E’ finale playoff!

E’ finale playoff!

 

3 maggio 2013

Siamo in finale playoff per la Serie A2, il punto più alto mai raggiunto da una formazione di basket femminile a Genova.
E scusate se è poco…

Link all’articolo

(Federico Grasso, per “Il Corriere Mercantile”)
Conquistata la finale di serie A3 dopo aver battuto l’Azzurra Libertas Moncalieri in un PalaDonBosco con cinquecento tifosi
NBA-ZENA, ORA L’ULTIMO SFORZO
Gara in equilibrio all’inizio
Festa grande nel dopo partita
Il patron Besana: «Vogliamo arrivare in un torneo dove nessuna squadra rosa genovese e mai stata»

La Wideurope NBA-Zena è in finale di sene A3 femminile: il sogno di partecipare all’ultimo atto della stagione è realtà grazie al bel successo ottenuto sulla Azzurra Libertas Moncalieri, avversaria coriacea che ha costretto le genovesi allo spareggio.
A fine gara, di fronte a un festoso PalaDonBosco rosanero gremito da circa cinquecento tifosi, è scappata pure qualche lacrima e non solo alle giocatrici. Commosso il presidente Carlo Besana, commosso parte dello staff tecnico che già diciotto anni fa aveva respirato l’atmosfera della A2 sotto la lanterna, con la Genova targata Elce Arredamenti.
«Anche se allora, sopra, c’erano ancora la A I e la A2 d’eccellenza; contro Torino invece giocheremo per entrare nel secondo campionato nazionale, un’avventura mai vissuta da una squadra rosa cittadina» precisa proprio Besana.
La partita, di fatto, è rimasta in equilibrio solo nei minuti iniziali; un paio di passaggi a vuoto nella terza e quarta frazione, però, hanno reso vera la gara fino alla fine. Il primo canestro è stato di Moncalieri: sarà l’unico vantaggio delle piemontesi nell’intero incontro.
Un precoce tentativo di fuga genovese (7-2 e poi 9-4) è stato impattato a quota 9: dopo 5 minuti giocati, sarà ultimo pareggio ospite.
Una eccellente Giorgia Belfiore ha giganteggiato sotto entrambi i tabelloni e nel suo piazzato, con piccolissimo neo di un terzo fallo regalato. E senza i suoi centimetri sotto canestro, Genova si è ricordata di essere “piccola”: bisognerà non dimenticarlo neppure in vista di Torino.
Fuori per falli Federica Cerretti, magistrale nella gestione del pallone e nell’esempio dato buttandosi sul parquet ad ogni pallone a 36 primavere passate: verrà sostituita a lungo da Sole Mancini, che non è sfigurata con la più esperta compagna. Sara De Scalzi, raddoppiata e triplicata fin dallo spogliatoio, ha creato spazi per le altre esterne, con Piermattei e Cavellini abili a sfruttare al meglio i ribaltamenti e i tiri piazzati. Il risultato è stato il massimo vantaggio sul +19 (54-35), prima che la seconda momentanea amnesia consentisse a Moncalien di tornare a sperare con un parziale di 10-0.
Ma ancora l’MVP Belfiore e una bomba da sette metri di Sole diradavano la nebbia e davano il via alla festa: dove non arrivano i centimetri, compensa il cuore.

 

Link all’articolo

(Beppe D’Amico, per “IL Secolo XIX”)
NBA, IL SOGNO DIVENTA REALTA’: FINALE CON TORINO PER SALIRE IN A2
Impresa contro Moncalieri al PalaDonBosco «Ha vinto il gruppo, ora tutto è possibile»

COME L’NBA, nessuna mai.
La Wideurope Genova ha vinto, in un gremitissimo PalaDonsosco ribollente di tifo, la “bella’ contro il Moncalieri e si è così guadagnata meritatamente il pass per la finale che vale la A2, da giocare contro la Pallacanestro Torino, con gara-1 in programma già domani alle 17 a Torino.
Nessuna mai, perché il record della Nba è nei numeri delle statistiche; nessuna squadra femminile genovese prima di lei, infatti, ha mai avuto la chance per giocarsi, in un massimo campionato nazionale, la promozione in quello superiore. La Nba è riuscita, invece, nell’impresa, dopo una regular season da vera protagonista e dopo play-off disputati da squadra di primo rango.
La mano di coach Giovanni Pansolin si è vista, eccome, nel dare un gioco nuovo al team e nel motivare sempre al massimo le giocatrici.
Così contro Moncalieri in gara-3 è successo che, là dove la fuoriclasse De Scalzi non è potuta arrivare, è arrivata la forza del gruppo, con una favolosa Cerretti, un’insuperabile Belfiore, con Cavellini e Piermattei nel ruolo di ammazza-rivali.
La forza del gruppo, in sintesi, un gruppo che ha costruito con l’unione una stagione irripetibile che vede ora la Nba giungere alla finale con le piemontesi.
Pallacanestro Torino che, sulla carta, resta (di poco) la favorita, ma che troverà di fronte non solo una Nba motivatissima, ma anche la mvp e top-scorer dell’intera A3, quella De Scalzi che per la Wideurope ha fatto la differenza in uno starting-five affidabile e solido.
«E’ bello vincere gara-3 di semifinale e guardare il tabellino vedendo che il gruppo è stato determinante – ha detto a caldo a fine gara un coach Pansolin in stato di grazia – nella solita partita in cui la De Scalzi è stata oggetto di attenzioni particolari, cosa già accaduta in gara-2, la squadra è venuta fuori trovando soluzioni alternative in attacco e in difesa, e mantenendo la solita intensità durante tutti i quarti di gioco. Che dire di più -ha concluso Pansolin – siamo in finale, andiamo sabato a giocare a Torino sapendo di partire sfavoriti, ma sicuri anche che quello che ci ha permesso di arrivare fin qua potrebbe farci salire un altro gradino».
Quello del sogno che si avvera, come nelle migliori favole sportive con lieto fine.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.