindicenne che vuole fare la ballerina.
Lara però è nata in un corpo maschile e deve affrontare un viaggio, doloroso, verso se stessa…

l’amorevole vicinanza del papà e dei medici nel passaggio di genere e la rigida disciplina della danza, sono il filo conduttore di un film la cui potenziale crudezza è ben mitigata dal tocco delicato del regista Lukas Dhont, che ha potuto contare sulla strepitosa interpretazione dell’esordiente Victor Polster, diciottenne, ballerino di successo.

 

Dolor y gloria (2019)

un grandissimo, autobiografico Almodovar affida il ruolo principale ad Antonio Banderas, talmente bravo da meritarsi il premio come miglior attore a Cannes.

Un regista, dal passato glorioso ed in grande crisi, anche a causa di molti problemi fisici ed esistenziali, trova un nuovo spunto artistico per mettere in discussione la sua vita, con uno sguardo che attraversa dolcemente l’infanzia, l’amore, la dipendenza da eroina, la scrittura, il successo artistico, il superamento della dipendenza…dolori e gloria…
semplicemente grandioso.

 

Il ritratto della giovane in fiamme (2019)

Nella Francia del 1770 una donna commissiona ad una pittrice il ritratto della giovane figlia, da poco uscita da un convento, per inviarlo allo sposo designato, nonostante la figlia non abbia intenzione di sposarsi e quindi di essere ritratta.

L’esecuzione del ritratto diventa il viaggio che aiuterà entrambe a guardare meglio dentro se stesse, a conoscere sensibilità fino a quel momento sconosciute, compresa una reciproca attrazione in cui le fiamme della passione sono simbolicamente rappresentate dal dipinto ispirato ad una festa campestre…
Il tema dell’identità sessuale e dell’affermazione sociale di due donne forti e libere, viene sviluppato con molta grazia ed eleganza dalla regista Celine Sciamma, senza retorica e con una cura estrema del dettaglio, proprio come i grandi ritrattisti…

una curiosità: nel film sono presenti solo donne

 

 

(clicca per ingrandire)

 

L’ufficiale e la spia (2019)

Il notissimo “caso Dreyfus” rivisitato da un grandioso Roman Polansky che si è potuto avvalere dell’interpretazione di molti bravi attori, su tutti un superlativo Jean Dujardin, nel ruolo dell’ufficiale Picquart.

Il titolo originale del film è “J’accuse”, riferimento all’editoriale firmato da Emile Zola, indirizzato al Presidente francese, in cui denunciava la persecuzione a carico di Dreyfus, vittima di un feroce antisemitismo a beneficio del quale venivano consapevolmente utilizzate documentazioni palesemente false. Un parallelo con i tempi attuali: i pregiudizi, le accuse ingiuste ed infamanti amplificate, nell’era dei social, da un sistema di potere che alimenta “la pancia” delle masse.

Un’opera di grandissimo spessore (Gran Premio alla Mostra Internazionale di Venezia) di un vero e proprio Maestro del Cinema che ha saputo coniugare l’apprezzabile scorrevolezza del film con la consueta, mirabile cura, quasi maniacale, dei dettagli.

 

Gli anni più belli (2020)

Lo si potrebbe “liquidare” con un sintetico, efficace ed assolutamente non riduttivo, anzi… “E’ Muccino”.

Tre diversi personaggi maschili per un ritratto sui cinquantenni di oggi, con le frustrazioni figlie degli illusori anni ‘80, che devono fare i conti col mutamento sociale, la crisi economica, il precariato, i rimpianti…

Lo sguardo al passato, fatto anche di errori per i quali ci può essere sempre un rimedio, magari tardivo, magari facendo leva alle cose belle che si sono vissute…
Un bel film, molto gradevole, con una felice scelta degli attori (il “solito” Favino, Rossi Stuart, Santamaria).
C’è anche un quarto personaggio, femminile, interpretato da Michaela Ramazzotti (mi verrebbe da dire, nel bene e nel male, la “solita” Micaela Ramazzotti) ma l’impressione è che Muccino abbia voluto leggere, forse comprensibilmente, in chiave maschile quella che, tutto sommato, è anche la sua generazione.

 

Il filo nascosto (2017)

Negli anni ’50 un rinomato stilista veste tutta l’alta borghesia londinese, dalla Casa Reale alle star del cinema, alle nobildonne…
Nonostante sappia mirabilmente soddisfare i desideri di tutte queste donne, la sua vita è priva di vero amore…

L’incontro con una donna, che diventerà sua amante e poi moglie, metterà a nudo le sue contraddizioni, le sue debolezze, la figura ossessiva della madre e del suo abito nuziale…
una fragilità nascosta dalla maschera di uomo forte che fatalmente dovrà farsi guidare da una donna che attraverso la sofferenza lo porterà ad una nuova consapevolezza…
Un film straordinario, diretto da Paul Thomas Anderson, premiato con l’Oscar per i migliori costumi, con un fantastico Daniel Day Lewis, che dopo questo film ha annunciato il suo ritiro dalla recitazione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.