“Ciao Antonio, anche noi ti vogliamo bene”

“Ciao Antonio, anche noi ti vogliamo bene”

 

 

foto, racconti, aneddoti, un “frammento video”, una citazione in un articolo in lingua inglese, la foto sul Corriere della Sera…
questo, ed altro, nel ricordo di un caro Amico…

 

 

 

“Ciao ragazzi, vi voglio bene”
Antonio ci ha salutati così l’ultima volta in cui io e Susanna l’abbiamo sentito al telefono, alcune settimane fa.
Era ricoverato in ospedale, e pochi giorni più avanti le sue condizioni di salute iniziarono a peggiorare, in modo che si sarebbe poi rivelato irrimediabile.

Il compito che ci eravamo dati io e Susanna per quelle telefonate, d’accordo con suo figlio Yuri, era molto preciso; sapevamo che Antonio era seriamente preoccupato non solo per le sue condizioni ma anche per quelle di sua moglie Enza, che nello stesso periodo era stata ricoverata, e stare da solo in ospedale lo intristiva parecchio…
nostro compito: provare a dargli momenti di buonumore, di serenità…

ad ogni inizio di quelle conversazioni telefoniche, Antonio era comprensibilmente “giù di corda”….
però bastava portare l’argomento sui “cazzeggi” che ci accomunavano quando ci incontravamo al Pianacci per renderlo di nuovo allegro, soprattutto quando lo si stimolava sulle sue reazioni all’eventuale fascino (o alla procacità) delle giovani infermiere…

“Ciao ragazzi, vi voglio bene!”, ci aveva salutati così anche altre due volte, ed ogni volta quel saluto ci aveva lasciati letteralmente senza parole, commossi…

era proprio “lui”, il “burbero” Antonio…

fare il “toscanaccio burbero” (Antonio era originario di Arezzo) era una sorta di maschera che nascondeva un grande cuore, una grande disponibilità…
e gli riusciva bene, aiutato dal vocione e dall’aspetto, rinforzato da baffoni e folte sopracciglia, rimaste nere per molto tempo. anche quando i baffoni si erano già da un po’ inevitabilmente imbiancati…

Nel 2002, nell’esigenza data da una festa con i bambini, si era truccato da Babbo Natale…

2002, Antonio Pertichini “Babbo Natale”
(clicca per ingrandire)

 

il vestito era di pannolenci rosso, un colore a lui molto caro…
ma assolutamente improponibile con quei sopracciglioni neri che spuntavano in mezzo ad un volto mascherato con la tradizionale lunga barba bianca…

 

suo figlio Yuri, a quei tempi trentenne, mi chiese stupito come avessi fatto a convincerlo…
non c’era stata necessità di “convincerlo”…
aveva accettato immediatamente, non appena gli era stato proposto…
era per il “suo” quartiere, per i bambini del “suo” quartiere, e questo era più che sufficiente…

gli stessi bambini che spesso, con il suo vocione ed i modi burberi, richiamava spesso, efficacemente, a comportamenti che fossero rispettosi del luogo…

 

in un commento su Fb un ragazzino di quei tempi, ora padre di famiglia, ha ricordato quella volta in cui Antonio gli diede uno schiaffo perché al supermercato aveva risposto male alla signora Montevero…
“Devi rispettare, sempre, le persone che lavorano” fu il monito di Antonio, che questo ex ragazzo ricorda con affetto e gratitudine, un insegnamento del quale dice di aver fatto tesoro…

modalità “educative” che oggi farebbero alzare non poco le sopracciglia, ma, come si è visto, estremamente efficaci e testimonianza dell’attenzione di Antonio verso la sua comunità.

 

 

Un’attenzione che si è espressa attraverso l’impegno politico prima, con il PCI, poi con il suo instancabile impegno, finché le forze gliel’hanno consentito, per il Circolo Arci Pianacci e quel grande spazio, l’Area Pianacci, che dal 1997 ha rappresentato un luogo fondamentale per l’aggregazione e la crescita sociale del quartiere.

Antonio, che aveva lavorato anche per il servizio manutenzioni del Comune, sapeva fare di tutto…
la perfetta tipologia di “socio prezioso” che sta nei desideri di qualunque associazione di volontariato.

