Cronaca di un allarme cercato

Cronaca di un allarme cercato

 

23 agosto 2016

 

Un Enrico Testino particolarmente “illuminato”.
Analisi assolutamente condivisibile.

Il vero “autogol” (danno d’immagine permanente) è quello commesso dai commercianti di via XX Settembre
comunque vada in tutta Italia passerà, “grazie” a loro, l’immagine di una via da evitare …
Complimenti!!!
Queste le sue riflessioni, postate su Fb

CRONACA DI UN ALLARME CERCATO

Trama:
Genova.
25 persone in condizione di profughi, 7-8 famiglie mi dicono, si prevede che vengano sistemati in una struttura in via XX Settembre, forse la via piú centrale e “buona” della cittá.
Una operazione del Comune, a basso impatto, direi senza difetti.
I giornali cittadini lanciano l’amo e si sintonizzano su chiunque protesti.
Commercianti del centrale mercato (di quelli fissi e coperti con banchi sopratutto alimentari) e altri commercianti riuniti in associazioni protestano paventando una rovina dell’immagine della zona, degli affari, del futuro.
Politici in cerca di primarie (peraltro di sinistra) si precipitano sul luogo proclamandosi paladini dei perseguitati (non i profughi, i commercianti).
I giornali rilanciano.
L’ ottima Rai 3, ahimé, prevede pure una diretta.

Risultato:
una situazione di 7-8 famiglie che dovevano inserirsi in un quartiere di migliaia di abitanti e migliaia di frequentanti uffici e shopping.
Una situazione quindi di assoluta tranquillitá e rispetto per chi ha bisogno, che non avrebbe influito nulla sull’immagine del quartiere, viene presentata come allarme e promuove sui media regionali e nazionali una situazione di un quartiere che manco la martoriata Aleppo quando Assad e i Russi son particolarmente incazzati.

Danno di immagine e affari, quindi, senza neanche avere un reale problema.
Complimenti alla lungimiranza!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.