Cabras, San Salvatore e…Quentin Tarantino, Kill Bill…

Cabras, San Salvatore e…Quentin Tarantino, Kill Bill…

 

 

San Salvatore Sinis (Cabras), la “Corsa degli Scalzi” ed il curioso legame con il grande regista Quentin Tarantino e con uno dei suoi “gioielli”, il film “Kill Bill”…

 

Galleria fotografica completa – link –

 

 

(clicca per ingrandire)

 

Quando si percorre la strada che da Cabras porta verso le meravigliose spiagge di Is Arutas e Mari Ermi, sulla destra, dopo aver imboccato la Strada Provinciale 6, non si può fare a meno di notare, nel mezzo di una zona disabitata, un piccolo gruppo di case che già al primo sguardo danno l’idea di un luogo sospeso nel tempo…

 

San Salvatore di Sinis dalla SP7
(clicca per ingrandire)

Si tratta di San Salvatore di Sinis, una frazione di Cabras, che deve il nome all’omonima chiesa, che si trova più o meno al centro di questo piccolo borgo.

La chiesa, dedicata a San Salvatore, è stata costruita sopra un antico tempio pagano di origine nuragica, dedicato poi nel periodo romanico a Marte e Venere, e nel quale fin dall’antichità veniva praticato in diverse forme il culto delle acque sorgive.

 

La Chiesa di San Salvatore
(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)

E’ il luogo reso famoso dalla “corsa degli scalzi”, che dà il via, nel primo weekend di settembre, ai festeggiamenti per il patrono.
Il sabato mattina una singolare processione di centinaia di fedeli (di corsa, a piedi nudi) trasporta da Cabras a San Salvatore (9 km) il simulacro del santo, che resterà nella chiesa fino alla sera successiva per essere riportato, con le stesse modalità, nella Chiesa di Santa Maria di Cabras.

(questo spettacolare video di Nicola Carrus riassume in due minuti tutta la grandiosità di questa tradizione)

 

 

 

Uno spettacolo che richiama moltissimi turisti, ed io e Susanna ce lo siamo persi perché la nostra vacanza è iniziata proprio la settimana successiva…

Quello che invece è forse meno noto è il ruolo, fondamentale, che San Salvatore ha avuto per il grande regista Quentin Tarantino e per uno dei suoi “gioielli”, il film “Kill Bill”.

Ma andiamo con ordine…

Negli anni ’60 il mondo del cinema fu caratterizzato dal fenomeno dei cosiddetti “spaghetti western”; Sergio Leone, uno dei maestri del genere, ne girò alcuni in Spagna, ad Almeria, una location adatta a riproporre le atmosfere messicane in cui erano ambientati i suoi film, con notevole riduzione di costi rispetto all’ambientazione nel vero Messico.
A qualcuno venne in mente di proporre anche questo minuscolo borgo, che pure richiamava le atmosfere messicane ed era ancor più a portata di mano della Spagna di Almeria.

(clicca per ingrandire)

Fu così che qui, dopo una mano di calce bianca e l’allestimento di un finto pozzo al centro della piazza, venne girato “Giarrettiera Colt”, protagonista Nicoletta Machiavelli.
Un film interamente girato a “San Salvador” e nei dintorni di Cabras, spingendosi fino a Piscinas per alcune scene tra le dune.

“Giarrettiera Colt” non ebbe un grande successo; nel 1969 San Salvatore fu comunque scelta per girare “Dio perdona, la mia pistola no” ma a metà film per alcuni problemi economici, la produzione interruppe le riprese che furono completate a Cinecittà.

 

 

 

Eh già, per sfortuna di San Salvatore, l’esplosione di questo genere cinematografico aveva già indotto i produttori ad allestire scenografie ad hoc a Cinecittà, con notevoli risparmi di costi, ed il business cinematografico sognato svanì prima ancora di concretizzarsi…

qui fu girato qualche documentario, uno sceneggiato ed il borgo è poi vissuto grazie all’intraprendenza di “Ramon” (Salvatore Secchi) il barista del “saloon”.

Nel 1991 un incendio doloso distrusse tutti i beni di “Ramon”, comprese molte testimonianze di quel breve periodo d’oro e San Salvatore divenne quello che è ora, un piccolo borgo in cui il tempo pare si sia fermato e che torna a vivere, ogni anno, nel primo weekend di settembre.

(clicca per ingrandire)

Bene, ora qualcuno si chiederà; “Quentin Tarantino e Kill Bill che c’entrano”???

C’entrano, c’entrano…

Per sua ammissione, Quentin Tarantino, da giovane, si appassiona a diversi generi del cinema italiano, dalla commedia agli spaghetti western.
Ne vede tantissimi, anche quelli per noi insignificanti.

Tra questi anche “Giarrettiera Colt”, snobbato alla sua uscita nel 1969 e considerato da Quentin Tarantino uno dei capolavori in assoluto di questo particolare genere, tanto da riservargli un prestigioso omaggio.

Quando gira Kill Bill affida la parte principale ad Uma Thurman; nella prima versione della sceneggiatura Black Mamba (cioè la Thurman) scappa e cambia il suo nome in Nicoletta Macchiavelli, proprio il nome dell’attrice principale protagonista in “Giarrettiera Colt”, cambiandolo poi in Arlene Machiavelli nella versione definitiva.

A San Salvatore ci siamo fermati in una tarda mattina caldissima, ben oltre i 30°, con il sole a picco su di noi.
Totalmente deserta…
sembrava proprio di essere piombati nel mezzo di una scena western…

 

San Salvatore Sinis
(clicca per ingrandire)

 

San Salvatore Sinis
(clicca per ingrandire)

ad un certo punto si sentono dei passi…

il buono, il brutto ed il cattivo?

no, solo due turisti ed un gatto alla ricerca di un po’ d’ombra…

abbiamo scattato un sacco di foto, che comunque non rendono appieno l’atmosfera da vecchio West…

tranne una bellissima foto, scattata da Susanna con una notevole intuizione…

l’albero, la corda che richiama la forma di un cappio, la piazza polverosa deserta…

il duello fotografico, la sfida all’OK Cabras, l’ha vinta lei…

 

San Salvatore Sinis  –  foto di Susanna Giorato –
(clicca per ingrandire)

 

 

il trailer di “Giarrettiera Colt”

 

 

 

Galleria fotografica completa – link –

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.