Cep, la garbata “protesta” dell’amica Enza Pertichini

Cep, la garbata “protesta” dell’amica Enza Pertichini

Ci fosse ancora Antonio, suo marito, toscano “purosangue” (e storico socio e collaboratore, al Cep, del Circolo ARCI Pianacci), probabilmente sarebbe stato meno diplomatico

La dolcissima Enza invece sa essere precisa e determinata nella sua “protesta” senza cedere di un millimetro al garbo che da sempre la contraddistingue.

L’altra settimana il Sindaco Marco Bucci è venuto a farci visita al Pianacci.

Enza ha atteso per un po’, avrebbe voluto esporgli di persona la situazione che la angustia da una decina d’anni, ma alcuni impegni inderogabili non le hanno consentito di rimanere lì fino al suo arrivo.

Ha quindi affidato il suo breve racconto a questa registrazione video.

Avrebbe voluto fargli sapere che nell’appartamento di edilizia popolare in cui ha condiviso la sua bella storia con Antonio ed i loro figli, ha dovuto fare i conti con una sempre più diffusa umidità, particolarmente sofferta nel periodo in cui il marito ha dovuto fare i conti con gravi problemi di salute.

In questi dieci anni ci sono stati diversi sopralluoghi ed altrettante rassicurazioni da parte dei tecnici di ARTE e di importanti rappresentanti istituzionali regionali.

“Stia tranquilla signora che non la lasceremo sola…” le avevano detto…

Nel frattempo più sola lo è diventata anche per la perdita, circa un anno fa, del suo (e nostro) caro Antonio…

e chi l’aveva così tranquillizzata non ha più dato seguito, con i fatti, alle rassicuranti parole…

ed il garbo della “protesta” di Enza, che è da sempre in regola con gli uffici amministrativi di ARTE, è un ulteriore schiaffo morale verso chi, funzionario amministrativo o rappresentante delle istituzioni, preferisce affidarsi a diplomatiche menzogne…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.