23 luglio 2013, Antonio Pertichini sventola la bandiera del Pianacci
(clicca per ingrandire)

Per molti anni i mille lavori necessari, dal taglio dell’erba alle piccole opere edili, lo hanno visto impegnato sia di persona che nel ruolo di supporto ai vari collaboratori.
E le cose potevano essere fatte in un solo modo, indiscutibilmente il suo…

In occasione di una festa con la parrocchia del quartiere lo vidi impegnato a montare un piccolo palco.
Lui, il “comunista”, stava lavorando per la parrocchia…
non riuscii a resistere…
“Belin Antonio, un tempo montavi i palchi per la Festa dell’Unità, ora lo fai per la parrocchia…”.

E lui, brontolando tra sé e sé: “Comunisti non ce ne sono più, al CEP son rimasto solo io…bisognerà pur fare qualcosa per qualcuno…”.

Nacque così il suo appellativo, “l’ultimo comunista del Cep”, che lui ribadì con orgoglio, qualche mese più avanti, nel novembre 2009, al giornalista venuto al PalaCep da poco inaugurato…
(il giornalista era Lorenzo Tosa, a quei tempi capo redattore della rivista “Blue” ed ora popolarissimo giornalista-blogger)

e fu così che l’appellativo di Antonio, “l’ultimo comunista del Cep”, fu sancit0 da una bella rivista patinata, nella quale il testo dell’articolo “Cep Pride”, l’orgoglio ceppista,  era riprodotto anche in lingua inglese…
e fu così che, addirittura, si vide definire come “the last communist in the CEP”…

 

Antonio Pertichini, the last communist in the Cep
(clicca per ingrandire)


un anno prima era stato immortalato
(foto nel tondo) anche dal Corriere della Sera (edizione nazionale ed edizione in lingua inglese!), protagonista con molti altri amici del Cep e soci dell’Arci Pianacci della fantastica “Operazione Tartaruga” (link), che diede scacco a Poste Italiane evitando la chiusura immotivata dell’ufficio postale al Cep…

 

(clicca per ingrandire)

 

il 5 luglio 2009, giorno dell’inaugurazione del PalaCep, eravamo impegnati con l’allestimento di sedie ed altro, e mi chiese come mai i rapper per salutarsi facessero “le corna”…

gli feci presente che non erano “le corna”, era un gesto “a tre dita”, e lo invitai a farlo con me…
non ricordo chi scattò quella foto che immortalò, simpaticamente, due improbabilissimi aspiranti rapper…

 

5 luglio 2009, io ed Antonio Pertichini, improbabili rappers…
(clicca per ingrandire)

e quanto orgoglio, quella sera…

nel luogo in cui, motivati dallo spirito di servizio che è carburante eccellente per chi sceglie di occuparsi della sua comunità, lui ed altri avevano profuso energie, impegno, per molto tempo nell’anonimato più totale quella sera c’erano tutti…

il Sindaco Vincenzi, il presidente della Regione Burlando, il prefetto Cancellieri, tanti assessori, e moltissimi ospiti di prestigio (Gino Paoli su tutti)…
e c’era anche lui, Don Andrea Gallo, un nuovo Amico che avrebbe poi accompagnato e sostenuto il Pianacci in diversi appuntamenti di grande prestigio…

 

5 luglio 2009, inaugurazione del PalaCep
io, Lucio ed Antonio con Don Gallo
(clicca per ingrandire)

erano tutti lì, nello stesso luogo in cui quotidianamente Antonio ed altri amici condividevano interminabili ed accese partite a carte ed altrettanto interminabili ed accese discussioni politiche…

e quello in cui si stringevano grandi amicizie…

 

io, Lucio Regnoli ed Antonio…che trio!
(clicca per ingrandire)
30 maggio 2010, Lucio Regnoli, Domenico Rubini ed Antonio Pertichini
(clicca per ingrandire)

