Ceppions League, quando il calcio è finalmente un gioco

Ceppions League, quando il calcio è finalmente un gioco

 

29 luglio 2014

Da diversi anni la Ceppions League (in buona sostanza la Champions League del Cep) rappresenta, per i ragazzi del quartiere (dai 6 ai 18 anni) un appuntamento imperdibile. Nel tempo è diventato un appuntamento speciale anche per le famiglie, l’occasione per familiarizzare, stare insieme agli altri genitori, preparare insieme la “serata della finale”… il calcio è un gioco e così. “per gioco”, si possono superare più facilmente anche le diffidenze…

Link all’articolo

(Erica Manna, per “Repubblica Genova”)
CEPPIONS LEAGUE, QUANDO IL CALCIO E’ FINALMENTE UN GIOCO

Due settimane di partite non stop tra rappresentative multietniche.
E si fa festa con braciole e couscous

 
I Martiri del Turchino sfidano via Novella, quelli di via Due dicembre 1944 si battono con via Salvemini, via Calamandrei gioca contro via Pietraligure.
Le squadre hanno i nomi della Resistenza, sono piccoli tasselli di storia lontana ma anche vicinissima.
Perché sono le strade del quartiere: il proprio.

Non è solo calcio e non è solo un gioco, anche se il volantino sottolinea “Insieme per giocare!”: la partita, qui al Cep, è molto seria.
Ci sono cento bambini, molti dei quali figli di immigrati dal Marocco, dall’Ecuador, dalla Tunisia.
Ci sono i loro genitori, che fanno da arbitri. E due settimane di partite non stop, con braciolata (o cous cous) finale.
Inizia oggi la “Ceppions League”, il torneo di “Calcio per gioco” al Cep, edizione numero 14, organizzata dal Consorzio Pianacci con il vicepresidente Gianni De Gregorio.

Saranno due settimane di sport e di socialità, tutti i giorni dalle 19 alle 22, nel campetto a cinque nell’Area Pianacci.
Possono giocare i ragazzini dai 5 ai 18 anni, divisi in leve – racconta Gigi Pisano, allenatore dei bambini del 2002-2003 e segretario dell’Atletico Cep, che vive nel quartiere da trentacinque anni – abbiamo creato quattro gironi, e i ragazzi continuano a iscriversi, tanto che abbiamo deciso che potranno unirsi man mano. Anche perché lo scopo del torneo non è premiare i più forti, ma far giocare tutti: i bambini che non sono andati in ferie”.

Così, sul campetto del quartiere, si passeranno la palla maschi e femmine – le squadre sono miste -, italiani e immigrati di seconda generazione.
E poi si siederanno a tavola. Due settimane fa, il quartiere ha festeggiato la sua “sagra”: Cous cous e pesto.
Questa volta, con tutta probabilità, si replica: saranno i genitori a preparare i loro piatti, e a cenare tutti insieme: senza spendere un euro.
Per accorciare un po’ le giornate che qui, con i servizi per l’infanzia quasi tutti sospesi, nei cortili arsi dall’afa di agosto sono ancora più lunghe.
Però, almeno, si farà sport. Sentendosi un po’ in ferie.
Quest’anno – racconta Gigi Pisano – abbiamo fondato Atletico Cep: una scuola calcio, settore giovanile. Abbiamo trovato degli sponsor, anche perché non tutti possono pagare l’iscrizione, ma per noi sono tutti uguali. Ora abbiamo una cinquantina di ragazzini, che vanno dalla classe 2000 a quella 2005”.
Accanto al campetto, da una decina di giorni hanno sistemato una piscina prefabbricata, a disposizione dell’intero quartiere.
Per farsi un tuffo, tra un goal e l’altro. Che si vinca o che si perda: d’altronde, non è da questi particolari che si giudica un giocatore.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.