Effetto Valsusa, la lezione di Besana

Effetto Valsusa, la lezione di Besana

 

12 marzo 2010

I partiti storici, e la loro crisi in termini di scarsa credibilità… i comitati, le associazioni di cittadini, la new wave della cittadinanza attiva, la voglia di occuparsi dei beni comuni senza passare attraverso le liturgie, ormai stantie, dei partiti tradizionali… come fare sintesi?…

Link all’articolo

(Marco Preve, per “Repubblica Genova”)
EFFETTO VALSUSA, LA LEZIONE DI BESANA
“STO COI COMITATI, MA GUAI A NON VOTARE”

Accanto alle foto: Carlo Besana e Don Andrea Gallo: una vita in prima linea tra il Cep e i vicoli del centro storico. Ora lo storico farmacista che ha scelto di votarsi alla causa di uno dei quartieri più disagiati, scende in politica al fianco di Burlando.
I partiti. I portavoce sono tesserati del Pd. Ma l’attività la fanno lì perché le sezioni non hanno più un ruolo.
I problemi. La politica deve imparare a confrontarsi con i problemi reali, però i cittadini devono darle il tempo di farlo.
La gronda. Non puoi dire alla gente:come lo vuoi il palazzo? Devi chiederle invece: il palazzo lo vuoi o no?

I comitati sono le antennine sul territorio che la politica non si è ancora accorta di avere. Sono con loro, specie contro la Gron­da, ma su una cosa non sono proprio d’accordo, quando dico­no che non voteranno. Non si possono tirare indietro.

Carlo Besana è l’uomo che ha aperto una strada.
E’ il primo esponente dei Comitati dl quartiere (arriva dal Cep di Pra’, dal Consorzio Pianacci e dalle serate di folla organizzate con Beppe Grillo che però, non ha apprezzato la sua scelta ad aver compiuto il fatidico passo: can­didarsi alle regionali con la lista di Claudio Burlando). Tanti con­sensi ma anche critiche spieta­te.
Comunque vada il caso Be­sana sarà una cartina di torna­sole importante.
Ed è la perso­na giusta cui chiedere un commento sul ruolo, sempre più importante, che rivestono i Co­mitati. Specie quelli anti Gronda che, come raccontato ieri da Repubblica stanno sostituendo in Valpocevera gli spazi di dibattito un tempo occupati dalle sezioni del Pci.

E’ davvero così ?
Certo, è verissimo – dice Besana – le sezioni e oggi anche i circoli sono superati. Pen­si che i portavoce dei sette Co­mitati di quartiere del ponente ai quali chiesi se dovessi accet­tare o meno la candidatura of­fertami da Burlando, sono tes­serati del Pd. Ma l’attività la fan­no nel Comitato, perché la se­zione non ha più un suo ruolo“.

Ma come si fa a capire se un Comitato è credibile?
“Intanto quartieri come il mio o quelli della Valpolcevera hanno un forte sensibilità, sco­prono subito i venditori di fu­mo. E comunque il primo parametro è la rappresentatività, il seguito tra la gente. E c’è un or­gano che può misurare questi valori: i Municipi. Sono loro a dover informare i partiti di ciò che avviene sul territorio.”

Lei è contro la Gronda, ha fatto anche un video con Don Gallo che canta nel coro, ma il partito del suo capolista è a fa­vore.
“Burlando stesso mi ha detto che su molti temi non saremmo stati d’accordo, ma non mi ha posto veti. Sul dibattito pubbli­co fin qui svolto c’è un vizio di forma. Non puoi dire alla gente: come lo vuoi il palazzo? Devi chiedergli invece: il palazzo lo vuoi a no? Sulla Gronda, e lo ha riconosciuto lo stesso modera­tore del “debat” Luigi Robbio, è mancata totalmente l’opzione zero”.

Comitati e partiti si incon­treranno mai?
“La politica deve imparare a confrontarsi con il territorio, i problemi reali. Però bisogna che i cittadini le diano il tempo di farlo. I politici devono smettere di pensare solo alla salva­guardia del posto, e i Comitati cercare di essere interpreti del­le reali richieste del quartiere, senza forzature”.

La Gronda?
“La Gronda no. Ma anche gli altri cantieri del nodo ferrovia­rio e della Tav tutti assieme so­no una follia. Mi chiedo come ab­biano fatto i commercianti dei Civ a sposare una scelta che li annienterà. Lo dico parlando da ex commerciante (Besana è stato per anni farmacista al Cep, ndr)”.

Arriviamo al “però”.
“Però una cosa che ho letto non mi è piaciuta. Non condivi­do l’abbandono del voto. La vera politica è quella che fanno lo­ro, i Comitati, ma deve essere al centro del discorso e della pro­posta e quindi non possono sot­trarsi all’impegno, al confronto del voto. Devono avere dei loro rappresentanti e io credo che in futuro ce ne saranno sempre di più, da Nervi a Voltri, però tirarsi indietro al momento delle elezioni, quello proprio no.”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.