Cara Beatrice D’Oria…

Cara Beatrice D’Oria…

 

16 giugno 2014

 

(clicca per ingrandire)

(Beatrice D’Oria, per “Il Secolo XIX”)

C’è poi chi pare arrivato lì per caso, non me ne abbia a male, come il caro Carlo Besana, in braghette della tuta e polo, come a bordo del campo da basket

Rubrica “Sfashion“, “sbottonarsi fa bene”…
un pezzo, come sempre, più che brillante, e non potrebbe essere altrimenti; spassoso…senza sorpresa, mi avevi già citato, ieri, i tuoi appunti…
ho provato a commentarlo (per evidenziare l’imprecisione) ma non so per quale strano motivo pur inserendo mail e password non riesca ad accedere alla sezione commenti…
Probabilmente però lì non riuscirei a postare la foto che testimonia quale sia, ahimè, ormai, il cliché a bordo campo da basket, ben lontano ormai dal mio abbigliamento di ieri e che inevitabilmente mi costringerà, prima o poi, a riguadagnare gli spalti, più consoni al mio abituale cliché….

a proposito, non ero in “braghette da tuta, erano un paio di decorosi (e freschi d’armadio) pantaloni blu in cotone, e la polo, peraltro bianca, era “nobilitata” dalla piccola bandiera cubana sul petto….
vabbè, prometto che alla prossima occasione mi adeguo con giacca e camicia, magari anche cravatta (nel solco della grande tradizione serica comasca…)…
però prometti anche tu di “aggiornare” i tuoi stereotipi sportivi…
ormai, il bordo campo da basket, è quello nella foto…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.