FantaPolitica…???…

FantaPolitica…???…

 

 

“Per uno scacchista è ovvio sostenere che essere portati per gli scacchi implichi grande intelligenza, se non genialità, ma purtroppo abbiamo pochi elementi a sostegno di questa teoria.” (cit. Garry Kasparov)

 

 

Liguria, elezioni regionali 2020.

Passano i giorni, le settimane, i mesi….
ma il candidato del centrosinistra che proverà a “detronizzare” Giovanni Toti, confermatissimo candidato del centrodestra, ancora è “senza nome”…

uno dei soggetti più importanti dell’ipotetica coalizione del centrosinistra, quello storicamente più importante, sta facendo filtrare, settimana dopo settimana, nuove, continue ipotesi di candidature (ne ho contate 13, ma forse me ne è sfuggita qualcuna…)…

una sorta di “non risposta” al partner storicamente meno importante, che sembra mantenere, fermamente, una proposta “alternativa”, nel segno del cambiamento…

oggi sono scaduti,  per l’ennesima volta i 15 giorni dall’ennesimo proclama proveniente dal PD genovese: “fra quindici giorni il nome del candidato”

Sembra di assistere a quel famoso film del 1993 con Bill Murray (“Ricomincio da capo/Il giorno della marmotta”), o a quello del 2004 con Antonio Albanese (“E’ già ieri”) oppure a quello, sempre del 2004, con Adam Sandler (“50 volte il primo bacio”)…

(clicca per ingrandire)

Quelli erano film, anche divertenti.
Questo invece è uno stucchevole gioco che faccio fatica a capire e che credo/temo sia un clamoroso autogol del PD, di quelli “alla Comunardo Niccolai”,  a favore di Toti…

 

FantaPolitica

 

ed a proposito di “giochi”…
da elettore sempre più sconcertato, mi metto a giocare pure io, con uno dei più praticati “giochi da tavolo”…
la FantaPolitica”…

Può darsi che il PD sia convinto di non avere chance contro il cdx e Toti.

Non mette in campo quindi nessuno dei suoi uomini migliori perché in caso di sconfitta li brucerebbe per le successive politiche
Poniamo pure che, in quest’ottica, gli uomini migliori stessi non si rendano disponibili…

Però dal partner di coalizione arriva la proposta di un nome nel segno del cambiamento, un personaggio che, lo sianno tutti, non è incline a “farsi guidare”…

Lo scenario diventa inquietante per il senior player: se, …non capita ma se capita…, il centrodestra venisse clamorosamente sconfitto, a vincere sarebbe uno “degli altri”…

in caso di sconfitta, lo scenario sarebbe quello di un quinquennio in cui alla guida dell’opposizione ci sarebbe uno che non si farebbe minimamente guidare dal senior player…

i cinque anni di buona, puntuale opposizione, potrebbero addirittura avviare un percorso che porti a costruire un competitor spendibile nella tornata successiva….
e sarebbe una vera iattura…un altro turno con, alla guida, uno degli “altri”…

meglio allora logorare questa candidatura, lasciarla rosolare a lungo, come una lunga, tattica partita a scacchi…

Bobby Fisher, foto da mattoscacco.com
(clicca per ingrandire)

come diceva il grande campione Bobby Fisher:
“Gli scacchi sono una guerra sulla scacchiera. L’obiettivo è distruggere la mente dell’avversario.”

giunti alle strette, per sfinimento (o per reciproca convenienza) si darà scacco al partner di coalizione, facendo passare la candidatura di un tranquillo soggetto “di apparato”…

non si vince, però nei 5 anni di opposizione il senior player avrà un “suo uomo”, affidabile (nel senso che si farà guidare), pronto a farsi da parte al termine del quinquennio, quando chi lo sa…, magari il vento sarà cambiato…

Ci sarà solo da individuare l’Ente nel cui CDA inserire poi il candidato, come premio per la sua “disponibilità”…

io non so se questo contesto possa essere assimilabile allo scenario dipinto da Bobby Fisher…

Garry Kasparov, foto da chess-essentials.com
(clicca per ingrandire)

o se non sia più affine a quanto affermato da un altro grande campione, Garry Kasparov:


“Per uno scacchista è ovvio sostenere che essere portati per gli scacchi implichi grande intelligenza, se non genialità, ma purtroppo abbiamo pochi elementi a sostegno di questa teoria.”

 

 

Considerati i “fattori in gioco”, sono più propenso a sposare quest’ultima tesi…

ma, ripeto, ho voluto giocare…

questa è solo FantaPolitica…

nella politica reale queste cose non capitano…

a Genova poi, figuriamoci…😂

p.s.: il concetto espresso da Garry Kasparov credo possa essere valere anche per l’autore de “La mossa del cavallo”, “opera” presentata proprio oggi…

(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.