 

il Pianacci era anche lo stesso luogo in cui Antonio aveva portato più volte a giocare il suo primo nipote, Simone, che spesso lo aveva accompagnato alle serate degli spettacoli estivi all’aperto, quelle che si concludevano con le sedie da impilare, accatastare sull’Ape Piaggio per riporle, con diversi “viaggi”, nel container a bordo pista…

non lo sapeva ancora, ma era lo stesso luogo in cui, qualche anno più avanti, avrebbe portato a giocare Luca, fratello minore di Simone, ed anche Tommaso, figlio di Yuri…

 

Festa della Repubblica, 2 giugno 2009 –
Antonio Pertichini con Nino Colina
(clicca per ingrandire)
16 luglio 2006, Antonio con il nipotino Simone alla prima edizione di “Cuscus E Pesto”
(clicca per ingrandire)

 

31 luglio 2015, Antonio dal balcone di casa osserva la “Ceppions League” con il nipote Luca
(clicca per ingrandire)

 

in occasione del Capodanno 2010 organizzammo un bellissimo evento al PalaCep, con l’orchestra di Dina Manfred ed il “mitico” Michele
sul palco, accanto a Michele, si poteva tagliare a fette l’emozione di Lucio ed Antonio…

PalaCep, Capodanno 2010 – io, Lucio ed Antonio sul palco con il mitico Michele
(clicca per ingrandire)

 

…ed Antonio non si fece sfuggire l’occasione per uno scatenatissimo twist con Susanna…

PalaCep, Capodanno 2010 – Antonio balla il twist con Susanna
(clicca per ingrandire)


ed a proposito di Ape Piaggio…

come non ricordare quella volta, l’11 giugno 2011, quando fece salire sul cassone una marea di ragazzini ai quali non pareva vero che fosse proprio lui, quel brontolone, a farli divertire in quel modo insolito…
gli stavano dando una mano (avevano caricato i tavolini sull’Ape per la festa di compleanno del Centro Zenit), si erano meritati “quel premio”…

 

11 giugno 2011, Antonio e l’Ape Piaggio
(clicca per ingrandire)

 

 

nel 2010, nel periodo in cui mi divertivo con i miei videocazzeggi musicali, accettò di prendere parte ad un video “anti gronda”, dal titolo “Brum Brum della gronda”…

pochi secondi, ma l’inizio è tutto suo e del nipotino Simone, sul tavolo da biliardo del Pianacci.
Antonio chiede a Simone quale rumore facciano i camion…

e Simone, prontissimo: “Brum Brum”…

 

 

il 18 luglio 2013, in occasione del primo evento organizzato per ricordare Don Gallo, scomparso da soli due mesi (“Don Gallo vivo e vegeto”) venne a farci visita Marco Doria, sindaco di Genova.
Antonio lo accompagnò con orgoglio a visitare il PalaCep, e mi chiese di scattare una foto ricordo..
la sua gioia è palpabile…

 

13 luglio 2013, Antonio con il Sindaco Marco Doria
(clicca per ingrandire)

Per Antonio Marco Doria non era “soltanto” il suo sindaco, e già questo sarebbe bastato…
era anche figlio di Giorgio Doria, che Antonio aveva conosciuto in passato…

era per tutti il “marchese rosso”, diseredato dalla nobile famiglia per essersi iscritto al PCI…
un mito!

 

e con i ricordi si potrebbe continuare all’infinito…

ieri, in occasione dell’ultimo saluto ad Antonio, ad officiare la S. Messa non c’era il parroco, Don Giorgio, che deve spalmare il suo impegno su tre parrocchie…
c’era Don Mauro, che non aveva avuto occasione di conoscerlo e mi ha proposto di ricordare Antonio ed il suo impegno dall’altare, dopo la lettura del Vangelo.

