è l’ultimo giorno di un altro anno magico per il Cep…

è l’ultimo giorno di un altro anno magico per il Cep…
 
31 dicembre 2011
 

Fra 4 ore se ne sarà andato anche il 2011, e mi piace chiudere il mio anno con una nota dedicata al 2011 del Cep, ed alle sue nuove “magie”…

L’amico, e prezioso collaboratore, Enrico Testino ha brillantemente descritto, in poche righe, la magia che si è rinnovata con l’evento del 3 dicembre; io ho aggiunto, e spero di averle descritte altrettanto brillantemente, le emozioni che ho provato quando il mio telefonino si è magicamente trasformato nello strumento di colloquio con Adriano Celentano… Il mio 2011 al Cep mi piace ricordarlo così….

STASERA VADO A VEDERE…IL CEP
(di Enrico Testino)

Il PalaCep, da molti punti di vista, non dovrebbe esistere.

Non dovrebbe se dovessimo pensare alle solite scelte urbanistiche che privilegiano il centro della città, non dovrebbe se guardiamo alla storia del Cep, non dovrebbe se si avesse dovuto pensare a una gestione da “palazzetto dello sport e spettacolo”.

E invece eccolo lì, che ogni volta stupisce tutti con una nuova sorpresa ogni volta più grande come il 3 dicembre con la serata in favore degli alluvionati genovesi 

il PalaCep
il PalaCep

con ospiti Beppe Grillo, Gino Paoli, Biagio Antonacci, Don Gallo e… Adriano Celentano ha stupito ancora ospitando una serata piena di magia e passata nella storia degli avvenimenti di spettacolo dell’Italia.

Questo spazio ha potuto esistere (ma i rischi di sopravvivenza non finiranno mai) diventando un qualcosa di diverso: un contenitore di percorsi associativi, sportivi, eventi sociali, insomma è diventato uno spazio dove la comunità può essere rappresentata ed esprimersi.

Non a caso in questi anni abbiamo ospitato raduni regionali Scout, delle Comunità Islamiche Liguri, feste della Comunità di Don Gallo e tanto altro oltre alle attività sportive quotidiane.

Il Palacep è un anche un simbolo che rappresenta un risultato concreto di tanti percorsi intelligenti e altruistici locali di associazioni, comitati, parrocchie, persone.

Rappresenta un quartiere che ha saputo cambiare il proprio destino e la propria storia diventando un contributo e un esempio.

E’ talmente qualcosa di non previsto e inaspettato questo PalaCep, che succede che in questi anni non siano state solo le persone ad andare a vedere i Subsonica, Travaglio, Grillo, Celentano, Don Gallo, Paoli, ecc… ma che siano loro che siano veduti a vedere il quartiere.

E ne siano rimasti, come anche in quest’ultimo caso di Celentano, stupiti e commossi.

Foto di Emilio Scappini
Foto di Emilio Scappini

 

QUELLA VOLTA CHE…MI TELEFONO’ CELENTANO
(di Carlo Besana)

Mancava ancora qualche giorno alla conferenza stampa di presentazione dell’evento del 3 dicembre al PalaCep, in cui avremmo annunciato la presenza di Antonacci, Grillo, Paoli, e… Lui… Adriano Celentano!!!

Da giorni tutti con la bocca chiusa, non doveva filtrare la notizia perché era imminente la presentazione del nuovo cd “Facciamo finta che sia vero” e, come d’accordo, non avremmo dovuto “disturbare” il lavoro di mesi del colossale staff del “molleggiato”…

Tutto sommato, anche noi avremmo dovuto far finta…. ma far finta che non fosse vero, per non rovinare tutto…

Quel pomeriggio, anzi era ormai sera, ero appena rientrato a casa quando squilla il cellulare… sul display “numero privato” e di là una voce, quasi timida, che si preannuncia così: “Buonasera… sono Adriano… Adriano Celentano…”.

Di primo acchito penso ad uno scherzo di Nicola Montese, e sto per urlare “Nicola !!! ma vaff…..”, fortunatamente ho un’esitazione di qualche centesimo di secondo…. e la voce al cellulare aggiunge, quasi preoccupata : “Lei è il farmacista amico di Beppe, vero? Mi ha dato lui il suo numero…”…

Dio mio! è proprio Lui! con la sua voce inconfondibile…. E sta parlando con me….

Seguono 15 minuti e 22 secondi di conversazione, e purtroppo la mia scarsa dimestichezza con il cellulare mi impedisce di registrare… ma mi ricordo tutto, proprio tutto…

Il suo divertito commento alla mia idea iniziale di conferenza stampa “un po’ matta”, il suo desiderio, espresso quasi timidamente, di poter avere al suo fianco Don Gallo (“Glielo chieda lei, che è suo amico… pensi un po’: Biagio che scalda la gente con le sue canzoni, poi io, lui, Beppe e Gino sul palco, con Don Gallo! Tutti insieme, per far sapere alla gente alluvionata che tutti insieme vogliamo dar loro una mano…).

Sapevo che Don Gallo aveva un impegno pubblico, programmato da tempo, a Torino, ma sapevo anche che avrebbe trovato il modo di esaudire il desiderio di Adriano Celentano… e così è stato, facendo anche “il miracolo” di farlo cantare…

La conversazione continua, gli confesso che sono emozionato come non mai (“si dice che l’emozione non ha voce… io per ora riesco a parlare…”) e lui: “non so come parla di solito, ma non mi sembra emozionato…” e poi non resisto, gli devo dire che era il mio sogno chiuso nel cassetto, convinto che non si sarebbe mai realizzato.

Il 18 luglio“ gli confido ”dopo la serata con Marco Travaglio, Moni Ovadia, Don Gallo un amico mi chiese chi avrei potuto ormai portare al Cep di più prestigioso. Gli risposi che a Benigni avevo scritto, un paio di volte, ma non mi aveva mai risposto, forse ho sbagliato indirizzo mail. A Celentano invece, non ho mai scritto perché figurati se Celentano.” .

E lui, ridendo di gusto “Eh eh, invece vengo, visto???”.
Lì mi sono proprio convinto  che il miracolo sarebbe avvenuto, che il Cep avrebbe prodotto un’altra delle sue magie….

Un paio di giorni prima dello spettacolo, mentre ero in riunione con Nicola Montese, Enrico Testino, Lucio Regnoli ed Antonio Pertichini ha chiamato di nuovo.

Poco più di tre minuti, per alcuni chiarimenti di natura tecnica sulle riprese video…stavolta i più emozionati erano gli altri, loro, quelli che ascoltavano, accanto a me… e dire che sentivano solo quello che dicevo io… per me invece…..

per me, l’emozione vera, è senza dubbio legata alla prima volta… è come in amore… la prima volta non si scorda mai…

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.