Christine Cristina…ed il presunto machismo…

Christine Cristina…ed il presunto machismo…

26 luglio 2017

“Questa storia che Facebook è gratis a differenza dello psichiatra vi è chiaramente sfuggita di mano…” (Susy De Martini)

Ieri ho pubblicato sulla mia bacheca Facebook il post (riportato qui sotto), con l’intento di omaggiare Cristina Lodi, la più votata tra i 6 consiglieri comunali del PD (unica donna) e Pippo Rossetti, da molti considerato il vero regista del PD locale.

E’ occorso, incomprensibilmente, un mese per consentire che venisse riconosciuto a Cristina Lodi il dovuto, cioè il ruolo di capogruppo del PD in Consiglio Comunale, un esito raggiunto solo grazie all’astensione dei 3 consiglieri orlandiani (gli altri 3, Lodi compresa, sono in “quota” renziana).

Beh, per tutto il giorno, sulla mia bacheca e su altre, si sono susseguite critiche feroci, tutte basate sul presunto “machismo” del mio fotomontaggio, “reo” di presentare una donna (Cristina Lodi) immancabilmente con un uomo (Pippo Rossetti) alle sue spalle, quasi a voler significare che senza un uomo alle spalle una donna, da sola, non può farcela…

In realtà sono io che non posso farcela a sopportare queste espressioni di stantio vetero femminismo, oltretutto ingiustificato…

Ho provato a pubblicare una (benché non dovuta…) spiegazione, la posto qui sotto, a fondo pagina…
altri hanno provato a ricondurre la discussione sul binario più appropriato…
ma non c’è  stato nulla da fare…

concludo con l’ironico (e pertinente) commento postato, in chiusura di serata, da Susy De Martini
Questa storia che Facebook è gratis a differenza dello psichiatra vi è chiaramente sfuggita di mano…”

E se lo dice lei che è neurologa e psicologa…

Questo il post “incriminato”…

(clicca per ingrandire)

Un paio d’ore fa ho letto un post di Paolo de Totero sull’elezione (paradossalmente turbolenta benché sacrosanta e legittima) di Cristina Lodi a capogruppo PD in Consiglio Comunale…
e mi è venuta, quasi di getto, questa “ispirazione”…

Dem Movie presenta
Christine Cristina 
un film diretto da Pippo Rossetti 
con Alessandro Terrile, Mauro Avvenente, Stefano Bernini, Claudio Villa ed Alberto Pandolfo 
e con la straordinaria partecipazione di Cristina Lodi

 

…e questo il mio commento serale con “spiegazione…

Boh, io francamente resto basito.
Ho premesso (ed è scritto in italiano) che la presidenza a Cristina Lodi è assolutamente sacrosanta e legittima (semmai è paradossale che sia occorso un mese per riconoscerle un incarico “conquistato” a suon di preferenze).
Che per il PD ci siano in Consiglio Comunale 5 uomini ed 1 donna non l’ho inventato io, l’hanno deciso gli elettori.
E nella vignetta si evidenzia l’eclatante “performance” dell’unica donna, l’unica immagine dei 6 nella vignetta è proprio la sua
Il nome degli altri 5 non è in grassetto, come invece è il suo, come si fa con gli attori principali..
Il suo nome è in evidenza nel titolo (che non è frutto della mia fantasia, è il titolo di un film) .
Pippo Rossetti (più in piccolo e non ad immagine completa) è sullo sfondo non tanto di Cristina Lodi quanto dell’attuale PD genovese, tant’è che nella vignetta figura come “regista” .
Lo conosco da diverso tempo, ed alla luce delle ultime “regie” del PD genovese credo che possa a pieno titolo essere considerato ora (ed a mio modesto avviso lo è già) l’unico regista possibile, perché ha le qualità necessarie: competenza, personalità, abilità, ambizione. Tutti ingredienti necessari, e sono personalmente convinto che lui non sia stato estraneo alla soluzione dell’imbarazzante impasse in cui si erano messi i 6 consiglieri comunali.

Il maschilismo dov’è???

Infine: il film Christine Cristina non è notissimo ma secondo la critica cinematografica ha ben descritto la figura di Christine de Pizan “incarnazione di un protofemminismo che lotta per i propri figli e per un’arte sincera, popolare e, per questo, rivoluzionaria” (cit. mymovies).

Sipario.

aggiornamento del 28 luglio
dalla sua bacheca su Fb, l’amico Paolo De Totero, torna sulla querelle “Christine Cristina” e sulle polemiche che si sono scatenate…lo fa con un dettagliato articolo su “GenovaQuotidiana”, preceduto, su Fb, da questa “prefazione”…

Non potevo lasciare che il mio amico, fidato e ironico produttore di fotomontaggi Carlo Besana naufragasse fra i marosi della polemica per un bellissimo fotomontaggio prodotto sull’onda creativa di un mio precedente articolo.
Perciò ho inventato un nuovo acronimo ACTNS’N con tanto di hashtag #ACTNS’N che inseriro’ da oggi al termine di ogni mio articolo. Grazie, nel bene e nel male ai miei ispiratori con i loro post, amici facebook e non. Grazie a Carlo Besana, a Cristina Lodi, a Pippo Rossetti, a Felice Airoldi, a Roberta Trucco, a Giorgio Scarfi’, a Antonella Di Benedetto, a Rossana Bocci, a Barbara Barattani, a Francesca Morini, a Paolo Insogna, a Roberta Morgano, a Simone Regazzoni, a Manuela Arata, a Allida Predonzani, a Teresa Scarlassa e a Isabella Susy De Martini. Grazie e complimenti al mio collega e gastronomo Marco Benvenuto all’avvocato Antonio Oppicelli e a Valentina Canepa, autori di un botta e risposta in dialetto da commedia dell’arte che non ho potuto fare meno di riportare integralmente. Armatevi di pazienza. E ACTNS’N, acronimo di A Chi Tocca Nun Se ‘Ngrugna.

(link all’articolo)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *