Ciccio, che pasticcio… ovvero: e Ciccio cadde per la seconda volta…

Ciccio, che pasticcio… ovvero: e Ciccio cadde per la seconda volta…

 

27 luglio 2010

Ciccio Ceruso (su Fb Ciccio Kaisercic), apprezzato coach di basket, è soprattutto una stimatissima “antologia vivente della musica” (ed è un termine assolutamente riduttivo).

Difficilissimo coglierlo impreparato su particolari anche solo apparentemente

Ciccio Ceruso
Ciccio Ceruso

insignificanti (di che colore era l’etichetta del tale disco dei Cream del 1968? capacissimo di risponderti chiedendo: versione originale inglese o per il mercato asiatico? E capacissimo di sciorinarti perfettamente le differenti versioni, il tutto a prova di qualunque verifica).

A me capitò, clamorosamente, di “beccarlo” clamorosamente in castagna circa un anno fa, al termine di una finale del torneo di Borgonovo, e per giunta mi capitò di fronte a suoi storici amici (Fassina, Vignati, ecc).

In un cazzeggio a chi ne sapeva di più risposi esattamente ad una sua domanda trabocchetto sui Wallace Collection (Sanremo 1971,“Il sorriso il paradiso”, in coppia con Sergio Menegale) e riuscii a ribattere, in punta di fioretto, cogliendolo in fallo…

Tornai a casa quasi imbarazzato (anche se con un pizzico di comprensibile compiacimento), per giorni e giorni fui “inseguito” dal ricordo dell’espressione, sgomenta, di Ciccio e da quella, divertita e stupita, degli altri amici, che per un po’ infierirono su Fb…

Ero convinto di essermi giocato l’unico bonus della serie “Cogli Ciccio in castagna” della mia vita terrena…

il giorno del suo compleanno, lo scorso 2 marzo, gli inviai, senza secondi fini, un messaggio d’auguri diverso dal solito…
Non potevo sapere che ne sarebbe nato un nuovo caso
sì, perché Ciccio, nel giorno del suo compleanno, cadde in errore, con me, per la seconda volta…..

Tutto ebbe inizio con questa sequenza di frasi , il 2 marzo, su Fb :

(io)
che canzone ti dedichi? AUGURI!
(Ciccio)
Some Velvet Morning…….
(io)
Vanilla Fudge…me li ricordo con il loro pezzo di chiusura alla Mostra della Canzone (o qualcosa del genere) di Venezia, in diretta tv…
(Ciccio)
Se non sbaglio secondo posto alle spalle di George Moustaki, comunque, incredibile, andarono in cima alla Hit Parade Italiana….
(io)
assolutamente sì, “lo Straniero” (Le meteque, con il testo italiano di Bruno Lauzi per Moustaki), anzi no, vinsero i Vanilla Fudge e vendette di più, almeno all’inizio Moustaki. Era se non ricordo male La Gondola d’oro o qualcosa del genere e l’anno poteva essere il ’68 o il ’69, ma direi il ’69. E c’era anche Johnny Halliday con Quanto t’amo, ma finì indietro in classifica (alla Gondola d’oro)
(Ciccio)
No, secondo me primo Moustaki, secondi i vanilla e terzo Hallyday, per il resto è tutto corretto….
(io, dopo una prima ricerca sul web)
Belin che memoria!!!!!!!!!
Festival di Musica Leggera di Venezia 1969. Classifica dei primi dieci:
1) Vanilla Fudge – Some Velvet Morning, punti 844
2) Nino Ferrer – Agata, punti 834
3) Georges Moustaki – Lo Straniero, punti 821
……….
10) Johnny Hallyday – Quanto Ti Amo, punti 690

Dischi più venduti al 18 ottobre (fu il punto più “alto” di Some Velvet Morning, poi scesa al terzo posto)
1. Lo straniero – Georges Moustaki – (Polydor)
2. Some velvet morning – Vanilla Fudge (Atlantic)
3. Quanto ti amo – Johnny Halliday (Philips)
………………
15. Agata – Nino Ferrer (Riviera)

(Ciccio)
Insisto…… io l’ho visto, e mi sono pure incazzato perchè a me Moustaki faceva schifo….
(io)
lo dice anche wikipedia…
http://it.wikipedia.org/wiki/Mostra_Internazionale_di_Musica_Leggera
mi spiace beccarti in castagna sui ricordi musicali nel giorno del tuo compleanno…sarà per un altro compleanno, dai…
(Ciccio)
ma wikipedia l’avrà scritto qualcuno che quel giorno non era nato, io mi fido di quello che ho visto……
(io)
rassegnati, anche il link hitparadeitalia dice la stessa cosa
http://www.hitparadeitalia.it/voli/articoli/ch691011.htm
se vedi i post precedenti, mi sono corretto in un attimo, dopo essere stato indotto dalla tua proverbiale competenza e memoria…
(Ciccio)
non mi arrenderò mai…..

