Al Cep neppure un negozio, l’isolamento è un’avventura

Al Cep neppure un negozio, l’isolamento è un’avventura

 

per gli abitanti del Cep la possibilità di sbrigare le faccende quotidiane a pochi passi da casa è un miraggio 

 

L’articolo di Massimiliano Salvo
per Repubblica Genova
25 marzo 2020

Un medico in via II dicembre, in cima al quartiere.
Una farmacia, un panificio e un ufficio postale, poco lontani.
Il tabacchino non c’è più, da un anno.
Il supermercato neppure: l’unico rimasto, a quasi tre chilometri di distanza, è scomodo per tanti.

E infatti per gli abitanti del Cep la possibilità di sbrigare le faccende quotidiane a pochi passi da casa è un miraggio.

«Per sopravvivere bisogna prendere il bus e scendere a Voltri», spiega Niccolò Catania, dal 1978 nel quartiere popolare sulle alture del ponente di Genova.
«Io per fortuna ho un amico che va al supermercato per me ogni cinque giorni, così mi arrangio mettendo il pane nel congelatore e bevendo solo latte a lunga conservazione. Ma per tanti altri anziani senza figli non è così: sono obbligati a uscire per comprarsi da mangiare».

In una Genova che fai conti con le misure imposte dal governo per limitare l’epidemia di coronavirus, il Cep di Pra’ si scontra con sua la storica mancanza di servizi pubblici e privati: il problema riguarda più di seimila persone, pari alla somma di Campoligure e Masone.

E così mentre nel resto della città fare la spesa in un negozio è la scusa per prendere una boccata d’aria, al Cep spostarsi diversi chilometri per fare compere o una visita medica diventa un obbligo.

L’unico studio rimasto è quello della dottoressa Alba Gaggero in via II dicembre, dove le code sono assicurate vista l’apertura cinque mezze giornate a settimane per un totale di 16 ore.
«Ovviamente molti pazienti hanno il proprio medico a Pra’ o Voltri, non c’è altra soluzione», spiega la dottoressa.
«Qui stringiamo i denti e andiamo avanti, purtroppo con dispositivi di protezione non adeguati come accade a tanti altri medici. Ma la cosa ancora più grave è che in un quartiere così grande non ci sia nemmeno un pediatra».

L’ultimo se n’è andato nell’autunno del 2018 e non è mai stato rimpiazzato, proprio come capitato al secondo medico della mutua che lo scorso febbraio si è trasferito ad Arenzano senza essere sostituito.

Un discorso simile fermo restando che in questo caso si tratta di un’attività privata vale anche per il supermercato della Ekom in via II dicembre, che ha chiuso da un anno e mezzo: da allora gli abitanti della zona sono costretti a spostarsi a Voltri, considerato che per raggiungere l’altro supermercato del Cep, la Lidl di via Montanella, bisogna prendere due corriere.

A dare un po’ di sollievo agli abitanti c’è la Pubblica assistenza di via Martiri del Turchino, Ponente Soccorso, che insieme alla Croce Rossa di Voltri fa consegne di cibo e farmaci in base alle richieste inoltrate al numero verde 0105574262 e al numero verde 800098725.
«Ma probabilmente in molti non sono ancora a conoscenza di questo servizio gestito dalla protezione civile e rivolto agli over 65», spiega il presidente di Ponente Soccorso, Andrea Maganuco.
«Negli ultimi sei giorni, per esempio, abbiamo consegnato cibo e farmaci ad appena una decina di persone del quartiere».

Di questa possibilità non sapeva nulla il signor Niccolò Catania, che ha 86 anni e in questi giorni di tosse ha mandato la moglie ottantenne nella farmacia di via II dicembre.

Il negozio che fu di Carlo Besana, oggi presidente onorario del circolo Pianacci, continua a essere un punto di riferimento per il quartiere: a gestirla da tre mesi c’è è il dottor Lino Bottaro, titolare della farmacia omonima di via Barabino alla Foce.
Ed è proprio ispirandosi a un progetto che sta mettendo in piedi con altri farmacisti del centro e di Albaro, punta a portare i farmaci a domicilio nel quartiere del Cep.
«Ovviamente gratis, senza alcun rincaro per il paziente», spiega.
«L’ideale sarebbe il coinvolgimento da parte dei militi delle pubbliche assistenze».

 

(clicca per ingrandire)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.