“Capodannus interruptus”, di Enrico Testino

“Capodannus interruptus”, di Enrico Testino

 

 

il saluto all’anno che se ne va ed il benvenuto al nuovo anno viene tradizionalmente accompagnato da eventi più o meno scoppiettanti…
per il mio blogghiario ho scelto lo “scoppiettante” racconto dell’amico Enrico Testino…
una vera “chicca”…
Buon Capodanno!!! (soprattutto “quello delle 3”!)

 

Quest’anno il capodanno non sarà a mezzanotte.

Inutile raccontare le condizioni per il quale quest’anno il capodanno, per la quasi totalità del mondo, sarà…speciale, per dirla in modo neutro.

Una gran rottura di coglioni per dirla in modo che si capisca che ci capiamo reciprocamente.

Sia come sia sta’ di fatto che la serata si svolgerà in modo radicalmente diverso, unico, e adatto ai tempi e condizioni che stiamo vivendo.

Ad esempio in Italia ci saranno milioni di serate, fatte in 2, in 3, in 4…

in cui si vivrà una, pur vera, condivisione e un piacere con però, nascosto dietro il sorriso, l’amarezza per una festa, laica e condivisa di un allegro rilancio annuale, che non si può mettere in atto.

La solita festa, un po’ catartica, un po’ troppo chiassosa ma divertentissima che è, di solito, la festa planetaria di inizio del nuovo giro intorno al sole.

E così la sera scorrerà.

La maggior parte di noi tutti arriverà al brindisi di fine anno.

Poi due collegamenti online per auguri appassionati e distanti, un po’ di televisione.

Ci si trascinerà ancora un po’.
E poi, diciamo verso l’una, le due, le tre, a dir tanto, si andrà a letto.

E allora, ragazzi, è lì che inizierà la vera festa.

La macerazione annuale dei coglioni, fermentati come il vino lasciato nelle botti dopo la vendemmia, unita a questa ultima umiliazione del capodanno trattenuto, mischiata, in maniera individuale, con un pizzico delle varie frustrazioni personali darà, perché non può essere che per molti non lo dia, il frutto meritato.

E allora sogni di tutti i tipi, feste brasiliane anche nelle teste dei finlandesi, tagliatelle di 2 km nel romanese, pizze di 100 metri di diametro in molti sogni transazionali consegnate collettivamente da gruppi di 100 bikers però ben pagati.

E ancora baci e piaceri vari interrazziali, interclassisti, transdiversali (cit.), danze e feste berlinesi però nei nostri condomini e ogni sorta di compensazione che il nostro inconscio riterrà di elargirci.

Vorrei proprio poter essere l’ospite, nascosto e viaggiatore tra questi miliardi di capodanni compensativi collettivi che attraverseranno il mondo come una Ola di immaginifiche visioni.
Una Ola che seguirà l’onda del fuso orario.

E allora, lì che non c’è limite, tra gli ospiti delle feste sognanti anche i parenti che non ci son più, di giorno, magari anche quelli che il covid ha portato via e poi, bando alla nostalgia, anche la compagna (o il compagno, perché nei sogni c’è la parità di genere, se voluta) di classe che volevamo farci alle superiori che, giustamente compensando la nostra noia maturata, si concederà a noi, e pure nel miglior modo possibile, quello che, da svegli, non osavamo neanche immaginare.

Il capodannus interruptus, sfocerà in un orgasmo emotivo notturno con sogni che, come mille fuochi d’artificio, riempiranno l’immaginario collettivo, condiviso o no che sia.

Quest’anno è l’anno migliore per far una notte, tutti e sette miliardi, di sogni che non scorderemo più.

Abbiamo il carburante, la rabbia di volerci divertire e la frustrazione alla temperatura giusta per farlo.
Diamoci dentro. Sarà irripetibile.

Documenti fatti in pochi minuti, una droga che, finalmente abbia i pregi della droga senza i danni alla salute, frittate con olio che però non fa male, città senza macchine parcheggiate, chiacchierate con i parenti in cui però ci si capisce, qualche calcio in culo, gare di macchine, tuffi, salti mortali, viaggi su marte e qualunque cosa ci vada a genio, o meglio vada a genio alla cabina di comando dei sogni, darci.

Sarà una notte incredibile.

E domattina, tutti quelli che avranno avuto l’onore e la fortuna di partecipare a questo capodanno, per la metà sorrideranno divertiti e, forse, un po’ imbarazzati dai bagordi della notte, e l’altra metà, quella che di solito non si ricorda i sogni ma ne porta dietro le emozioni, sorriderà, più serena, senza sapere perché.

Saranno i più fortunati, non avranno neanche l’imbarazzo di ricordare i desideri che avranno realizzato la notte.

E allora i miei auguri di Buon Anno! Rimangono gli stessi, ma quelli di Buon Capodanno variano.

C’è un “Buon Capodanno!” dato come al solito e poi, una strizzatina d’occhio, con un sussurrato, “Soprattutto quello delle 3!”

E ricordatevi che nei sogni, è una regola, si può anche volare.
Tanto è gratis ed è tutto vantaggio.
Magari per brindare con il moscato sopra di tutti distribuendo bollicine come una pioggia beneaugurante o per pisciargli in testa, così, per birichinaggine e soddisfazione!

Quindi, amici, Buon Capodanno (soprattutto quello delle 3) a tutti voi!!!

(Enrico Testino)

 

io ed Enrico Testino
(clicca per ingrandire)

 

 

 

al centro un’immagine dal film “Miracolo a Milano”
(clicca per ingrandire)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.