La cosa sembrava finita lì, anche se ero assolutamente convinto di aver ragione…

ricordo perfettamente che quella sera del 1969 (televisore – un vecchio Telefunken – ancora in bianco e nero) la diretta da Venezia fu sospesa per trasmettere il telegiornale della notte, e solo dopo venne ripristinato il collegamento (o forse una differita) per far sentire la canzone prima classificata, che con mio stupore ed immenso piacere era proprio Some Velvet Morning, primo esempio (in Italia) di quella che veniva definita musica psichedelica.
Me ne andai a letto soddisfatto, canticchiando tra me e me quel motivo che mi appariva, allora, rivoluzionario…
Ma Ciccio era proprio irremovibile.

L’ho incontrato di recente e mi ha ribadito la sua convinzione: un errore di Wikipedia che trae in inganno tutti i siti che citano quell’edizione del Festival della Musica di Venezia e la canzone dei Vanilla Fudge.
Per dimostrare quanto avesse torto, sarebbe stato necessario trovare un’altra testimonianza, che non fosse legata alla citazione di Wikipedia….ma per un po’ non ci ho più pensato…

L’altra notte, dopo aver salutato coach Vignati (erano già passate le tre…) quasi un presentimento…
mi sono messo di nuovo alla ricerca… “stringhe” diverse, diversi motori di ricerca…
ed ecco, quasi per magia, una serie di “testimonianze”, sicuramente non legate o legabili a wikipedia, che attestano quanto nessuno avrebbe mai osato nemmeno pensare : Ciccio è caduto, per la seconda volta, di fronte allo stesso “avversario”….

questi i links:
http://www.laster.it/recensioni-dischi-storici/i-colosseum-e-la-valentine-suite-1969.html (pagina non più disponibile).
Non dimentichiamo di riferire ai più giovani che già nel 1966, un notevolissimo gruppo, i “Vanilla Fudge”(peraltro vincitori della “gondola d’oro” a Venezia nel 69′), iniziarono ad aprire nuove piste della musica Rock/Blues,eseguendo in maniera eccellente sperimentali cover dei Beatles e di altri musicisti famosi…
http://forums.myspace.com/t/4285450.aspx?fuseaction=forums.viewthread&PageIndex=5&SortOrder=0 (pagina non più disponibile).
Quell’anno vinsero il premio Gondola D’oro a Venezia con Some Velvet Morning brano di Hazlewood vagamente scopiazzato (nella versione Vanilla) da Stravinsky http://www.spaziorock.it/recensione.php?&id=749
Fu comunque un album dal successo notevole, oggi irrecuperabile sotto le macerie del tempo, ma allora di grande impatto e ispirazione per la scena rock, anche per quella più sonnolenta di casa nostra, in cui i Vanilla Fudge avranno un discreto successo coi singoli (arriveranno a vincere alla Mostra Internazionale di Musica Leggera di Venezia nel 1969)
Ed infine quest’ultimo, quasi inquietante per i riferimenti a quelli che sono anche i miei ricordi:
http://www.radioland.it/fermenti-musicali/da-non-perdere/1075-phaedra-ptah.html (pagina non più disponibile).
Ebbene un giorno di settembre nel 1969 alla RAI, in una delle solite trasmissioni di musica leggera, vidi questo gruppo che suona Some velvet morning con strumentazione inconsueta ed inadatta per i palchi italiani dei cantanti nostrani, abituati al playback!
Risultato: i Vanilla Fudge vincono la mostra di musica leggera di Venezia ed io me ne vado a letto canticchiando la melodia di quel brano che recitava “Phaedra is my name”!

Chissà se anche l’autore di questo post aveva un televisore, bianco e nero, marca Telefunken….

 

l’immagine della copertina del disco di vinile, in versione non italiana, attesta (bollino giallo oro) senza ombra di eventuali ulteriori dubbi : "Gondola de ouro V festival international da pop music de Veneza"
l’immagine della copertina del disco di vinile, in versione non italiana, attesta (bollino giallo oro) senza ombra di eventuali ulteriori dubbi: “Gondola de ouro V festival international da pop music de Veneza”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.