non potevo sottrarmi a questo compito, Antonio ha rappresentato una parte importante nella storia del Pianacci e nella mia storia personale…

curiosamente, sempre all’inizio di marzo, 21 anni fa, nel 2020, avevo dovuto affrontare lo stesso impegno, nell’ultimo saluto ad un altro Amico, mio personale e del Pianacci, Luigi Santoro…

ieri, lì per lì, non ero sicuro di farcela…
sono passati 21 anni da quel notevole “banco di prova”, e con l’età l’emotività si fa più sentire…
non avevo avuto l’opportunità di prepararmi mentalmente…occorreva improvvisare…

ho deciso di “dare sfogo” al racconto dei miei ricordi per immagini, come ho fatto qui…

avviandomi alla conclusione del racconto, ho voluto immaginato l’arrivo di Antonio lassù, dopo il nostro ultimo saluto…

un Paradiso come lo si vede nei film, luminosissimo, con grandi spazi verdi, dove si “vive” in armonia ed allegria…

beh, la scena che ho immaginato è questa…

Antonio arriva e, con il suo vocione che non ammette repliche:
”Dite al padrone di casa che è arrivato Antonio Pertichini, l’ultimo comunista del Cep”.

Di fronte a tale fermezza, l’angelo in portineria, preoccupato, non chiama un delegato, chiama direttamente il Padreterno, che si palesa immediatamente, in quell’affollatissimo ingresso…

“Buongiorno Antonio, ben arrivato…ho visto la tua scheda, tu hai fatto parecchie cose laggiù, soprattutto al Pianacci…”

“Eh…ho fatto il muratore, l’imbianchino, ho tagliato l’erba…come la taglio io non la taglia nessuno…non sono capace di stare con le mani in mano…

“Mi hanno detto che ti sei presentato come l’ultimo comunista del Cep”

“Certo, non ce n’è più, son rimasto solo io…”

“Beh, lo sai…il vecchio PCI si è frammentato in tanti pezzi…a proposito, volevo donarti una falce ed un martello, che immagino ti siano molto cari…
ma non riesco a trovare il martello…
però la falce è qui, visto che non ti piace stare con le mani in mano, non potresti dare un aiuto ai giardinieri che tagliano l’erba nell’Eden?
come vedi, qui ci sono spazi verdi infiniti…”

Ed Antonio, con il petto gonfio d’orgoglio, si gira verso gli altri e…
“Vedete, lo sa anche lui che taglio l’erba da Dio…”

Buon lavoro Antonio…
e te lo ripetiamo, come al termine di ogni telefonata…

anche noi ti vogliamo bene…

 

1 giugno 2016, Susanna con Antonio Pertichini
(clicca per ingrandire)

 

2 marzo 2021, l’articolo de “Il Secolo XIX”
(clicca per ingrandire)

 

2 marzo 2021
L’articolo di Marco Fagandini per ilsecoloxix.it

Storico socio del Consorzio Pianacci, aveva 77 anni.
Besana: «Metteva gli aneddoti divertenti davanti alla malattia»

ADDIO AD ANTONIO PERTICHINI.
“L’ULTIMO COMUNISTA RIMASTO AL CEP”

Genova – E’ morto Antonio Pertichini, 77 anni, storico socio del Consorzio Pianacci del Cep di Pra’.

«E’ stato da sempre presente nel nostro consiglio direttivo e per moltissimi anni, finché la salute lo ha sorretto, instancabile collaboratore, sempre pronto ad intervenire nelle diverse necessità di manutenzione», lo ricorda su Facebook Carlo Besana, presidente onorario e anima del Pianacci.

«Nel 2009, in occasione di un servizio dal titolo “Cep Pride” realizzato da una rivista, a una giornalista Antonio si era presentato come “l’ultimo comunista rimasto al Cep” – scrive Besana – Negli ultimi tempi ha avuto diversi problemi di salute. Ogni volta che ci siamo sentiti però, metteva alle spalle le preoccupazioni per lasciare il posto a divertenti aneddoti. Sembrava che stesse recuperando, invece poche ore fa ci ha lasciati. Avrebbe compiuto fra poco i 78 anni».

Besana, come i tanti soci e amici dell’associazione, lo ricordano proprio nel modo in cui è ritratto nella foto pubblicata sul social network: «Mi piace pensare che sia arrivato lassù sventolando la bandiera del Pianacci e con il suo modo burbero si sia presentato così: “Potete dire al padrone di casa che è arrivato Antonio Pertichini, l’ultimo comunista rimasto al Cep?”.

E giù una risata.
Ci mancherai Antonio, buon viaggio».

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.