“Dai Medaglia, prendiamoci un caffé…”

“Dai Medaglia, prendiamoci un caffé…”

“Dottore, meno male che è arrivato…posso dirle una cosa? Sono un socio come tutti gli altri, ma non mi fanno giocare a carte…gli dica qualcosa…”.

Quante volte, arrivando al bar del Pianacci, Giuseppe Medaglia, uno dei nostri soci “storici”, mi è venuto incontro, con lo sguardo corrucciato, lamentandosi per l’ostracismo dei “soliti soci”, gli habitué del tavolo al centro del bar, quello perennemente animato, dalle 15 alle 19, da accesissime partite a carte…

“Dai Medaglia, prendiamoci un caffè! Lo sa che fanno apposta per farla arrabbiare…”

E subito, sullo sguardo corrucciato, si faceva largo, tra la barba sempre un po’ lunga, un’espressione divertita, un sorriso aperto…

per qualche secondo fingeva di lamentarsi ancora ma lo sapeva pure lui che era una sorta di quasi quotidiana recita a soggetto, un “menello” nel quale, fatalmente, veniva messo in mezzo…
il tempo di sorseggiare il caffè, lasciar finire la partita in corso, ed ecco che, immancabilmente, lo si poteva trovare al tavolo, rasserenato, con le carte in mano…

Nel periodo in cui ho frequentato quotidianamente il circolo, mi è capitato spesso di arrivare al bar e trovare un “caffè pagato” da Giuseppe Medaglia, che non mancava mai di contraccambiare il caffè che gli era stato offerto in precedenza…

Perché lui era così, magari un po’ brontolone ma assolutamente mite, ben educato, cortese…

Dico “era” perché Giuseppe Medaglia ieri ci ha lasciati…aveva 76 anni…

Ho saputo dalla figlia Betta che di recente aveva avuto problemi di salute, disturbi cognitivi, ai quali si era aggiunta un mese fa una polmonite, che durante il ricovero ospedaliero aveva rivelato le sue origini da Covid, che non è riuscito a superare.

Il Pianacci è chiuso da oltre sei mesi, l’ultima volta che ci siamo visti risale all’estate scorsa…

Ma sono certo che il giorno in cui toccherà a me salire lassù, mi verrà incontro trafelato, con lo sguardo corrucciato, la barba un po’ lunga, con la solita lamentela…

“Dottore, meno male che è arrivato…posso dirle una cosa? Antonio, Bruno, Pino e Pasquale stanno giocando a carte e non mi fanno giocare…gli dica qualcosa…”.

E, come da copione, mi guarderò intorno, alla ricerca di un bar, e…

“Dai Medaglia, prendiamoci un caffè…”.

Giuseppe Medaglia (clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.