C’è sempre una “prima volta”…anche per Nicola…

C’è sempre una “prima volta”…anche per Nicola…

un paio di brani in pubblico, per la prima volta, come si fa alle feste tra amici…
solo che gli amici, in questo caso, non sono i compagni di classe alla festa di fine anno ma musicisti che nella loro carriera hanno condiviso il palco con veri e propri “mostri sacri” della musica…

Non avevo mai cenato alla “Vecchia Dogana” di Rossiglione e non avevo mai assistito ad un concerto del trio Culotta-Vandresi-Bianchi…

Ieri sera ho colmato entrambe le lacune, e devo dire che è stata un’accoppiata fantastica…

La “Vecchia Dogana” è un ristorante che si trova a Rossiglione, in via Mazzini, e basta dare un’occhiata alla lista dei vini per capire che c’è molta attenzione per il cliente, al quale viene proposto solo l’imbarazzo della scelta tra molte ottime opzioni…

e quando, passando ai primi piatti, avete scelto, giusto per fare un esempio, i “ravioli al tuccu”, li state già assaporando (squisiti!) ed al vostro vicino di tavolo vengono portati, fumanti, gli “spaghettoni al tonno di Trapani”, o il tagliere di formaggi e salumi ordinati dal cliente che vi sta di fronte…

beh, sarete assaliti dalla sindrome nota come “ilpiattosceltodalvicinomisacheèaddiritturamegliodelmio”, che porta come effetto collaterale la voglia di ricominciare da quel primo o da quegli antipasti…

salvo poi ritrovarsi nella stessa situazione con i secondi piatti di carne e con i dolci…

il tutto condito dalla cortesia del personale e dei titolari del locale che, nella buona stagione, può accogliere i clienti in un piccolo, delizioso, verdissimo giardino…

proprio ai margini di questo giardino, in un rialzo cui si può accedere da scalette laterali, è stata installata la strumentazione (luci, amplificazione, chitarre, tastiera, batteria) che ha consentito ai bravissimi Mauro Culotta, Alfredo Vandresi ed Enrico Bianchi di deliziare i presenti con una struggente, piacevole cavalcata tra grandi successi internazionali che hanno fatto da colonna sonora alla vita di chi, come me, ha già da un po’ superato i vent’anni…

quelle canzoni che già dai primi accordi fanno scattare i microchips della memoria e mettono in azione, immediatamente, testi (magari in inglese approssimativo) e melodie sussurrate, quasi a voler fare compagnia agli artisti…

e se, in un momento di imperdonabile amnesia, ci si azzarda a chiedere “Chi la cantava questa?”, prima ancora di terminare la frase ci pensano i commensali ad apparecchiare la risposta, con lo sguardo che ti fa sentire, in un nanosecondo, una vecchia cariatide in astinenza da fosforo…

Mauro Culotta (chitarrista “storico” dei “Gens”), Enrico Bianchi (tastierista e voce solista dello stesso gruppo dagli anni ’90) ed Alfredo Vandresi, batterista che ha accompagnato Alberto Radius prima di entrare a far parte, dal 2012, dei ”Delirium”, li ho sentiti suonare un sacco di volte, mai però in questa formazione, un trio veramente ben assortito, ottimi musicisti di assoluto livello che si divertono, provano il “piacere di suonare” e sanno trasmettere a chi li ascolta la loro contagiosa allegria…

Mauro Culotta
(clicca per ingrandire)
Enrico Bianchi
(clicca per ingrandire)
Alfredo Vandresi
(clicca per ingrandire)

e nonostante una lunga carriera, costellata da grandi soddisfazioni, “non se la tirano” neanche un po’…

un’apprezzabile umiltà che li porta a chiamare sul palco l’amico Nicola per fargli provare l’emozione, e l’ebbrezza, di suonare (e cantare) un paio di brani in pubblico, per la prima volta, come si fa alle feste tra amici…

solo che gli amici, in questo caso, non sono i compagni di classe alla festa di fine anno ma musicisti che nella loro carriera hanno condiviso il palco con veri e propri “mostri sacri” della musica…

o che, come Mauro Culotta, hanno “firmato” (e firmano ancora) la musica di brani che vengono incisi da Mina…

e l’emozione (e la gratitudine) di Nicola erano più che palpabili…

Nicola Sansalone e Mauro Culotta
(clicca per ingrandire)

negli occhi aveva la stessa luce che attraversa gli occhi di un bambino quando lo si porta per la prima volta al luna park o in una sala giochi…

è stato bravissimo, calorosamente e spontaneamente applaudito dai presenti, e ricorderà a lungo questa serata cristallizzando, comprensibilmente, solo la grande emozione che gli è stata regalata…

beh, sarà bene che prima o poi torni lì, alla “Vecchia Dogana”, ma in una serata senza amici musicisti…

eh sì, perché anche i “ravioli al tuccu” o gli “spaghettoni al tonno di Trapani” meritano di essere annoverati, senza altre “distrazioni”, tra le cose piacevoli da ricordare…

Galleria fotografica

Ieri sera io e Susanna, come spesso ci capita in queste occasioni, abbiamo girato diversi video, ma credo sia giusto riservare questo spazio alle due performances di Nicola Sansalone

Nicola Sansalone
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.